Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ivano Crescenzi

Impiegato, nato martedì 19 settembre 1978 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Diario.

Scritta da: Ivano Crescenzi

Vortice dell'umnaità

Solo e debole
Sto nel mezzo,
Travolto ogni giorno,
Dal bene e dal male.

Travolto dalle gentilezze,
Dalle parole che ti accarezzano,
Che ti ricordano
Che qualcosa di bello c'è.

Investito dalla malvagità,
Dalle maldicenze,
Che riducono ogni giorno in un tormento interminabile.

Un amore puro e sincero,
Che ti coccola senza nulla in cambio.

Cattiveria senza fine,
Ti entra dentro, e riesce con quello ke non c'era.

Sono solo,
nessuno mi può aiutare,
Solo io posso decidere,
Solo io devo decidere.

Decidere cosa seguire,
a chi dare retta.
Ivano Crescenzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ivano Crescenzi

    Un Sogno

    Dolce cuore che sei dall'altra parte,
    perché mi leghi così a te?

    Siamo una coppia già dall'inizio dei tempi,
    urlalo più forte che puoi,
    urlalo alla luna e alle stelle,
    che dalla potenza del tuo amore si possano illuminare,
    fino a rendere la notte così luminosa da confonderla con il giorno.

    Questo amore mi ha toccato nel profondo,
    ha toccato il mio essere uomo,
    mi fa sentire più piccolo di quello che credevo.

    Se ti avvicinassi solo per un attimo al mio cuore,
    non riusciresti ad allontanarti
    dal dolce calore del suo battito.

    No, cosa dico...
    Non avvicinarti,
    perché se solo per un attimo tu sfiorassi il mio petto...

    il mio cuore non potrebbe più sopravvivere senza di te.

    Neanche posso tenerti lontana,
    perché la mia vita continua solo grazie al pensiero di questo,
    che tu un giorno possa sfiorare il mio cuore.

    E quel giorno arriverà.

    Dio è tra noi,
    però tocca a noi volerlo,
    solo se ci impegneremo lui benedirà la nostra unione,
    e alimenterà il nostro amore.

    No, non aver paura...
    Io voglio solo te,
    queste tue paure sono come spine,
    che entrano ed escono dal mio cuore.

    Non lodarmi, non rendermi grande,
    perché tu sei più di me,
    io vivo solo per te,
    non esisterei senza di te.

    Mentre io per te sono il sole,
    tu per me sei l'aria,
    io vivo per te,
    e solo grazie a te la gioia si diffonde in me.

    Quando ti illumini della tua gioia,
    la tua luce mi riscalda,
    e mi ispira a vivere un giorno in più.

    Non voglio pensare al giorno in cui
    non ti potrò vedere,
    perché il quel giorno,
    non avrò motivo per arrivare al domani.

    Vorrei che venisse al più presto
    il giorno in cui ci abbracceremo,
    e prego l'iddio che ci trasformi in pietra,
    in modo da rimanere così per l'eternità.

    Tu sei l'infinito in cui mi perdo,
    sei ciò che ho sempre desiderato
    e come tale ti proteggerò
    da ogni male, da ogni dolore, da ogni cosa,
    metterò la tua vita davanti alla mia...

    Non ti lascerò mai,
    non mi perderai mai,
    e se il destino ci dovesse separare,
    non preoccuparti amore mio,
    io resterò li accanto a te.

    Sarò quel caldo soffio di vento che ti accarezzerà i capelli,
    sarò il canto degli uccellini,
    sarò il primo raggio di sole che ti augurerà il buongiorno.

    Sarò quel senso di dolcezza e sicurezza,
    che ti accompagnerà nei piccoli attimi,
    prima che ti addormenti.

    Non voglio tanto,
    è sufficiente un tuo bacio,
    un bacio che mi porterebbe l'estasi,
    da cui non mi potrei risvegliare.

    Adesso prendimi per mano,
    stringimi forte, in modo da non lasciarmi mai,
    da adesso all'eternità, e oltre,
    dove dimora la nostra felicità.

    La notte ti chiama,
    devi andare,
    ma io ti aspetterò,
    lì, dove la notte si separa dal giorno,
    in quei lucenti bagliori,
    io starò lì.

    E ancora prima nei tuoi sogni.
    Ivano Crescenzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ivano Crescenzi

      Sfogo

      No, adesso basta,
      è il mio cuore che grida,
      il mio animo che strida,
      e a tutto il mio pensiero contrasta.

      Non voglio essere compiaciuto,
      ma neanche disprezzato,
      meglio se accarezzato,
      per non rimanere dispiaciuto.

      Non sono diverse dagli altri le mie mani,
      anche loro danno calore,
      sono anche più pure,
      non sono zampe di cani.

      Sta nascendo un fuoco,
      è figlio della rabbia,
      mi sento dentro una gabbia,
      ho male allo stomaco.

      Ma un fiamma già era accesa,
      è quella dell'amore,
      che brucia ancora con ardore,
      ed è pronta alla difesa.

      Amore e rabbia, ecco la sfida,
      non mi piace questo gioco,
      un aiuto invoco,
      perché la mia anima decida.

      Vorrei scegliere, ma scelgo lei,
      voglio scappare, ma rimango
      e puntuale incomincia il maledetto tango,
      tutto per stare con lei.

      Non voglio imporre il mio amore,
      tanto meno il mio desiderio,
      ma il mio sentimento è serio,
      che da tanto brucia con ardore.

      Mi rimane solo il pianto,
      quando anche l'affetto,
      senza nulla detto,
      viene rifiutato altrettanto.

      Ripeto, non ti ho detto nulla,
      ho solo dato,
      restando sempre garbato,
      ma il tuo gesto la mia anima annulla.

      Non so cosa ti girava in testa,
      ma non è stata la prima volta,
      quindi ascolta,
      allontana la tua tempesta.

      Come sopra detto, non e un obbligo il mio amore,
      tanto meno la mia amicizia,
      ma voglio che rimanga per entrambi una delizia,
      dove trovare sempre calore.

      Non pensiamoci più,
      oggi è un altro giorno,
      rinforziamo tutto intorno,
      per non cadere giù...

      Niente più ho da dirti,
      non mi rimane che finire,
      lontane le difficoltà dall'avvenire,
      e i nostri sentimenti guariti.
      Ivano Crescenzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ivano Crescenzi

        La luna per il sole

        Adesso è così,
        ho tempo, forze, desideri,
        Adesso è così.

        Verrò a trovarti ogni volta che vorrai,
        ti porterò dovunque tu vorrai,
        vivremo tutte le eseprienze che tu vorrai,
        adesso è possibile.

        Sarà la mia passione realizzare i tuoi sogni,
        con la mia magia renderò le piccole cose senza uguali,
        riempendole di sentimento e colorandole di fantasia.

        Adesso è così,
        ci sono, sono qui, nessuno mi può fermare,
        Adesso è possibile.

        Per il domani non ti prometto niente,
        non so cosa avrò e come sarò.

        Non ti voglio illudere,
        non voglio ingannarti,
        Non voglio deluderti.

        Però, di una cosa potrai essere certa,
        che tutto ciò che oggi occupa il mio tempo,
        domani si faraà da parte,
        si farà da parte per Te,
        Per la nostra vita,
        Quella che vivremo insieme.

        Ti prometto la Luna,
        Ma ti porterò il Sole.
        È sarà sempre così.

        Cercherò di darti sempre di più,
        Più di quello che mi chiedi,
        Più di quello che desideri.

        Ti prometto la Luna,
        Ma ti porterò il Sole,
        Perché solo il Sole può essere alla tua altezza,
        solo Lui può competere con la tua Luce,
        Con il tuo calore.

        Ti prometto la Luna,
        Ma il Sole avrai.
        Ivano Crescenzi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ivano Crescenzi

          Nella notte fuggì

          Nella notte, il silenzio
          mai voluto, mai cercato.
          Rumori, respiri, la sua voce,
          non ci sono più.

          È fuggita, è andata via...
          Era rinchiusa in quattro mura,
          non c'è l'ha fatta più,
          è scappata per luoghi aperti...

          È andata dove nessuno più la strillerà,
          dove il suo amore verrà ricambiato nel giusto modo,
          dove la sofferenza di qualsiasi tipo
          non la toccherà più.

          Correrà in prati mai visti,
          salterà tra la nuvole,
          e riderà,
          riderà come non mai ha fatto.

          Sarà coccolata, come merita,
          donando amore, tanto amore.

          Appena arrivata illuminerà tutti,
          perché è la più bella,
          è la migliore.

          Gli angeli faranno a gara
          per portarla a spasso,
          per giocarci,
          per amarla.

          Verrà premiata,
          perché se lo merita,
          Perché in cielo funziona così.
          Ivano Crescenzi
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ivano Crescenzi

            Stella cadente

            Lo sguardo rivolto al cielo,
            nello scrutare gli angoli più scuri,
            alla sua ricerca,
            alla ricerca di quella luce,
            che illumini le mie speranze.
            Eccola, lo vista...
            chiudo gli occhi e penso ad un desiderio...
            È un attimo, e lei non c'è più...
            La ricerco, cerco proprio lei,
            perché è lei che volevo,
            l'avevo cercata e trovata,
            ma lei è già svanita.
            Forse non ero l'unico ad averla vista,
            forse non era destinata a me,
            forse non era la mia stella.
            Ma il suo ricordo è rimasto in me,
            il ricordo di quella luce,
            di quella sensazione,
            di quella speranza.

            Passerò il resto della notte a cercarla,
            fino all'alba,
            quando sarà un nuovo giorno,
            perché se tornasse,
            io starò qui ad aspettarla.
            Ivano Crescenzi
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ivano Crescenzi

              Disegno d'amore

              Ho fatto un disegno,
              nato da un sogno,
              dipinto con il cuore,
              pensando al tuo amore.

              C'è una casa, immersa nel verde,
              con un profumo di gioia che si disperde,
              e ci sei tu, col la tua calma,
              la pace stessa ti ama.

              Noi, mano nella mano passeggiamo,
              con due bimbi che abbiamo,
              e vivendo nella semplicità,
              teniamo lontano l'infelicità.
              Ivano Crescenzi
              Vota la poesia: Commenta