Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Irene Pampanin
Parte il treno. Un altro ancora. Distinguo nitidamente i finestrini ma i visi delle persone passano sfocati. Non si fermano a fissarmi come io fisso loro. Ci sono vite dentro quei missili di carbone, costrette a fermate indesiderate, a rotaie già segnate. Qualsiasi cosa esse facciano, la stazione d'arrivo è la medesima. Allora attendono: c'è chi attende lasciandosi passare avanti tutto, come un film da guardare a occhi chiusi. C'è chi invece incolla il naso al finestrino e non si lascia sfuggire case, alberi, variazioni della luce, del terreno, della gente, delle città, degli orizzonti, dei mari, degli odori, dei fiumi. Quando arriverà alla stazione, egli almeno non sarà più lo stesso di quando è partito l'altro ieri.

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Irene Pampanin
    Riferimento:
    Dal racconto "La storia che non c'è". In "La ricetta della Notte Perfetta", 0111 Edizioni, 2014.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti