Virgilio

Poesie in Francese


Scritta da: Bianka Maass
in Poesie (Poesie in lingua straniera)
Ich liege am Strand, die Augen geschlossen,
tiefe Stille und Frieden im Herz...
höre die Schreie der Möwen im Wind...
im Sand spielend ein glückliches Kind
Dunkle Wolken verdecken die Sonne
Stürme peitschen das tosende Meer...
Öffne die Augen und schau auf den Wecker
es ist 7 Uhr am Morgen...
ich bin erwacht.
Composta domenica 1 marzo 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Desafinado64
    in Poesie (Poesie in lingua straniera)

    A árvore dos poemas / L'albero delle poesie

    Quando a árvore dos poemas não dà poemas,
    Seus galhos se contorcem todos como mãos de enterrados vivos,
    Os galhos desnudos, ressecos, sem o perdão de Deus!
    E, depois, meu Deus, essa lenta procissão de almas retirantes...
    De vez em quando uma tomba, exausta à beira do caminho,
    Porque ninguém lhe chega ao lábio o frescor de cântaro,
    a doçura de fruto que poderia haver num poema.
    Maldita a geração sem poetas que deixa as almas seguirem
    seguirem como animais em estúpida migração!
    Quando a árvore dos poemas não dà poemas,
    Qual serà o destino das almas?

    Quando l'albero delle poesie non dà poesie,
    I suoi rami si contorcono tutti, come le mani
    di sepolti vivi,
    Rami nudi, rinsecchiti, senza il perdono
    di Dio!
    E poi, mio Dio, quella lenta processione di anime
    emigranti...
    Di tanto in tanto una cade, sfinita, sul ciglio
    della strada,
    Perché nessuno le reca al labbro la frescura di
    brocca d'acqua,
    La dolcezza di frutto che potrebbe esserci in una poesia.
    Maledetta generazione senza poeti che lascia
    le anime incamminarsi,
    Incamminarsi come animali in stupida migrazione!
    Quando l'albero delle poesie non dà poesie,
    Quale sarà il destino delle anime?
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elona
      in Poesie (Poesie in lingua straniera)

      Mall per ty Sshqiperi! - Mi manchi patria mia!

      Nje malle i zjarrte qe me perpin te gjithen,
      nje psheretime e thelle qe me mundon se tepermi,
      sa kohe valle do zgjase, sa kohe kemi pa u pare,
      sa shpejt kalojn ditet, netet dhe vitet...
      dhe une larg teje brengosem dhe sterosem
      mos ndoshta kjo do jete nje lamtumire
      apo thjesht dicka e perkoshme, kujtimet
      ne mendje i sjell dhe nder to humb si e marre,
      humb aq thelle sa vetja jetime me duket pa ty prane,
      te shoh tek ndryshon dhe ndjek cdo hap tendin
      por prap ndihem e lene menjane, e perhumbur
      ne nje vend te huaj, larg vendit tim te quajtur NENE,
      shume kohe po kaloj larg teje, se di cme pret
      me pas valle, nje deshire kam ne zemer
      te prehem dhe zgjohen ne preherin tend dhe te qeshe si
      e marre, te ty u rrita dhe te ty kam ndjenja, nje largesi
      me ben te kem shum ftohte aq sa harroj te ndjej
      cka me rrethon se qendroj ne ankth qe ty ste kam prane,
      krenare per ty ne cdo vend qe shkoj, ste krahasoj me askend
      sepse ti je vendi im i ashtuquajturi memedhe, aty ku linda une
      dhe me shpresen te kthehem te ty, aty ku buron dashurija, deliresia
      dhe pasurija shpirterore, te ty NENE e dashur dua te jem, nen preherin tend
      te ngrohte te ndihem e gjalle sepse ti je frymemarrja qe une ndjej cdo dite
      se ti je drita ime qe shkelqen ne syte e mi, ti je NENA IME
      e dashur SHQIPERI!


      Un desiderio immenso mi divora tutta, un sospiro profondo
      Che mi affligge notevolmente, quanto tempo durerà,
      quanto tempo è che non ci vediamo,
      i giorni, le notti e gli anni passano in fretta
      ed io lontano da te mi preoccupo e solo mi preoccupo
      forse questo sarà un addio, oppure semplicemente una cosa temporanea,
      i ricordi nella mente le passo ed mi perdo intensamente,
      mi perdo talmente tanto che mi sembra di essere orfana
      senza te vicino, ti osservo quando te cambi e seguo ogni
      passo tuo però mi sento di nuovo lasciata da parte,
      persa, in un paese straniero, lontano dal mio paese
      chiamato madre, molto tempo sto passando lontano da te,
      non lo so cosa mi aspetta dopo, un desiderio ho nel mio
      cuore, di stare e svegliarmi nel tuo petto e ridere
      senza fine, in te mi sono cresciuta e per te ho sentimenti,
      questa distanza mi fa avere tanto freddo, cosi tanto scordo
      di sentire cosa mi circonda, perché sto in ansia che a te non ti ho vicina
      orgogliosa di te in ogni posto che vado, non ti paragono con nessuno
      perché sei te la mia cosiddetta patria, la dove mi sono cresciuta ed con la speranza
      di tornare da te, la dove sorge l'amore, purezza
      e la ricchezza spirituale, da te cara madre voglio stare,
      sotto il tuo petto accogliente, di sentirmi viva,
      perché tu sei il mio respiro che io sento ogni giorno
      perché tu sei la luce che risplende nei miei occhi,
      tu sei mia madre cara Albania!
      Composta domenica 1 febbraio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elona
        in Poesie (Poesie in lingua straniera)

        Kujtime - Ricordi

        Rruges ecja, mendoja me vete
        Sa kohe kishin kaluar, qe prej
        Asaj vere te shkuar, me buze ne gaz
        E qeshur e ndricuar, une kete kujtim
        Ndoshta te bukur, s'kam per
        Ta harruar.

        E mendoj ndoshta nga era
        Se me sjell flashe te tjera
        Ndoshta eshte dhe rruga
        Qe une dikur pershkoja
        Ndoshta eshte dhe vetja ime
        Qe prej asaj kohe ngryset ne kujtime.


        Per la strada camminavo, pensavo fra me e me
        Quanto tempo era passato, da quell'estate
        vissuta insieme, con il sorriso sulle labbra
        e il viso illuminato
        Io questo ricordo bello forse non lo
        Dimenticherò mai.

        È proprio forse l'aria che mi porta
        Altri ricordi, forse è anche la strada
        Che io una volta percorrevo,
        forse è anche me stessa, che da
        quel tempo è aggrappata nei ricordi.
        Composta sabato 31 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta