Le migliori frasi di Edoardo Arcangelo Turiya

Nato giovedì 12 maggio 1988 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Umorismo, in Racconti e in Diario.

Scritta da: Edoardo Arca Tur
La gente è un po' cieca. Da una parte vedi i nazisti o i fascisti mascherati da democratici che dicono che ci sono troppi stranieri, senza capire che il mondo è di tutti e senza capire che i criminali ci sono anche fra gli italiani, poi invece dall'altra parte ci sono i classici drogatelli comunisti con il pugno chiuso, che non sanno fare nemmeno un discorso e vorrebbero una nazione incontrollata senza "troppe" regole e lodano l'abolizione della proprietà privata, senza però attuare queste cose (a casa loro i marocchini non ce li fanno dormire, che strano!) E andando in giro con Audi, Renault, BMW, Mercedes, iPhone o una birra in mano e dicendo "guardami sono umile perché sono comunista e pacifista, sono meglio di un santo." Dopo ci sono anche i figli degli anni 50/60, i dementi bigotti religiosi che sono ipnotizzati da quello che dice la chiesa. Invece bisognerebbe capire la realtà ma non mi aspetto intelligenza dalla gente. Siete lontani ma veramente lontani da ciò che si potrebbe definire con il termine di "intelligente".
Edoardo Arcangelo Turiya
Composta venerdì 3 luglio 2015
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Edoardo Arca Tur
    È brutto perdere una persona speciale a cui tieni veramente. La persona superficiale tali problemi non se li pone ma la felicità senza sensibilità non può esistere. Sono due cose che viaggiano insieme, anche se non piace è così. Bisognerebbe ringraziare tutte le poche persone speciali che si incontrano nella propria vita per averci fatto conoscere quella dimensione senza tempo, una dimensione dove i "mendicanti" non arrivano. Dove non hai nulla ma sei il padrone del mondo.
    Edoardo Arcangelo Turiya
    Composta mercoledì 3 aprile 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Edoardo Arca Tur
      Mi dispiace (o forse no?) Molto vedere come molti umani siano rimasti primitivi e attaccati alle proprie convinzioni. L'umano, di solito, prova gelosia (anche inconscia) per qualche suo simile.
      Il mondo è ingiusto quando a lui non vanno bene le cose, il mondo è giusto quando a lui vanno bene.
      È difficile ragionare con i bambini adulti.
      Strano... molti umani si guardano il proprio orticello e in realtà commettono alcuni errori:
      Il primo è che non saranno mai felici.
      Il secondo è che hanno un orticello marcio.
      Il terzo è che abbracciano più contraddizioni.
      Una di queste contraddizioni (negative) è guardare il proprio orticello ma in realtà essere gelosi di quello che c'è al di fuori.
      Se sei veramente felice non sei geloso.
      Edoardo Arcangelo Turiya
      Composta giovedì 13 ottobre 2011
      Vota la frase: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di