Scritta da: Pedro
Essere di passaggio, sempre di passaggio
avere la strada come dimora,
comtemplare cieli che non sono i nostri,
vivere con gente che non è la nostra,
cantare canzoni non nostre,
sorridere con una risata che non è la nostra,
stringere mani che non sono le nostre,
soffrire con un pianto che non è il nostro,
avere amori che non sono nostri,
assaggiare cibo che non è il nostro,
pregare dei che non sono nostri,
sentire un nome che non è il nostro,
pensare a cose che non sono nostre,
andar su sentieri che non sono i nostri,
riposare in una tomba che non è la nostra,
mischiarsi con ossa che non sono nostre,
che alla fine, uomo senza patria.
Uomo senza nome, uomo senza uomo.
Pedro Trivino Gomez
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di