Questo sito contribuisce alla audience di

Incrocio

Viaggiava tranquillamente. Pioveva. Era molto tardi e le strade buie e bagnate erano ormai deserte. Il continuo e preciso rumore del tergicristallo, che gli sbarrava la vista ad intervalli, conciliava il sonno. Guidava molto e bene. Era rimasto fuori e lontano da casa per tanti giorni, per lavoro. Pensava alla sua famiglia: a sua moglie e a sua figlia che lo aspettavano per fargli festa. Accese la radio e ascoltò le ultime notizie, poi la spense perché non
trasmettevano più. La strada era poco illuminata. La notte lo era ogni tanto, dai lampi. Un fulmine colpì la linea elettrica. Adesso la strada era illuminata solo dai fari della sua vettura che ora andava più forte. Il treno che avanzava non fece scattare il segnale di passaggio. Una curva, abbaglianti: alcuni alberi. Un'altra curva, abbaglianti: il passaggio a livello aperto. Era sui binari..., un fischio, uno schianto pauroso, una frenata stridente. Poi il rumore di un tuono lontano. Il cielo sembrava piangere. Pioveva più forte.

Immagini con frasi

    Info

    Dedica:
    Ad Antonio

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:6.50 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti