Scritta da: Enrico Avveduto
Salutarsi è contagiarsi di reciproca divinità interiore. Nel saluto si celebra l'inizio della creazione. Tutto è possibile nello spazio di vulnerabilità del saluto. Chi non sente l'esigenza di salutare è sazio di sé, ossia è già morto. L'intensità di un saluto è proporzionale alla vicinanza di un uomo verso se stesso. Chi non è capace di amarsi può salutare solo formalmente, e un saluto formale, freddo, di routine, è indegno dell'essere umano. Da un semplice saluto comprendiamo molto su noi stessi e sugli altri.
Composta mercoledì 1 marzo 2017

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Enrico Avveduto

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:5.60 in 10 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti