Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Daniela Cesta

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Daniela Cesta

Umori settembrini

Umori teneri, malinconici, brillanti,
influsso settembrino, arriva lentamente,
carezza boschi e monti, ancora verdi,

sotto il sole scintillante, ma il mio spirito
sente il cambiamento, come onde armoniose e silenziose,
carezzano il cuore, e la profondità dell'anima,

nel tramonto irreale, tra il vento leggero,
sublime pensiero d'amore, nell'immenso recondito,
come una dolce danza invisibile, che carezza la natura,

come una goccia di rugiada, che scivola leggera,
il passo felpato di una volpe silenziosa,
gli occhi lucenti di un lupo, sul sentiero erboso,

abbraccio gli alberi e carezzo foglie, mentre
dei fiori viola tra l'erba, annunciano,
l'arrivo, tra poco tempo, dell'autunno.
Composta giovedì 27 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Io amo gli alberi

    Amo i boschi in ogni stagione,
    gli alberi sussurrano alla mia anima,
    sento il loro amore incondizionato,

    forte, potente, pieno di energia!
    Gli alberi sono la maestà della terra,
    sono le colonne viventi, dell'umanità!

    Luce, enzimi positivi, candore, purezza,
    tutto racchiude l'albero, dalla linfa vitale,
    nascosta, nelle sue, profonde radici,

    ascoltate le parole invisibili, dell'albero,
    è il nostro primo maestro, silenzioso, pieno di amore,
    lo spirito di Dio, è dentro ognuno di noi,

    e anche nell'albero, sorgente di vita.
    Composta mercoledì 26 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Fine d'agosto

      Piogge di fine agosto,
      tutto cambia dal cielo verso la terra,
      possiamo ascoltare la voce del silenzio,

      il vento cambia, è più fresco, tocca il cuore,
      i sentimenti, avvolge di malinconia,
      mille perché senza risposta,

      l'amore non è concesso a tutti,
      molti sulla terra, sono senza affetto,
      vivono nella loro, solitudine e riservatezza,

      nella controversia della passione,
      tra concupiscenza, desiderio, eccitazione, fiamma, frenesia,
      avvenga lo slancio del nostro spirito,

      verso Dio e le cose celesti, questo è il vero amore,
      non tutte le persone, di questo mondo
      possono permettersi di avere amore,

      il perché, Dio un giorno darà a noi una risposta.
      Composta venerdì 21 agosto 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Ultimo tempo d'estate

        Inesorabilmente, l'estate passa,
        e i pensieri spensierati di gioia e amore
        gli corrono dietro, portati dal vento caldo,

        nell'ultimo tempo, della stagione calda,
        siamo ancora, prigionieri di un sogno,
        ma la realtà, per ognuno di noi, è alle porte,

        dopo la vita spensierata, divertente, sotto il sole scintillante,
        qualche lacrima, lascia in noi, ritornare alla, nostra vita quotidiana,
        ma dobbiamo ringraziare Dio, per la bellezza della natura estiva,

        abbiamo goduto, del verde dei monti, boschi, laghi fiumi, mare,
        i nostri occhi si riempivano di luce, alla vista dei tramonti estivi,
        e del luccichio delle stelle di notte!

        Il giorno di luce diventa piu corto, l'aria del mattino e della sera
        è piu fresca, l'afa è andata via, le prime piogge colorano
        il cielo e l'aria di grigio, e il mare ha cambiato colore.

        Ma, godiamo di questo ultimo tempo di un estate
        che inflessibile, irremovibile, irriducibile
        lentamente si allontana.
        Composta mercoledì 19 agosto 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Riverbero di luce

          Vibra la luce del mattino
          leggera, tenue, come un dolce riverbero,
          l'estate passa lentamente,

          lo senti dall'aria, lo senti dallo spirito
          lo senti dalla malinconia che circonda il cuore
          il tempo che fugge dalle tue membra,

          sembra scavare nel profondo
          lasciando ferite di profonda solitudine
          nulla è eterno sulla terra

          le stagioni lo insegnano.
          Composta mercoledì 19 agosto 2015
          Vota la poesia: Commenta