Questo sito contribuisce alla audience di

Lo sa il gatto

Ho guardato dalla finestra, è tutto buio anche se sono solo le cinque, fa freddo e non c'è più un cane in giro. Vorrei parlare con qualcuno: "come stai, come è andata la giornata?", ma sono spariti tutti, come ulisse cercando i confini del mondo, ahimè! Mi sono fatta un caffè nero e denso in questa casa vuota, il desiderio di uscire e andare nel negozio qui sotto per prendere qualsiasi cosa soltanto per trovare un sorriso è forte. Accendo la tv (sono alla fame!) E scopro, zappingando tra i canali, che tutti parlano di nulla, ridono di nulla, è confortante sapere che il mondo è ancora lì, traballante e insicuro come la vita, in fondo. Ritorno alla finestra, guardo fuori, è l'ora del passeggio serale forzato, cani e padroni camminano nel piccolo parco davanti casa mia a due a due come galeotti per l'ora d'aria quotidiana, tutti e due liberi per cinque minuti, per annusare per sognare, per ritornare poi in gabbia, dorata e protetta ma sempre e comunque una gabbia, prigionieri di un sogno inutile. Alla fine, ritorno ad accarezzare il mio gatto, che forse non sa nulla di queste supreme domande umane, mi strofina complice per pietire un po' di pappa in scatola. La vita va avanti, lo sa proprio il mio gattone, guardingo e spavaldo, la vita va avanti, giorno per giorno, come me che l'affronto con circospezione infinita.
Composto domenica 31 marzo 2013

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti