Virgilio

Poesie in Spagnolo


Scritta da: fucku
in Poesie (Poesie in lingua straniera)

Dreams

If everyone cared and nobody cried
if everyone loved and nobody lied
if everyone shared and swallowed their pride
then we would see the day where nobody died.

Se tutti si preoccupassero e nessuno piangesse
se tutti amassero e nessuno mentisse
se tutti condividessero e mettessero da parte il loro orgoglio
allora vedremmo in giorno in cui nessuno muore.
Composta venerdý 20 giugno 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Desafinado64
    in Poesie (Poesie in lingua straniera)

    Il debito

    A dÝvida aumenta,
    A do paÝs e a nossa.

    Cada manhŃ sabemos
    que se acumula a dÝvida.
    A grama que pisamos
    Ŕ dÝvida.
    A casa Ŕ uma hipoteca
    que a noite vai adiando.
    E os juros na hora certa.

    Ao fim do mŕs o emprego
    Ŕ dÝvida que aumenta
    com o sono. Os pesadelos.
    E nˇs sempre mais pobres
    vendemos por varejo ou menos,
    o Sol, a Lua, os planetas,
    atŔ os dias vincendos.

    A dÝvida aumenta
    por cßlculo ou sem ele.
    O acaso engendra
    sua imagem no espelho
    que ao refletir Ŕ dÝvida.

    A eternidade Ó venda
    por dÝvida.
    A roša da morte
    em hasta p˙blica
    por dÝvida.
    A hierarquia dos anjos
    deixou o cÚu por dÝvida.
    No despejo final:
    s˛ ratos e formigas.




    Il debito aumenta,
    del paese, e nostro.

    Ogni mattina sappiamo
    che si accumula il debito.
    L'erba che calpestiamo
    Ŕ debito.
    La casa Ŕ un'ipoteca
    che la notte rinvia.
    E gli interessi maturano puntuali.

    L'impiego a fine mese
    Ŕ debito che aumenta
    con il sonno. Gl'incubi.
    E noi sempre pi¨ poveri
    vendiamo al minuto, o meno,
    Sole, Luna, Pianeti,
    perfino i giorni in scadenza.

    Il debito aumenta
    per calcolo, o anche senza.
    Il caso genera
    allo specchio la sua immagine
    che, riflettendosi, Ŕ debito.

    L'eternitÓ in vendita
    per debito.
    Il campo della morte
    all'asta pubblica
    per debito.
    La gerarchia degli angeli
    ha lasciato il cielo
    per debito.
    Nello sgombero finale:
    solo ratti e formiche.
    Vota la poesia: Commenta
      Commenti:
      20
      Scritta da: ROBERTO POZZI
      in Poesie (Poesie in lingua straniera)

      Today / Oggi

      Today
      is Not
      a good day
      to die...

      Even though
      you feel like it is,
      you are already dead
      inside!

      Today
      is only
      a good day
      to truly
      live!

      Today
      is that amazing day
      of your new present
      that looks with hope
      to an uncertain future
      finally burying
      a painful past
      where it should have been
      for quite sometime!

      Yes
      believe me,
      today
      is only a good day
      to live...
      once again!

      OGGI

      Oggi
      Non Ŕ
      un bel giorno
      per morire...

      Sebbene
      lo senti che sia,
      tu sei giÓ morto
      dentro!

      Oggi
      Ŕ soltanto
      un bel giorno
      per vivere
      davvero!

      Oggi
      Ŕ quello straordinario giorno
      del tuo nuovo presente
      che guarda con speranza
      a un incerto futuro,
      finalmente sotterrando
      un doloroso passato
      che doveva giÓ essere,
      da qualche tempo...

      Si
      credimi,
      oggi
      Ŕ un bel giorno
      per vivere...
      ancora!
      Composta lunedý 14 aprile 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Desafinado64
        in Poesie (Poesie in lingua straniera)

        A Rua (La strada)

        A rua Ŕ um rio de passos e de vozes,
        um rio terrÝvel que me vai levando,
        mas estou s˛, como se estÓ na infÔncia...
        ou quando a morte vai se aproximando...
        No ar, agora, que distante aroma?
        Decerto eu sem saber pensei em ti...
        E um v˘o de andorinha na distÔncia
        Ŕ a minha saudade que eu te mando.
        Mas tudo, nesse tumultuoso rio,
        nŃo fica nunca ao fundo da lembranša
        como no seio azul de uma redoma...
        Tudo se afasta nessa correnteza
        onde uma flor, Ós vezes, fica presa
        e um claro riso sobre as ßguas danša!


        La strada Ŕ un fiume di passi e di voci,
        un terribile fiume che mi porta,
        ma sono solo, come si Ŕ nell'infanzia...
        o quando la morte si va avvicinando...
        Nell'aria, ora, che distante aroma?
        Certo senza saperlo ti ho pensata...
        E una rondine che vola in lontananza
        Ŕ la mia nostalgia che io ti mando.
        Ma tutto, in questo fiume tumultuoso,
        non resta mai al fondo del ricordo
        come guardato sotto una campana...
        E tutto se ne va nella corrente
        dove un fiore, alle volte, resta preso
        e un chiaro riso sulle acque danza!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta
          in Poesie (Poesie in lingua straniera)

          You whispered to me

          "How do I see something not there
          What my eyes can't see before me
          I can imagine the color of the hair
          When it is not in my view to see
          I can imagine the texture of her skin
          Though it be too far away to touch
          I know it is soft and no where is it rough
          I can see the radiance of her smile
          Though I can't see what caused it to form
          I can see the sparkle in her eyes
          When I have no idea what image is in her view
          Words can't tell me her soft voice
          When they are only written
          Words can't tell me senses she feels
          When she is touched tenderly in the night
          My only way to know is to imagine
          Let my dreams fill in the spaces
          And then I know what my heart sees and feels.

          " Come faccio a vedere qualcosa che non c'Ŕ
          Quello che i miei occhi non possono vedere davanti a me
          Posso immaginare il colore dei capelli
          Quando non Ŕ a mio avviso da vedere
          Posso immaginare la consistenza della sua pelle
          Sebbene sia troppo lontano per toccare
          So che Ŕ morbido e non dove Ŕ ruvida
          Riesco a vedere lo splendore del suo sorriso
          Anche se non riesco a vedere che cosa ha causato a formare
          Posso vedere la scintilla nei suoi occhi
          Quando ho idea di quale immagine Ŕ a suo parere
          Le parole non possono dirmi la sua voce morbida
          Quando sono scritti solo
          Le parole non possono dire di me i sensi si sente
          Quando lei Ŕ toccato teneramente nella notte
          Il mio unico modo per saperlo Ŕ quello di immaginare
          Lasciate che i miei sogni riempire gli spazi
          E poi io so quello che il mio cuore vede e si sente.
          Composta domenica 30 marzo 2014
          Vota la poesia: Commenta