Scritta da: Lina Viglione
Caro papÓ. Oggi che la mia mente e libera da ogni giudizio negativo, ritrovo sepolto nella mia mente ricordi di bambina mai dimenticati, attraverso i quali giunge al mio cuore il tuo amore per i fiori. Questa tua passione ti port˛ a chiedere il permesso agli altri abitanti del cortile se potevi mettere una mensoletta sulla quale poggiare i tuoi fiori. Il permesso ti fu dato, e tu felice incominciasti a curare il suo giardino pensile. Dalla sua figura robusta spuntavano mani forti e callosi, rese tali dal tuo lavoro di muratore. Eppure con quanta delicatezza curavi i tuoi fiori. Quando i fiori fiorivano riempiendo il muro di colori e profumi si affacciavano con prepotenza alla ricerca del loro padrone. Sono passato tantissimi anni papÓ! Eppure ancora ricordo! Ancora oggi vorrei essere il fiore pi¨ bello del tuo giardino pensile, per conoscere la delicatezza di quelle mani che mai hanno sfiorato le mie guance per. Una tenera carezza.
Composta sabato 10 marzo 2007

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Lina Viglione

    Commenti

    2
    postato da , il
    Grazie!!! Sono commossa anch'io  per il tuo commento
    1
    postato da , il
    Questa Ŕ in assoluto tra le pi¨ belle , mi sono commossa nel leggerla... Complimenti..:)

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.85 in 47 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti