Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Anna De Santis

Santiago del cile

Cantavo al mio bambino,
per non fargli sentire l'eco dei fucili
in piazza grande.
Lo tenevo stretto al cuore per non morire.
Tremando si addormentò.
Angelo mio quanto soffrire,
in questa terra meravigliosa e affranta
dove la gente è ormai stanca di tanto subire.
Soli io e te, mi bastava guardarti,
tutto il mondo fuori,
e ad ogni bacio, ad ogni carezza
avere la certezza
che quell'incubo presto sarebbe finito,
e che Il sogno ormai di averti si era realizzato,
il desiderio di sentirmi donna e mamma,
il mio cuore aveva pacato.
Ricordo ancora la voglia di tornare,
di arrivare finalmente a casa,
e non ti finito mai di raccontare,
di quell'uccello dalle ali possenti
che ci riportava, sopra cielo e mare
dove cominciava il sole.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Anna De Santis

    Commenti

    4
    postato da , il
    grazie Isabella, ma io prima di esserlo , già avevo un istinto materno molto forte, hai dimenticato che dopo finito il liceo, ho preparato 20 ragazze per la scuola materna? ho anch'io conseguito il diploma e mi sono fatta un anno intero di asilo presso le mie amiche suore di clausura, pur di stare a contatto con i bambini.
    3
    postato da , il
    ...DIMENTICAVO ANNARE'....LA POESIA E' STUPENDAAAAAAAAAAA!!!.....COMPLIMENTI!!!.......
    2
    postato da , il
    .....Anch'io non sono ancora diventata mamma....ma spero di diventarlo...naturalmente se il Signore vorrà....in caso contrario sono assolutamente a favore delle adozioni!!!.....Sono pienamente d'accordo con l'affermazione fatta da Isabella ossia che i figli non sono di chi li fa' ma di chi li cresce con tanto amore....e di bimbi che avrebbero bisogno di amore ed affetto di un semplice sorriso o di un abbraccio al mondo ce ne sono davvero tanti!....Apprezzo tanto Anna.... il suo forte desiderio di essere "MAMMA" ed il suo suo grande amore da donare l'ha spinta tanto lontano.....verso chi di amore ne aveva estremamente bisogno!!!.......
    1
    postato da , il
    Ho letto questo tuo scritto due volte ma non riesco a commentarlo perche' capisco quello che hai voluto intendere ed esprimere ma non mi sento in grado di sistemare i pensieri perche' non sono mamma.
    Poesia che ti rende degna del ruolo di mamma.................e mamma non e' chi fa i figli ma chi li cresce amorevolmente come parte di se'.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.80 in 5 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti