Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non mi piace Nietzsche perché ama la..." di Bertrand Arthur William Russell


182
postato da , il
Io non accetto la violenza verbale: la sopporto soltanto, nei limiti in cui ci riesco. E poi certe accuse, dato che non mi sfiorano nemmeno perché so ben io se possano o non possano aver fondamento, neanche minimamente mi turbano.  : )
    D'altra parte, se è vero come è vero che sono cristiano, non dico porgere in toto l'altra guancia (non ci riesco), ma almeno usare un po' di pazienza, lo devo fare, ti pare? Ciò non esclude che io stigmatizzi (come più volte ho fatto) la volgarità, l'ingiuria immotivata, eccetera; però ritengo fondamentale non chiudere il dialogo nei confronti di una persona che, bene o male, mi segue per parlarmi, fosse anche solo per insultarmi...
    La mia profonda speranza è che si possa arrivare ad un discorso serio, e alla comprensione del fatto che le idee e le opinioni, dopo che siano state espresse, vanno analizzate fino nei minimi dettagli, per esaminare pacatamente insieme quale possa davvero essere l'opinione giusta, sempre che ve ne sia una.
    In buona sostanza: io lascio aperta la finestra al dialogo, sempre e con chiunque, figurarsi poi con un giovane. Ma del resto mi sembra lo faccia anche tu, in fin dei conti.
   Vedi, se Alessandro fosse in mala fede, direbbe la sua, sparerebbe i suoi insulti e poi (missione compiuta) sparirebbe. Se invece continua a seguirmi ovunque, un motivo ci sarà; e se fossi io a fuggire, non mi sentirei a posto con la mia coscienza. Tutto qui.
   Ho peraltro posto alle mie frasi il limite che possano essere commentate solo dagli iscritti al sito; ma - come dicevo - ho cominciato a postare frasi altrui, come questa di Russell, proprio per lasciare aperta quella finestra, in cui - come mi aspettavo, il vento è entrato. Un vento, in ogni caso, bene accetto, anche se non sempre... del tutto gradito.  : )))))))))))
181
postato da , il
Certamente che è così, ma non possono farne le spese gli altri.
E' come ho detto è una questione di giustizia, se poi una persona ha un disagio e deve in qualche modo esternarlo, lo posso comprendere, ma esistono dei limiti che non vanno oltrepassati questo va insegnato ai ragazzi
soprattutto per il loro bene. La tolleranza e la pazienza è una cosa ma accettare la violenza in qualunque forma essa si manifesti è sbagliato
perchè così facendo non diamo la giusta misura delle cose.
180
postato da , il
I giovani che vanno contro gli anziani, gli anziani che vanno contro i giovani...
rosa genera rosa e spina genera spina.

Enjoy in the silence.

Good night
179
postato da , il
Di folgorati sulla via di Damasco ne conosco pochi, però 3 o 4 li conosco. Ma vedi, Franca, non è questo il problema. Il più delle volte l'aggressività è una risposta difensiva. Negli uomini come anche, del resto, negli animali. Chi reagisce in questa maniera di solito lo fa puramente e semplicemente a causa di esperienze negative pregresse, che lo conducono a ritenere di vivere in un mondo negativo, che merita questo tipo di reazioni. Certo influisce anche una certa caratterialità, ma spesso le cose si fondono insieme a formare personalità la cui caratteristica fondamentale, più che la volontà di recare danno, è la volontà di costituirsi una difesa, e comunque una condizione di sofferenza.
178
postato da , il
Si io ho avuto una fortuna rara, ho avuto un padre rigido ma con l'esempio mi ha insegnato tutto, una madre dolcissima e saggia, e più il tempo passa e più mi rendo conto che ogni cosa che dicevano era frutto dell'esperienza e del buon senso, se potessi scegliere ora due genitori, vorrei fossero di nuovo loro.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti