Scritta da: Andrea Manfrè

Io e te

Io e te seduti accanto in macchina,
sotto una pioggia battente
parlare delle nostre incomprensioni.

All'improvviso fuggire via da te,
senza dire una parola.

Brividi freddi mi corrono lungo la schiena,
e gocce di sudore mi imperlano la fronte.

Il dolore mi fa contorcere
come una foglia verde tra le fiamme.

Mentre sto qui seduto tremante,
l'universo intorno a me si espande.

Che brutta cosa la diarrea...
Flavio Oreglio
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di