Questo sito contribuisce alla audience di

Fruscio di ali

Sono un volo continuo
di uccelli.
Fruscio di ali,
nell'aria,
intorno a me.

Girano a frotte
e continuano sempre
questo rituale
svolazzare
che mi attira e
mi dà timore.

Vorrei trattenere
uno di loro,
afferrarlo,
e tenerlo per sempre
con me.

Ma non ci riesco,
c'è qualcosa al di fuori
della mia portata umana.

Ma... ecco, se ne vanno.
È finita.

Sento un distacco atroce,
perché so che non potrò
più averli,
né sentirli, né udirli.

Ma, chissà se un giorno
risentirò mai
da qualche parte,
in questo immenso
quel fruscio di ali.
Maria Concetta Arcioni
Vota la poesia: Commenta

    Come un pulcino

    Piccolino ed arruffato,
    tenero e malinconico,
    cerchi di camminare
    da solo.
    E poi ti guardi intorno
    per vedere se c'è
    qualcuno per te.

    Io ti prendo, e sento
    il tuo corpo caldo
    e tenero.

    Sento dentro di me
    qualcosa che nasce,
    prende vita.

    Ti amo tanto
    pulcino pulcino mio.

    I tuoi occhi occhi non
    saranno più tristi.

    Perché ti amerò per sempre.
    Maria Concetta Arcioni
    Vota la poesia: Commenta

      Un Cappello

      Pare un giocattolo
      posto sul capo,
      per farlo divertire.
      Osserviamolo.

      Il capo si agita
      e all'unisono
      come
      cosa buffa.

      Si china con lui,
      cammina con lui.

      Ogni tanto si sposta
      quasi a fargli dispetto.

      La mano gentile
      lo assesta.

      Ma ecco che
      il cappello cade e si rovina

      Finalmente viene gettato via
      e solo allora è felice.

      Ora sa che non è più buffo...
      Maria Concetta Arcioni
      Vota la poesia: Commenta