'Na crema par dormire,
de giorno el fondo tinta,
cossì de dì e de note
te par cò 'a facia finta.
'E rughe che te porti
xè on libro cò 'a tò storia,
e prima che sò 'a facia
te 'e scrivi in te 'a memoria.
'E conta de ogni lota,
nò importa trista o bona,
e del mistero grando
che sta nel l'esser dona.
Mistero ai maschi ignoto
pà i vostri slanci e voli,
ma voàltre andè fa alodole,
e noàltri come i poli.
A farte queste rughe
te xè sevìa 'na vita:
nò sconderle cò 'e creme
che ti sì bea cossita.
Sergio Giovanni Mocellin
Composta lunedì 8 marzo 2010
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di