Scritta da: Scyna Suffiotti

Mia Caralis

Chiudi gli occhi mia amata
rimani ancora
sdraiata languidamente
tra i fluttui e i gabbiani
eterna meraviglia
chiudi gli occhi
ancora e ancora
assorbi il respiro del mare,
attendi le premure degli aironi e i voli rosa dei fenicotteri
Mia crisalide d'innocenza
io so
che ancora verrai lambita
da azzurri firmamenti
accoglierai
ancora e ancora
vertiginosi voli di passione.
Ascolta mia Caralis
la melodia
sono preghiere d'amore e d'ascese esaudite
solo dalle stelle.
Ogni riga un raggio di luce.
Adagiati ancora
tra le carezze di Aristeo e le profumate euphorbie...
ancora una volta sarò li
a contemplar le tue gambe a la marina, le tue braccia a Stampace e Villanova
mentre mi assopirò sul tuo ventre
a Castello.
Mia Caralis.
Scyna Suffiotti
Composta nel 2015
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di