Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Dansalvarea

L'anima delle stagioni

Raccolgo foglie in disuso,
nel colore smunto dell'inverno
il gelido sapore di ghiaccio,
sintomi freddi di un ricordo
che si fa dimenticare.

Tra le pietre ancora
dolce torpore d'autunno
ora in letargo,
che attende proteggendo
un suo spazio
dolce e nostalgico.

Dietro l'angolo estate fresca
d'aria leggera, calda,
nei suoi sandali
sabbia ed allegria,
musica e fantasia.

Ma qui tra le mie dita
adesso è dolce primavera,
timidi colori che d'immenso
sanno infiammare il cuore,
seguo il suo volere per
adorar l'amore,
se d'illusione devo leggere
e sognare,
non v'è altro cibo che le sue parole.
Angel Roses
Composta giovedì 31 maggio 2012
Vota la poesia: Commenta