Scritto da: Simone Forleo
C'è una bella "leggenda" dei Cherokee riguardo al "Rito di Passaggio". Un padre porta il figlio nella foresta, gli mette una benda sugli occhi e lo lascia lì da solo. Il giovane deve rimanere seduto su un tronco tutta la notte, senza togliere la benda, finché i raggi del sole, non lo avvertono che è mattino. Non può e non deve chiedere aiuto a nessuno. Se sopravvive alla notte, senza andare a pezzi, sarà un uomo. Non può raccontare della sua esperienza ai suoi amici o a nessun altro, perché ogni giovane deve diventare uomo da solo. Il vento soffia forte tutta la notte e scuote il tronco su cui è seduto, ma lui va avanti coraggiosamente, senza togliere la benda dagli occhi. In fondo, è l'unico modo per diventare uomo! All'alba si toglie la benda e si accorge che suo padre è seduto sul tronco a fianco a lui. È stato di guardia tutta la notte proteggendo suo figlio da qualsiasi pericolo. Il padre era lì, anche se il figlio non lo sapeva. Anche nella notte più terrificante, nel buio più profondo, nella solitudine più completa, anche quando non ce ne rendiamo conto, non siamo mai soli.
Simone Forleo
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Simone Forleo
    Io: Ciao Dio.
    Dio: Ciao...
    Io: Sto cadendo a pezzi. Puoi rimettermi insieme?
    Dio: Preferirei di no.
    Io: Perché?
    Dio: Perché non sei un enigma.
    Io: e tutti i pezzi della mia vita che cadono a terra?
    Dio: Lasciali lì per un po'. Cadono per un motivo. Lasciali stare lì per un po' e poi decidi se devi recuperare uno di quei pezzi.
    Io: Non capisci? Mi sto sciogliendo!
    Dio: No, non capisci. Stai trascendendo, evolvendo. Quello che senti sono i dolori della crescita. Ti stai liberando delle cose e delle persone della tua vita che ti stanno trattenendo. I pezzi non stanno cadendo. I pezzi stanno mettendo in atto. Rilassati. Fai un respiro profondo e lascia cadere quelle cose che non ti servono più. Smetti di aggrapparti a pezzi che non sono più per te. Lasciali cadere. Lasciali andare.
    Io: Una volta che inizierò a farlo, cosa mi resterà?
    Dio: Solo i tuoi pezzi migliori.
    Io: Ho paura di cambiare.
    Dio: Continuo a dirti: non stai cambiando! Stai diventando!
    Io: Diventare, chi?
    Dio: Diventare chi ti ho creato per essere! Una persona di luce, amore, carità, speranza, coraggio, gioia, misericordia, grazia e compassione. Ti ho creato per molto più di quei pezzi poco profondi con cui hai deciso di adornarti e ai quali ti aggrappi con tanta avidità e paura. Lascia che quelle cose ti cadano di dosso. Ti amo! Non cambiare! Diventa! Non cambiare! Diventa! Diventa chi voglio che tu sia, chi ho creato. Continuerò a dirtelo finché non te lo ricorderai.
    Io: Ecco... un altro pezzo...
    Dio: Sì. Lascia che sia così.
    Io: Quindi... Non sono rotto?
    Dio: No, ma stai rompendo l'oscurità, come l'alba. È un nuovo giorno.
    Diventa!
    Diventa quello che sei veramente.
    Simone Forleo
    Composto martedì 1 giugno 2021
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Simone Forleo
      La vita è un dono che Dio regala, il tempo è stato creato dall'uomo e l'intensità è una scelta che creiamo noi. Tuo padre è stato un grande uomo come i grandi uomini che scelgono di vivere una vita onestà. Il miglior libro che può leggere un padre è la vita di suo figlio, visto i buoni risultati c'è la concretezza. Ho imparato oggi che la vita è come la vita, la vivi.
      Simone Forleo
      Composto mercoledì 9 ottobre 2019
      Vota il post: Commenta