Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Silvia Gamba
Pubblicata prima del 01/06/2004
"Ciò che gli occhi non vedono, il cuore non sente". Ebbene, io affermo che non c'è niente di più falso. Quanto più lontani stanno, tanto più vicini al cuore sono i sentimenti che cerchiamo di soffocare e dimenticare. Se siamo in esilio, vogliamo serbare ogni ricordo delle nostre radici; se ci troviamo lontani dalla persona amata, chiunque passi per la strada ce la fa ricordare.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Silvia Gamba
    Pubblicata prima del 01/06/2004
    Modificata da Sharon Xxxxxx
    È stata frase del giorno
    martedì 19 maggio 2009

    Commenti


    24
    postato da , il
    Secondo me la famosa frase significa semplicemente che: gli occhi che non si vedono per un determinato tempo, si dimenticano!
    23
    postato da , il
    Potrete farlo tranquillamente dopodomani: saremo appunto al Mercoledì delle Ceneri...  :)))
    22
    postato da , il
    Ma proviamo a "smontare" pezzo per pezzo questo GRANDE pensiero di Coelho. E ti spiego dove è il trucco.  Il trucco risiede nel definire "lontani" i sentimenti, e poi produrre come esempi la lontananza della persona amata o della patria. Eh, no, caro il mio Coelho... La persona amata o la patria NON SONO SENTIMENTI.  Questi ultimi, i sentimenti, non sono mai lontani, di amore o di odio che siano...
        Cospargetevi il capo di cenere per aver prestato fede e lodi a questo imbroglioncello.... !!!   : )))
    21
    postato da , il
    Ascolta, Francesca: il gioco delle 3 carte lo fa Coelho, non Giulio. Il proverbio "occhio che non vede, cuore che non duole" si riferisce alle COSE, ai FATTI, non ai SENTIMENTI, come lui asserisce. E' ovvio, infatti, che i sentimenti siano sempre presenti al cuore; i fatti, invece no.
        E per farmi capire faccio un esempio facile facile. La persona amata è lontana; e basta una cozza qualunque che passi per strada a farcela ricordare. Ok, bravo Coelho, ha scoperto l'acqua calda: l'amore per la persona amata è infatti sempre con noi, nel nostro cuore: e l'occhio (del cuore) ce la fa vedere in chiunque passi. Ma proviamo ad immaginare una diversa situazione: mentre passa la "cozza" che ci fa ricordare la persona amata, quest'ultima se la sta spassando con il suo amante, di cui non conosciamo l'esistenza. Ci duole il cuore per questo? No che non ci duole, proprio perché "occhio che non vede, cuore che non duole"...
        Per gli stessi motivi, quanto all'esilio, molti tedeschi per bene se ne scapparono dalla Germania ai tempi del nazismo, auto-esiliandosi con grande gioia; nè presumo abbiano rimpianto la loro patria per ciò che era diventata, finché essa non fu tornata ad essere una nazione civile. In questo caso... gli occhi avevano visto, e il cuore... aveva deciso di scappar via. : )
         Conclusione: GIOCANDO con le parole, si può dire (e far credere) tutto, e il contrario di tutto. Il che, quanto a Coelho, è poca cosa, giacché serve solo a procurargli una mielosa fama immeritata, unitamente a un bel gruzzoletto.  Pensateci invece - e molto seriamente - quando andrete a votare: sono MARCI.  TUTTI, non se ne salva nessuno, salvo forse il "buffone", che probabilmente, malgrado certe gaglioffate, è il più serio e il più sano di tutti.
    20
    postato da , il
    Giulio, mi sembra il gioco delle tre carte. Qui occhi ballonzolano come palline da ping pong e non riesco a seguirli comunque per riassumere poeticamente diciamo.....' che gli occhi sono lo sguardo del cuore....' !!!!!

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.69 in 104 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti