Questo sito contribuisce alla audience di
C'è un estremo bisogno di pensieri semplici, fatti di poche parole. Ti voglio bene. Grazie. Ho sbagliato. Scusa. Mi manchi. Arrivo.

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    1
    postato da , il
    RICORDI
    Oggi che ancora nun me do pe’ vinto,
    sempre più spesso ritorno cor penziero,
    de quanno che abbitavo a Tor de Quinto
    Che a riccontallo  manco pare vero
    Che tra du draghe, fornace e tirassegno,
    che pe’ gioccacce ereno er nostro regno,
    e l’arberata dei platani  der viale
    era la nostra giungla tropicale,
    e pure essendo allor povera ggente,
    ricchi erevamo avenno poco e gnente,
    ma ci avevamo la nostra gioventù,
    un capitale che nun torna più.
    E ci avevamo la canzone nostra,
    che cantavamo co ‘na faccia tosta
    “Corete, scappate chiudete le finestre
    che ariveno i spaccateste
    che ariveno i spaccateste
    de Tor de Quinto,
    de Tor de Quinto…!
    Si sembra, poco è mo che viene er bello
    che ci avevamo puro er ritornello
    da cantasse co ‘n senso de potenza:
    “Tor de Quinto è quella cosa,
    che se chiama prepotenza,
    ecco qua tutta la lenza,
    che ci ha vojia da menà!”
    E mo che all’ottantanni so arivato,
    co molti acciacchi e  pure scoglionato,
    avendo perse la fiducia e stima,
    in tanta ggente conosciuta prima,
    che avanti me chiamaveno Compagno,
    ner mentre che lavori intanto magno,
    suggerisco a li nostri giovinotti,
    si nun vonno fini co l’ossi rotti
    d’esser sempre sempre vogliosi d’imparare,
    perché la libertà sta nel sapere,   
    E vale pei patrizi e pe i plebei
    che più cose sai e più libbero sei,
    perché si nun ve piace ‘sta  manfrina,  
    nun ve arimane che la ghigliottina.                                                             
        Luglio 2018

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.00 in 12 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti