Area Riservata

Poesie in Francese


poesia postata da: Silvana Stremiz, in Poesie (Poesie in lingua straniera)

Hay palabras...Hay silencios...

Hay huecos que llenan las palabras,
otros que cavan las palabras.
Hay silencios que soy un regalo,
otros que matan que no tienen sentido.
Hay palabras justas, palabras equivocadas,
palabras dichas o calladas para no hacer mal.
Palabras esperadas, suspiran.
Hay palabras...
Hay silencios...
Un "yo soy" faltado,
un "me siente" no pronunciado.
Un "suspendido" no llenado.
Hay silencios què esperan la llegada de una explicación
para poder apagar el tormento de aquellos porque sin sentido.

Ci sono vuoti che le parole colmano,
altri che le parole scavano.
Ci sono silenzi che sono un dono,
altri che uccidono che non hanno senso.
Ci sono parole giuste, parole sbagliate,
parole dette o taciute per non fare del male.
Parole attese, sospirate.
Ci sono parole...
Ci sono silenzi...
Un "ci sono" mancato
un "mi dispiace" non pronunciato.
Un "sospeso" non colmato.
Ci sono silenzi
che attendono l'arrivo di una spiegazione
per poter spegnere il tormento di quei perché senza senso.


poesia postata da: Desafinado64, in Poesie (Poesie in lingua straniera)

O que Me Dói não è

O que me dói não è
O que hà no coração
Mas essas coisas lindas
Que nunca existirão...

São as formas sem forma
Que passam sem que a dor
As possa conhecer
Ou as sonhar o amor.

São como se a tristeza
Fosse árvore e, uma a uma,
Caíssem suas folhas
Entre o vestígio e a bruma.




Quel che mi duole non è
Quello che c'è nel cuore
Ma quelle cose belle
Che mai esisteranno.

Sono le forme senza forma
Che passano senza che il dolore
Le possa conoscere,
O sognarle l'amore.

Come se la tristezza
Fosse albero e, una ad una,
Le sue foglie cadessero
Tra il sentiero e la bruma.

poesia postata da: Leybi, in Poesie (Poesie in lingua straniera)

Te busco

Te busco en el dulce
silencio de una alborada,
en el frescor,
y la esperanza
que le regala el rocìo
a la mañana.

Te busco en la inquietud
y el tormento desesperado
que provoca la cruel ausencia
de un amor verdadero
en el alma y el pasar
de los  años.

Te busco en el màgico socavar
de los misterios de la vida,
y en un corazòn
lleno de emociones
nunca jamàs
vividas.

Te busco y te he de buscar
màs allà del sol,
màs allà de la piel,
del tiempo infinito
y tu frìo desdèn.

Te busco en un suspiro profundo
al caer el atardecer,
cuando florece una sonrisa
en los pliegues de la vejéz
recordando el arcoiris
del nèctar de su ayer.

Te busco y te he de buscar
màs allà del sol,
màs allà de la piel,
del tiempo infinito
y tu frìo desdèn.


TI CERCO

Ti cerco nel dolce silenzio
di un'alba,
nella freschezza
e la speranza
che dà la rugiada
al mattino

Ti cerco nell'inquietudine
e il tormento disperato
che provoca l'assenza crudele
di un amore vero
nell'anima e negli anni

Ti cerco nel magico scavare
dei misteri della vita
e in un cuore
pieno di emozione
mai e poi mai vissute

Ti cerco e ti cercherò
al di là del sole
al di là della pelle
del tempo infinito
e il tuo freddo disprezzo

Ti cerco in un sospiro profondo
allo scendere del tramonto
quando fiorisce un sorriso
tra le pieghe della vecchiaia
ricordando l'arcobaleno
del nettare di suo ieri

Ti cerco e ti cercherò
al di là del sole
al di là della pelle
del tempo infinito
e il tuo freddo disprezzo.
Composta
martedì 6 agosto 2013

poesia postata da: Elona, in Poesie (Poesie in lingua straniera)

Aftesia e te shkruarit !!!!!

