Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Giuseppe Freda
La moderna tecnologia fornisce mezzi stupefacenti ad una società malata cui mancano i fini.

Immagini con frasi

    document.write('');window.__cmpWait(function(){document.getElementById("singlequote-ad").className+=" adsbygoogle";pp.jss("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3821133970955797","googleadsjs",0,{crossorigin:"anonymous"});(window.adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})})

    Info

    Scritta da: Giuseppe Freda

    Commenti


    6
    postato da , il
    Mah... lasciamo fare alla Natura. Forse sa bene quello che fa.  : )
    5
    postato da , il
    C'erano stati, anche più di 1500 anni prima (ho detto 1500 per fare cifra tonda) Aristarco, Eudosso e altri, ma soprattutto Archimede, la cui opera, in gran parte perduta, fu probabilmente all'altezza non di quella di Galileo, ma di un Newton o di un Einstein. A Galileo dobbiamo il metodo sperimentale; ma anche l'inizio di una visuale specialistica delle scienze, che se è un bene quanto agli sviluppi di ogni singola branca, non lo è stato quanto alla visione d'insieme. Una volta, invece, come anche sai, scienze naturali, scienze umane e filosofia erano un tutt'uno. Se questa visuale potesse tornare in auge oggi, in una visione interdisciplinare a volo d'angelo ritenuta anch'essa vera e propria scienza, sono certo che l'umanità potrebbe progredire su una nuova direttrice, densa di grandi prospettive. Come invece sai, proprio le dottrine aristoteliche, fatte proprie dall'oscurantismo medioevale e dal suo disinteresse per le cose di quaggiù, frenarono la scienza per tutto quel lasso di tempo.
         Sono comunque convinto che il problema del progresso morale è in certo qual modo collegato alla breve vita degli esseri umani. Se gli uomini, anziché 100 anni al massimo, ne vivessero 800 o 900 (come pare fosse un tempo), sarebbero in grado di far tesoro di cultura, esperienze ed errori, e sviluppare una civiltà superiore. Invece, al giorno d'oggi, chi ha capito ed è in grado di capire deve andarsene, il ricambio generale è rapidissimo, vengono su generazioni che no hanno vissuto certe esperienze, e si ripetono sempre gli stessi errori, come la storia testimonia ampiamente.
        Pensa: se l'uomo vivesse 1000 anni, oggi sarebbero presenti sulla faccia della Terra, insieme, Galilei, Newton e Einstein, oltre a un mare di altri scienziati, di premi Nobel, filosofi, di politici, di "fetienti"... : )))
    4
    postato da , il
    Inoltre , perché 1500 anni ? Non fu Galileo il primo " scienziato" ?
    3
    postato da , il
    Se , però , non erro è ad Aristotele che si deve la più grande opera di catalogazione - più che altro biologica- mai compiuta fino ad allora.
    Si potrebbe dire che - benché il metodo scientifico non fosse ancora nato - senza il suo deduttivo ragionamento , ne sia stato un precursore.
    2
    postato da , il
    Sono invece millenni che la saggezza non progredisce neanche di un millimetro...
       Probabilmente però è come per la scienza: allo stesso modo in cui la scienza era rimasta ferma sulle posizioni aristoteliche per 1500 anni, e poi è esplosa, potrebbe darsi che prima o poi... cominci il progresso morale e sociale dell'umanità.
        Personalmente, anzi, ne sono certo: contrariamente a ciò che comunemente si ritiene, credo ci attenda uno splendido futuro.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:3.11 in 9 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti