Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi celebri di Franco Paolucci

45 anni di attività edilizia, nato lunedì 8 ottobre 1928 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Il fenomeno della Vita potrebbe essere un Tentativo Cosmico: conferire un Senso Proprio al roteare eterno e meccanico delle Stelle. Proprietà eccelsa della Vita è l'Immaginazione mediante la quale la Materia cosmica finisce per metamorfizzare Se stessa. L'Immaginazione è probabilmente un procedimento complesso e sofisticato della materia grigia celebrale. Una sorta di preselezione ampia e finalizzata nella gamma infinita delle interconnessioni celebrali possibili. Un prodotto immateriale che presenta possibilità di "Ordinamento" in seno al caos cosmico. Il prodotto più elevato del Pensiero. L'Immaginazione precede l'elaborazione di ogni invenzione. L'Invenzione presenta caratteristiche ampie: sia a favore della Vita, sia letali. Giunto a comprendere se stesso, l'essere vivente tende a selezionare la propria immaginazione e le conseguenti invenzioni. Prova a separare quanto sembra utile alla Vita da quanto appare dannoso. A questo punto inventa o concepisce o scopre Dio ponendolo fuori di sé, come simbolo di perfezione, come proprio obiettivo da raggiungere. Così si pone in marcia ben sapendo che non saprà mai dove arriverà.
Franco Paolucci
Composta sabato 9 marzo 2013
Vota la frase: Commenta
    L'uomo immagina qualcosa al di là di ogni barriera. Piuttosto che il vuoto, l'inutile, l'inesistente, l'atemporale, sentendosi vivo e pensante, immagina Dio. Confrontandosi poi con l'immaginato, vedendosi nudo e sprovvisto, cerca di realizzarlo e attiva in sé una marcia che non avrà mai fine. Così, l'immaginato, per il tramite della potenza della fede, realizza, strada facendo, se stesso.
    Franco Paolucci
    Composta mercoledì 6 marzo 2013
    Vota la frase: Commenta
      Non posso essere solo quel che sono: stimolo palpitante destinato a mirare senz'occhi e senza luce la torturante cruda cecità. Non bastano i tramonti, il cielo, il mare a ridarmi la vita, a darmi senso, a lenire il mio amore sotterrato sotto strati di rabbia e di dolore. Ho bisogno di guida e, senza Dio, nel baratro che attende, come un bimbo, lo traggo dal profondo e me lo invento.
      Franco Paolucci
      Composta giovedì 17 gennaio 2013
      Vota la frase: Commenta