Endem rrugeve te tua pa limit, jetoj ditet e netet ne kohen time
studioj e meditoj cdo minute e sekonde qe kalon rishtaz
perpara meje ndalem pyes veten ku je e cfare ben? a e
mendon se jeta pa ty nuk shkon ne asnje drejtim e vend,
ndaj merre kohen sekondin e minutin shfrytezoje
momentin, oren e dijen akumulimin e tyre percille
diku te jesh e sigurte ne te ardhmen dikush do te shkruaj
per ty, sdo jene flete te mbushura plot sa per te thene
se kane shkruar dicka ku permendet emri yt por do te
flitet per shume gjera te kaluaren e te tanishmen te
perjetuara nga ty, veprat e tua madhore do sherbejne
per njerezit si model shembulli per te vazhduar perpara
drejt labirintit me kthesa e rreziqe ku ti ke kaluar pa
frike, me guxim e force ke mposhtur ligesite e botes
ndaj kaloja me ngrohtesi njerezve e shume aktivitet
lerja ta drejtojne ata jeten pa asnje interes e perfitim
do duan thjesht te lexojne me deshire ate cka ti
mbi ta shkruan e mbart pa hezitim brenda teje.

La capacita di scrivere!
Cammino nelle tue vie senza limite, vivo i giorni e le notti nel mio tempo, studio e medito ogniminuto e secondo che passa davanti a me, mi fermo e chiedo ame stessa dove sei e che fai!? a lo pensi che la tua vita non va in nessuna direzione e posto, per questo prendiil tempo, il secondo e leminuti sfrutta ilmomento, l'ora e latua saggezza illoro accumulo trasmettilo ovunque, sappi di essere sicura che in futuro qualcuno scrivera per te, non saranno pagine riempite solamnete per dire che hanno scritto qualcosa dove si nominail tuo nome pero si parlera di tante cose perilpassato e ilpresente vissute da te, le tue grandi opere servirano per la gente come modello di esempio per continuare avanti dritto al labirinto con curve e rischi dove tu hai passato con coraggio e forza hai sconfitto lecattiveri del mondo per questo passala alla gente con affetto e molto attivita lacsia dirigere a quelli la vita senza nessune intresse e guadagno vorranno solo leggere con voglia cio che tu su loro scrivi e cio che tu senze esitazione tieni dentro te!
Composta
mercoledì 18 aprile 2012

poesia postata da: Desafinado64, in Poesie (Poesie in lingua straniera)

No silêncio terrível

No silêncio terrível do Cosmos
Hà de ficar uma última lâmpada acesa
Mas tão baça
Tão pobre
Que eu procurarei, às cegas, por entre os papéis revoltos,
Pelo fundo dos armários,
Pelo assoalho, onde estarão fugindo imundas ratazanas,
O pequeno crucifixo de prata
-O pequenino, o milagroso crucifixo de prata que tu me deste um dia
Preso a uma fita preta.
E por ele os meus lábios convulsos chorarão
Viciosos do divino contato da prata fria...
Da prata clara, silenciosa, divinamente fria – morta!
E então a derradeira luz se apagarà de todo...

Nel silenzio terribile del cosmo
Rimarrà un'ultima lampada accesa
Ma così fioca
Così povera
Che io cercherò, alla cieca, tra le carte rimestate,
Nel fondo degli armadi,
Nel solaio, dove fuggiranno immondi ratti,
Il piccolo crocifisso d'argento,
Il minuto, miracoloso crocifisso d'argento che mi desti
un giorno
Legato a un nastro nero
E per lui le mie labbra convulse piangeranno
Avide del divino contatto dell'argento freddo...
Dell'argento chiaro, silenzioso, divinamente freddo - morto!
E allora quell'ultima luce si spegnerà del tutto...