Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Davide Capelli

Scrittore naif, nato giovedì 18 luglio 1957 a Cremona (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Davide Capelli
Un ragno... uno stramaledetto schifosissimo ragno!
Di quelli con le zampe lunghe e sottili, enormi... che tessono ragnatele e succhiano mosche.
Schifoso maledetto ragno!
Arrotolo il giornale e ti spiaccico sul muro, maledetto!...
Poi, d'improvviso, mi fermo... prendo un foglio di carta, lo faccio scivolare sotto al ragno e lo porto su davanzale della finestra aperta... vattene al tuo destino!
Me ne torno a letto, sereno, felice... sono riuscito a sconfiggere quell'assassino testa di cazzo che c'è in me.
Davide Capelli
Composta giovedì 17 febbraio 1977
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Davide Capelli
    Ho fatto domanda in un canile... custode di un canile...
    "Mio figlio che va raccogliere merde di cane? È tutto qui quello
    che sai fare? A cinquant'anni finisci la tua vita raccogliendo
    merde di cane in un canile?... bell'affare!"
    Beh... è tutta la vita che raccolgo merda... da ogni parte, in ogni posto,
    con ogni donna... posso anche crepare raccogliendo merde di
    cane, almeno insieme alla merda avrò un po' d'amore.
    Davide Capelli
    Composta mercoledì 15 febbraio 2012
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Davide Capelli
      "Tu sei un poeta?"
      Sì... no... non so... che cazzo ne so cos'è un poeta... scrivo, alla gente piace, forse sono un poeta...
      "Tuo padre mi scriveva pagine d'amore, era un poeta quando mi voleva conquistare, poi una volta sposati, mi picchiava, e urlava e picchiava te."
      Voleva soltanto scoparti, scriveva lettere d'amore perché ti voleva scopare e tu ci sei cascata e l'hai pagata cara.
      "E tu perché scrivi? I poeti sono tutti morti di fame, vivono soli e muoiono soli. Cercati un lavoro e smetti di scrivere che non serve a nulla."
      Il lavoro non c'è, non lo trovo... o lui non trova me... è uguale.
      Non so perché scrivo... scrivo e me ne sbatto... scrivo per me e non me ne fotte nulla di crepare solo o di far soldi.
      Fanculo i soldi... fanculo il mondo... fanculo tutto.
      Dov'è la birra?
      Davide Capelli
      Composta mercoledì 15 febbraio 2012
      Vota la frase: Commenta