Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nataly LaganÓ

Il tredicesimo comandamento

Quando furono scritte le tavole della legge
deve esser successo un imprevisto,
altrimenti non si spiegherebbe
questo incredibile sinistro.
Ci sarÓ una logica spiegazione,
sarÓ finita la pietra...
o son io che comprendo per negazione.
Cambiamo questa vita tetra
e ritroviamoci in un'altra dimensione.
ChissÓ perchÚ ci fa tanto spavento,
riuscire a superare la paura di amare.
Il tredicesimo comandamento
Ŕ "non odiare".
Composta sabato 25 aprile 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nataly LaganÓ
    Sempre su questa stessa via,
    a 88 numeri da qui
    abita l'amore mio.
    Sono distante due volte l'infinito
    da te
    che sei la vita mia al quadrato.
    Mi sento un fuorilegge
    per come scapperei di nascosto
    per venirti a trovare.
    Ma pi¨ delle regole e dei decreti
    mi terrorizza l'idea di contagiarti.
    Allora mi fermo.
    Io resisto.
    E aspetto
    quel momento in cui
    avr˛ qualche certezza,
    poi
    afferrer˛ le chiavi della macchina,
    scender˛ le scale di corsa,
    partir˛ a razzo
    e arriver˛ da te.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nataly LaganÓ

      Mi sveglier˛

      Mi sveglier˛
      un giorno
      e mi render˛ conto
      che ci siamo lasciati
      l'inferno alle spalle.
      Questa epidemia
      divampa come fuoco nella paglia.
      Brucia le vite togliendogli l'aria.
      L'aria del nostro paese.
      Aria che noi
      riprenderemo a respirare
      nelle verdi campagne
      ed in riva al mare.
      Liberi di andare per le strade
      e di abbracciare le persone che incontriamo.
      Liberi di tenerci per mano.
      Liberi di baciare chi vogliamo.
      Liberi...
      E con le mani per creare
      le ali alla speranza
      e lasciarla volare.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nataly LaganÓ

        A far foto

        Torner˛ al lavoro e poi
        comprer˛ una macchina fotografica.
        ╚ stato meglio non averla ora.
        Dentro di me
        le immagini giÓ bastano.
        PasserÓ... e far˛ foto a tutto e a tutti,
        alle persone che ritrovo belli e brutti.
        Ai bambini che si danno alla pazza gioia,
        e ai grandi che lo fanno ancora di pi¨.
        E poi ad ogni particolare.
        Agli scorci dell'Italia,
        a come si saprÓ rialzare.
        E torner˛
        a far la foto alla Madonna
        ai cui piedi avevo messo il tricolore,
        per la grazia ricevuta
        e forse io sar˛ migliore.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Nataly LaganÓ

          L'Albero

          Spezzato
          sradicato
          trapiantato
          nell'instabilitÓ,
          un albero
          aspetta di esser preso
          a colpi d'ascia
          e non sa se
          fiorirÓ mai pi¨.
          Tagliate le propaggini
          le ferite sanguinano,
          mentre la linfa scorre
          attraverso l'inchiostro,
          e le poesie sono
          pezzi di corteccia,
          croste che cadono
          e lasciano vedere le cicatrici.
          Composta sabato 13 settembre 2008
          Vota la poesia: Commenta