Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz
Ricordo mio nonno, un contadino: quando gli chiedevo "Cosa fai, nonno?", rispondeva "aspetto la morte". Per me non era mai una risposta tragica perché per lui aspettare la morte significava attrezzarsi, nell'ultima parte della vita, ad affrontarla con tutte le armi dell'uomo (lo scherno, l'ironia, la tristezza, l'amicizia, l'amore), ma mai ad esorcizzarla. Noi invece la dobbiamo esorcizzare con i nostri "gesti segreti" perché crediamo solo nei fatti. E di fronte al "fatto della morte", che non si può controllare perché si è "assenti" nei riguardi di esso, possiamo solo fare scongiuri o "dare i numeri".
Francesco Campione
Vota la frase: Commenta