Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

La mia storia

Nelle mie poesie troverai me, quello che ho avuto
la mia storia in frasi scritte
ed in quelle solo pensate
perché il coraggio a volte l'ho perduto.

Ricordi che volevo mettere da parte
cicatrici che fanno ancora male
ma in quello specchio ci sono sempre io
mentre il tempo passa e mi riconosco
nelle giornate tristi come d'autunno in un intricato bosco...

Forse ho sbagliato nel concedermi troppo
nell'amplificare i sentimenti
nel confidare tutti i miei tormenti
nel riporre fiducia a chi non meritava
sono qui a fare il mea culpa
non volevo certo farmi dire brava...

Nonostante tutta l'esperienza
non riesco a cambiare
agisco sempre in buona fede
e metto al primo posto la speranza.

Molto è scivolato sul mio viso
ma qualche ruga segna ogni passaggio
ho trovato alla fine un comodo posto
e mi sono fermata
non era certo il mio sogno
mi sono adattata
la vita spesso non ti fa scegliere
come tu vorresti
ma ti fa sognare ancora
come potresti...
ed io ho trovato nello scrivere e nella fantasia
per fortuna un'altra via...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Amore

    L'amore non ha barriere,
    né muri invalicabili
    ma cuori inseparabili.
    L'amore è conteso, offeso, preteso,
    proibito, sognato e finito.
    L'amore nasce nel seno e nel cuore,
    cresce, cullato, cantato, allattato.
    L'amore è perverso e malato,
    amore e paura, di un giorno,
    amore e lussuria,
    amore sublimato, amato, ritrovato
    lasciato, tornato e perduto,
    amore amaro, dolce e profumato,
    amore atteso, desiderato
    trascurato, amore abbandonato...
    Amore sempre e comunque dato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La scala

      A due passi da te
      solo pochi gradini ma di freddo marmo
      ogni volta frenavano la voglia.
      Cominciavo a salire e poi i ripensamenti
      mi avevi detto aspetto
      quando tu vorrai, senza forzature
      e metterai da parte le paure.
      Mi fermo a pensare seduta sulla scala
      quel salire mi mette ansia e poi
      Il cuore batte e il desiderio cresce
      lontani e così vicini.
      Proverò a salire trattenendo il fiato
      ogni passo tremo, il primo appuntamento
      questa paura di lasciarmi andare
      mi dà il tormento
      ma la voglia è tanta
      ed arrivo a te...
      Suono alla tua porta, ma la mano trema
      solo i tuoi occhi nei miei,
      il tuo viso...
      Oltre quella porta... il paradiso.
      Composta nel 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Lassamo er monno comme se trova

        Senti jè disse la gallina ar gallo,
        è ora che anco tu te covi l'ova,
        so stufa de stà sempre quà drentro
        vojo annà a passeggià un po' de libertà.
        Certo, je disse er gallo assai contento,
        de potesse un poco riposare,
        me piace questo cambio,
        però me devi da promette
        che alle 5 svej er mio padrone,
        devi da cantà presto ogni mattina
        sennò te rischi na bastonatina.
        Va avanti per un po' la gallinella,
        tutta sera su pe l'aia abballa
        e ogni mattina all'arba va a cantà.
        Doppo quarche mattina nun se sveja più la gallina
        che tutto er giorno avea razzolato.
        Ecco er padrone che se fa sull'uscio:
        gallo che te sei inceppato?
        Mo vengo giù te sgozzo e me te magno,
        impaurita la gallina
        se rifugia ner pollaio
        mentre er gallo se sente strillà.
        La storia te insegna che co le femmine
        li patti nun se ponno fà
        quanno che vengono pe te aiutà
        te vonno solo rovinà
        e te se rigirano comme ponno fà.
        Scusame dello scambio burrascoso,
        fa la gallina ar gallo
        abbassanno le scelle,
        nun pensavo fosse così pericoloso.
        Rimettemo er monno comme stava
        tu canti la mattina, io covo l'ova.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          A Pallina ( il mio cane)

          Sarò la tua mamma,
          che non hai conosciuto,
          per quelle bestie che ti hanno abbandonato
          ti allatterò, ti cullerò,
          ti scalderò con il mio amore,
          dolce sarà vederti crescere.
          Amore mio, amore senza parole,
          morbidoso rifugio delle mie carezze,
          delle mie giornate fredde,
          davanti al fuoco di un camino.
          Sei lo sfogo di tutte le amarezze,
          il confidente, col mio bicchier di vino,
          di quello che vorrei gridare
          e che dentro fà male.
          Il mio piccolo cucciolo invadente,
          mi stai a sentire
          con gli occhi innamorati,
          senza dire niente.
          Solo gioia a non finire,
          senza discutere, senza intervenire.
          Amore, non servono parole
          quando tanti anni abbiamo trascorso insieme,
          sei il pretendente sognato,
          fedele, fino a morire,
          ma tu lo sai quanto ti ho amato.
          Vota la poesia: Commenta