Le migliori poesie inserite da Sabrina

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Sabrina

L'ombra e la luce

Nel cielo infinito
regna il silenzio,
quando improvviso
si alza un lamento.
Minacciosa da occidente,
un'ombra appare
avanza veloce,
e come un'animale feroce
divora ogni cosa
lasciandosi dietro
una scia di buio e di niente.
Tutto si ferma,
sorpreso e impotente,
alla vista dell'ombra
che diventa la notte,
che divora il cielo
e avanza inesorabilmente.
Ma come un brivido
scuote la terra
e tutto, frenetico,
inizia a reagire.
Da oriente il sole
si fa più brillante
e nell'aria si forma
un vento potente:
il cielo si copre di nubi
che scontrandosi scuoton
la terra con grandi boati.
Nei mari si alzan
enormi cavalli
che corron veloci
gli uni sugli altri.
Uomini e animali
cercan salvezza
da quella che sembra
la fine del mondo.
Ma ecco che inattesa
e con grande splendore
una bellissima figura
emerge dal mare,
diffonde bellezza
ed emana la luce.
Visto il terrore
nelle sue creature
volse lo sguardo
verso l'ombra feroce:
"Come osi distruggere
e portare scompiglio?
Vattene subito
e torna nel tuo giaciglio!"
E arrestata la sua inesorabile avanzata
l'ombra rispose altezzosa ed irata:
"Io sono la Morte
il buio ed il niente,
mi nutro di tutto
ed odio la luce;
non mi fermo
e mai sono sazia
divoro l'amore
per generare paure."
"Io so chi sei,
la fine di tutto,
il nero che uccide,
la notte perpetua,
ma ascolta attenta
ciò che ti dico,
qui nessuno
ti ha cercata
allora sparisci
da dove sei arrivata"
E l'ombra rispose:
"E tu chi saresti
per tracciare il mio corso?
Io sono la Morte,
e decido il percorso!"
"Io sono la Madre,
il principio di tutto,
io creo la vita,
non chiamo la morte.
So bene chi sei
e non fai paura,
io chiamo la fine...
Sono Madre Natura!"
Così salì in cielo
con grande fulgore,
la luce esplose
e ovunque giunse
il suo splendore.
A vedere tutto quel chiarore
l'ombra arretrò
con grande terrore,
raggiunse il giaciglio
nella sua notte oscura
attendendo paziente
un cenno da Madre Natura.
Composta mercoledì 29 aprile 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    BASTA.

    Basta essere giudicata, continuamente.
    Basta essere calpestata, nella mia dignità.
    Basta con gli attacchi, bassezze continue e sempre più infide.
    Basta con le meschinità: la sincerità ricambiata con le menzogne.
    Basta con tutta questa voglia di farmi male: ho solo scelto la mia strada.
    Basta con tutta questa violenza: il male genera solo altro male.
    Basta ingoiare bocconi amari: ne sono sazia e sono stufa.
    Basta ingiustizie: posso cadere in ginocchio, ma in un attimo mi rialzo.
    Basta con i tentativi di spegnermi dentro: risorgo dalle mie ceneri.
    Basta con il voler interferire nella mia vita: non lo permetto più a nessuno.
    Le brutte esperienze mi hanno reso più forte.
    Il passato ha aumentato la mia voglia di futuro.
    La sofferenza è stata trasformata in forza
    e ha scolpito il mio cuore, di donna e di madre.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sabrina

      Il volo

      Respiro, piano, quest'aria che mi appartiene
      e trovo pace nel battito del cuore, che va e che viene...
      così, il mio corpo cede lentamente
      e mi abbandono nel limbo, a metà tra il tutto e il niente.

      Vaga il pensiero allegro e incoerente
      libero adesso dalle catene della mente,
      vola felice tra cieli e campi ondulati,
      cristalli lucenti e vetri colorati.

      Il volo continua gioioso e veloce
      tra mille colori ed esplosioni di luce.
      L'anima esulta e rimane rapita
      da questa magia bellissima e infinita.

      Ancora al ricordo io mi stupisco
      di come ciò è bello e finalmente capisco
      che la mia vita consiste anche in questo:
      volare senz'ali in un mondo perfetto!
      Composta sabato 5 ottobre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sabrina

        Funambola

        Io funambola,
        cammino nel vuoto,
        in precario equilibrio
        su di un filo,
        a metà tra cielo e terra,
        lo sguardo teso in avanti,
        a sfiorare le nuvole
        e le braccia aperte,
        per imparare a volare.
        Spengo i pensieri,
        accendo i desideri
        e avanzo
        senza guardare giù
        né voltarmi,
        pur sapendo che potrei
        perdere l'equilibrio
        che mi tiene legata alla vita.
        Io funambola,
        un passo dopo l'altro,
        inseguo un sogno
        che si chiama libertà
        sfiorando il cielo
        oltre le nuvole.
        Composta sabato 6 giugno 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Sabrina

          occhi neri

          Dolcezza infinita,
          indifeso e pieno di forza nello stesso istante,
          tu, sempre assetato di baci e di carezze,
          inconsapevole
          mi riempi il cuore di amore, puro,
          come solo un figlio riesce a fare.

          Occhi neri,
          colmi di gioia e di vita,
          possa il tuo avvenire
          riflettere
          ciò che è racchiuso in te,
          possa la tua esistenza
          essere piena di luce!
          Composta domenica 22 dicembre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di