Virgilio

Poesie romane


in Poesie (Poesie vernacolari)

El primo dì de càcia

Va i càciatori contenti col s'ciopo in spaea,
pieni de speranse, colmi de ricordi
co'a voja de tirar co'l s'ciopo.
Xe el primo dì de càcia,
co i cani tacai, ben alineai,
tuti bei come caporai,
i se posta, dopo tanto caminare,
drio a un pajaro o a un figaro,
spetando 'na séegheta
che salte fora dal gnaro.
Altri in meso al bosco,
sperando a un conijo o al cinghial,
i se cata in diese a sparar.
Quando 'na fronda i vede dondoear
"oh - oh mati ghe son mi drio a ca... r",
ghe vien de mato a sacramentar.
No' contenti, de 'sto fato,
i ghe scapa da soto i oci,
un bel gevro co' tuta a so fameja,
a catarse posti mejo,
cori... cori staghe drio
a forsa de engua fora,
ga tirà sera a 'sta ora.
Torna a casa Toni sensa gnente
torno a toea cata a so jente.
Vota la poesia: Commenta
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    El me posto "Pragojn"

    Davanti al me prà
    el falco in vòeo va
    daea termica in alto portà,
    me fondo in ju
    e vòeo co e so àe slargae,
    sensa fadiga vago su
    in alto senpre de pì
    e da la me buto in tondo
    senpre pì in largo
    vardando co i me oci
    verso el pian.
    Vardo el posto dove son partio
    vedo el bosco ben nutrio
    vardo do caprioi che magna sul prà,
    me slargo verso e crode
    me se presenta timide e bée
    un s'ciapo de canpanée,
    pì in la 'na stea alpina, bianca,
    come e nuvoe che son drio
    'ndarghe rento.
    Sàeudi...

    Vota la poesia: Commenta
      Commenti:
      1
      Scritta da: Albert Videlio
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Agrigento da sempre

      Fra città e paiseddri
      si di sempri a cchiù... beddra
      un sì granni ma si ricca
      di usanzi e tradizioni.
      Si antica nnè to pregi
      ma si giovani nnò cori
      a cangiatu tanti nnomi
      da Akraganti ad'Agrigentu.
      Duminanti versu ù mari
      suprastanti la to valli
      costruita nnà cullina,
      circondata de muntagni.
      Dè chianuri e virdi campi
      si l'eterna Primavera
      maistusa nnù mar d'Africa
      ti rispecchi dall'origini.
      Offru ò ventu la mè lodi
      dormi Diva* nnò mè cori.
      Composta venerdì 14 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Brunason
        in Poesie (Poesie vernacolari)
        Me sarò chiesto cento
        mille volte
        io che non sò
        né re né imperatore
        che ho ffatto
        per trovamme sta reggina
        nel letto fra le bbraccia
        in fonno al core
        e dato sì che sei così preziosa
        stasera io te vojo
        dì na cosa
        te c'hanno mai mannato
        a quel paese
        sapessi quanta gente che ce sta
        er primo cittadino è amico mio
        tu dije che te c'ho mannato io
        e va e va
        va avanti tu
        che adesso c'ho da fa...
        sarai la mia metà
        ma si nun parti
        diventi un altro po' la mia trequarti
        e va e va
        nun puoi sapè er piacere che me fa...
        magari qualche amico te consola
        così tu fai la scarpa
        e lui te sola
        io te ce manno sola
        io te ce manno sola
        sola senza de me
        già che ce so
        me levo st'altro peso
        cò tte che fai il capoccia
        e stai più su
        te sei allargato troppo
        senti a coso
        mica t'offendi se
        te do del tu
        te c'hanno mai mannato
        a quel paese
        sapessi quanta gente che ce sta
        a tte te danno la medaglja d'oro
        e noi te ce mannammo tutti in coro
        e va e va
        chi va con la polenta e baccalà...
        io so salmone
        e nun me 'mporta niente
        a me me piace annà contro corente
        e va e va
        che più sei grosso
        e più ce devi annà...
        e t'a ritroverai nel posto giusto
        e prima o poi vedrai
        ce provi gusto
        sto solo scherzando
        gussto sto solo cantando
        uh sto solo a scherzà pardon
        ma quanno alla mattina
        sto allo specchio
        c'è un fatto
        che me bbutta giù er morale
        io me ritrovo sempre
        ar gabbinetto
        e me ricanto addosso sto finale
        te c'hanno mai mannato a quel paese
        sapessi quanta gente che ce sta
        così che m'encoraggio
        e me consolo
        cor fatto de mannammece da solo
        e va e va
        che si ce devi annà
        ce devi annà...
        tanto se te anniscondi dietro a un vetro
        na mano c'hai davanti e l'altra dietro
        e va e va
        è inutile che stamo a litigà...
        tenemoce abbracciati stretti stretti
        che tanto prima o poi
        ce annamo tutti
        a quel paese
        tutti a quel paese
        tutti a quel paese
        tutti a quel paese
        tutti a quel paese
        tutti a quel paese là.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Cangiano
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          'O frate e 'a sora

          Ma ch'è succieso, 'o cielo
          chesta sera è accussì russo;
          vuo' vedè ca forse 'o sole
          tenesse un po' la luna di traverso.
          A luna, puntualmente s'affacciaje
          e dicette: "Io nun c'azzecco proprio
          cu' stà storia, ma nun vedite
          comme songa chiena".
          E po', c'a faccia tosta ca nse trova,
          dicette: "Mo nce parl' io cu chillo
          piezz'e fucuso".
          "Ma ch'e passato, tu ajere stive
          tanto bello", le domandai
          così a suo fratello.
          E isso, calmannose nu poco
          respunnette: "Sto stanco sora mia,
          ma c'aggia fa, chiù 'e chello
          ca faccio d'a matin'a sera:
          je allummo, scarfo a vierno,
          nce asciutt'e panne stise,
          quann'è 'a stagione nce faccio
          piglià pure 'a tintarella,
          nce metto impegno,
          ma nce sta na cosa ca' nun me riesce:
          je vulesse ca pe' ricunuscenza,
          'a gente se vulesse bene overamente;
          invec''e penza' ognuno 'e fatti suoje,
          ca dessero 'na mano a chi ha bisogno;
          invece 'e se fa' 'a guerra frat'e frate
          penzasser'a stà 'npace l'uno cu ll'ato;
          capisce, sora mia, che me turmenta?"
          "'0 ssaccio, caro frato, 'o ssaccio bbuono"
          nce respunnett'a luna a copp'a mano;
          "e si vedisse chello ca vec'jo,
          tutt'e rammagge ca se fann'e notte,
          furti, rapine, appicceche e delitte.
          Che t'aggia dì, embe', tieni raggione,
          ma in fondo nuje che 'nce putimmo fa?
          Facimmo comm'a che munn'è munno,
          tu 'e juorno trase dint'e core generuse,
          je 'a notte me guvern'e'nnammurate;
          mo vatt'a repusà, cà ce penz'je,
          diman' è 'n'atu juorno, jamm'annanza
          ca' 'll'urdem'a murì è semp'a speranza."
          Composta venerdì 14 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta