Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: jassamin
in Poesie (Poesie in lingua straniera, Poesie d'amore)
Threads of smoke fill up my room and so do my thoughts too,
chasing one another, longing hard for you;
vain is my desire, I know you can't be me next to,
and it comes to nothing, just like the first do;
only brings it questions, that is what I see,
questions which the answers aren't up to me.
Pictures from the walls cry out happy we were, dear,
take me your smell back, honey, craving for you here,
shadows of the past flutter all around,
nothing but the silence makes it hear its sound,
filling room all over, speaking loud of you,
cigarette is off now... threads of smoke are too,
only a thing's not ending: steady thought of You.

Anelli di fumo insieme ai miei pensieri,
riempiono la stanza si rincorrono l'un l'altro,
mentre ti desidero da morire;
So che si tratta di un desiderio vano,
tu non puoi essermi accanto,
desiderio che porta a nulla,
si perde nel fumo proprio come fanno gli anelli;
conduce solo a domande
, per le quali non ho risposte,
questo è quanto capisco.
Le foto dai muri urlano di quanto eravamo felici, tesoro,
mi riportano il tuo profumo, amore,
mentre bramo di averti qui...
aleggiano ovunque le ombre del passato,
l'unica voce è quella del silenzio,
che riempie la stanza, parlandomi di te a gran voce,
la sigaretta è finita... gli anelli di fumo di conseguenza,
solo una cosa è destinata a non avere fine:
il pensiero costante di te.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: jassamin
    in Poesie (Poesie in lingua straniera, Poesie d'amore)
    Emptiness, loneliness, falling them apart,
    cast bad thoughts away, squeezing you on my heart;
    all that disappear in a very little while,
    falling as a victim to the witchery of your smile.
    Ruling then my heartbeat with the gentle of your touch,
    fondling me with glances, sweet effusions to warm up,
    nothing can relieve me such as loving you so much.
    Loving and being loved by you, guides my paces all so far,
    standing near or not to you, as my kindly lucky star;
    only you can reach me inside, through the very depth of me,
    urging to rejoice my Soul, making it bright shine,
    sweeping all the clouds away just a very silver line.

    Stringerti al cuore è mettere da parte vuoto e solitudine,
    gettare via brutti pensieri;
    tutto scompare immediatamente,
    cado vittima della magia del tuo sorriso.
    Poi con la delicatezza dei tuoi gesti
    regoli il battito del mio cuore,
    i tuoi sguardi mi carezzano,
    le dolci effusioni riscaldano,
    niente riesce a sollevarmi come amarti così tanto.
    Amarti ed essere amata da te,
    guida i miei passi da sempre,
    che tu mi sia vicino o meno,
    a mò di stella cometa;
    soltanto tu sei in grado di raggiungermi dentro,
    davvero nel profondo di me,
    per stimolare la mia anima a gioire,
    a farla brillare vivida,
    spazzando via tutte le amarezze,
    proprio come "la quiete dopo la tempesta."
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Poesie in lingua straniera)

      Nena dhe e bija - Madre e figlia

      Nata e erret, sterre, frika perreth mbreteron
      nena vajzen nder vete fillon e shtrengon!
      Neper rruget e shkreta te shderruara pa
      deshire, enden ushtaret e huaj si perbindesha
      te etur, te patretur, te frikshem, te pabindur
      hyjne ne shtepite e njerezve si dasmore te
      papritur!
      Nenes zemra i rrihte fort, vajza e ndjente
      po me kot, te dyja filluan te mbytura me
      lot!
      Nje heshtje vazhdoi por per pak
      caste, dukej sikur solli paqen, por perbrenda
      permbane vuajtjen!
      Shpertheu dera, nena rezistoi, por per pak
      caste se jeta e saj, per te tani perfundoi,
      nje plumb ne zemer, nenen e pershkoi!,
      vajza e tmerruar, e pafajshme, e zemeruar,
      "o nene ndihme", nje klithme papritur e
      leshoi, ne duart e tyre, vajza kurre nuk
      do te perfundoj.

      La notte è buia, buio pesto, la paura regna attorno
      la madre inizia a stringere la figlia accanto a sé
      nelle strade deserte, trasformate e costrette
      vagano i soldati stranieri come mostri affamati
      sprecati, paurosi, indisciplinati, entrano nelle case
      della gente come ospiti di un matrimonio senza invito
      alla madre il cuore batteva forte, la figlia lo sentiva
      ma inutilmente, entrambe hanno cominciato a piangere
      un silenzio ha continuato ma per un istante
      sembrava che portasse la pace però dentro di sé
      teneva la sofferenza, hanno spalancato la porta
      la madre ha resistito ma per un momento
      perché la sua vita per un po' è finita
      una pallottola nel cuore l'ha ferita
      la figlia si è terrorizzata, innocente ed arrabbiata
      "madre aiutami" un pianto rilascio d'improvviso
      nelle loro mani la ragazza non voleva finire
      ad un certo punto riempita di oddio, le ha messo fine alla vita
      e ha detto "madre aspettami prendimi con te"
      Composta domenica 18 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        in Poesie (Poesie in lingua straniera)

        Fatekeqesite njerezore - Disastri umani

        Skamja, varferia mbizoteron kudo
        rete te zeza, perhapen mbi qiell
        syte te perlotura e te lodhur
        ndeshen gjitheandej, shpresa eshte
        svenitur, nuk e gjen dot si perhera,
        ne kete toke, skamja ka per tu rritur
        uria, pangopesia, kalon si karvan,
        zorret e njerezve, kercasin pangrene
        sikur duan te thone, kini durim
        dhe per pak kohe do kini shpetim,
        lufta ndaj mbijeteses, vazhdoi si cdo
        dite, makaber e vertete, dhimbje pa fund
        te qarat e femijeve te therin ne shpirte
        sakrificat e prinderve, vazhdojne pa kufi
        njerez te rraskpitur, te shkrete, punojne
        sterlodhen pa pushim, mblidhen rreth
        vatres se tyre, menjane enderrojne
        diten e tyre te bardhe, do te jete e
        rrethur me shprese, dashuri e drite,
        ne kete boten e zymte e te erret,
        pa ndjenja, do te zbrese drita e diellit,
        e perflakshmja vale e universit, ndoshta
        atehere njerezit do te njohin jeten e qete,
        do ta duan ta jeteojne me nje zell te perjete

        Povertà scarsa prevale ovunque, nuvole nere, sparse nel cielo,
        lacrime degli occhi stanchi si incontrano dappertutto, la speranza
        è svanita, non si trova come sempre, in questa terra la povertà
        sta per crescere, la fame, l'avidità passa come un Carvanno,
        Lo stomaco delle persone scricchiola senza mangiare,
        come se volessero dire: abbiate pazienza fra un po' avrete la salvezza
        la lotta per sopravvivere continua ogni giorno, le lacrime dei bambini
        ti feriscono l'anima, i sacrifici dei genitori continuano senza limiti
        persone esaurite, povere, lavorano senza riposo, si riuniscono
        nel loro cuore e da parte sognano i loro giorni gioiosi, sarà circondato
        di speranza, luce e amore, in questo mondo scuro e senza sentimenti
        scenderà la luce infiammabile del sole, lunghezza d'onda dell'universo
        forse allora le persone conosceranno la vita tranquilla
        e decideranno di vivere con zelo per sempre.
        Composta sabato 17 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta