Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Antonio Pellegrino
in Poesie (Poesie vernacolari)
Oggi comu oggi avemu n'vinzioni
tutti cu telefuni e valigiuni
avemu intérnet pi cuttigghiari
ma nama n'zignari puru a campari
liggennu e giriannu intra o computer
i chiddu chi leggi ti fannu scialari
ogni cantunera ce pinzeri e paroli
ca dicunu iddi chi sunnu l'autori
si sentunu scrittori e puru pueti
chi scrivunu testa e leggiuni peti.
Composta venerdì 10 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    La nev' a S'nigaja/ La neve a Senigallia

    Prima a dicembr' e po' a g (e)nar'
    com' tutti anch'io dicev',
    è 'invern' e manc' par',
    nun fa fred' e n' fa la nev'.
    Ma è stata 'n' illusion',
    m' sa ch' nun c (i) armann'
    p'r aria' sta stagion':
    farà fredd' anch' st'ann'.
    E la cunferma po' c'è stata:
    'l vent' è adè gambiat';
    s (e) l'av (e)vam' scampata,
    puntual' lu' è arrivat. '
    Ha cuminciat' pian' pianin',
    prima butava 'n po' d'acquetta
    ch' sa la bora e 'l bausin'
    è div'ntata piova stretta.
    Enn' po' 'nut' l' mar'ggiat'
    e hann' fatt' 'n bel macell'.
    l' ar (e)nil' hann' magnat',
    e n' s'è' salvat' invell';
    Sa ch'l vent' ch' tirava
    ha cuminciat' a sfarfallà,
    ma la nev' nun taccava,
    p'rché duveva anco'g (e)là.
    Ma da la sera a la mattina
    avresti vist' ch' chiaror''!
    Da l' culin' a la marina
    anicò bianc', era 'n candor'.
    E ogg (i) è com' ier',
    anzi 'l temp' è p'ggiurat';
    ha fatt' tutt' 'n m'stier'
    e S'nigaja ha incasinat'.
    La nev' fresca nun c (e) bagna,
    avem' salvat' 'l cont' in banca:
    n'acada gì in muntagna,
    farem' machì la stimana bianca.

    Prima a dicembre e poi a gennaio
    come tutti anch'io dicevo
    e' inverno e neanche pare,
    non fa freddo e non fa la neve.
    Ma è stata un' illusione,
    mi sa che non ci rimane
    per aria questa stagione:
    farà freddo anche quest'anno.
    E la conferma poi c'è stata:
    il vento adesso è cambiato,
    se l'avevamo scampata
    puntuale lui è arrivato.
    Ha incominciato pian pianino,
    prima buttava un po' d'acquetta
    che con la bora e l'aria fredda
    è diventata pioggia stretta.
    Sono poi venute le mareggiate
    e hanno fatto un bel macello,
    l'arenile hanno mangiato
    e no si è salvato nessun posto.
    Con quel vento che tirava
    ha incominciato a sfarfallare,
    ma la neve non attaccava
    perché doveva ancora gelare.
    Ma dalla sera alla mattina,
    avresti visto che chiarore!
    Dalle colline alla marina,
    tutto bianco, era un candore.
    E oggi è come ieri,
    anzi il tempo è peggiorato;
    ha fatto tutto un mestiere
    e Senigallia ha incasinato.
    La neve fresca non ci bagna,
    abbiamo salvato il conto in banca,
    non occorre andare in montagna
    faremo qui la settimana bianca.
    Composta lunedì 6 febbraio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: minnie
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      A' jattella

      'Ncopp' a stu' tittariello,
      'n ce sta na' jattella...
      ma quant'è bella
      ... ma quant'è bella...
      guarda a' luna
      e 'll'uocchie tene
      ca' paren'e stelle...
      e' vvote s'aggira,
      nu poc', sulo nu poc'...
      forse me guarda...
      forse no,
      s'accucculea e...
      guarda ancora
      ancora na' vota...
      po'... aiza ll'uocchie...
      cocc'cosa vola...?
      ma, forse...
      vo' sulament'
      na' parola.
      Composta giovedì 9 febbraio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: MARIA TERESA
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Comma a na canaria

        Comma na barca me ne vaco u mare
        senza vientu,
        calme s'ho l'uonne
        e issu è piatto comm'à na coperta
        stesa subbr'a u muorto
        ca se n'è gghiutu solo
        e ritto e freddo staie stisu dint'à cassa
        miezzu a tant'uommane
        ca lacrime nunn'hannu...
        I nu saccio chi sò
        nu m'emporta a sapè
        si u ssole, u mare, u cielo ce stanno
        e che ce stanno a ffà,
        io sò sola
        e me ne vacopò mmare piatto
        de chista vita mia, sola
        comm'à a na canaria ca canta pe ssè sola
        e se ne va po' ccielo nero, azzurro,
        cò è nnuvole o ssereno,
        ca nulla se n'emporta,
        issa ttiene chiusa a porta
        e vola vascia
        e camina e canta
        pe ssè sola!
        Composta domenica 31 luglio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Le mule de Trieste

          Le mule de Trieste...
          le profuma de mar...
          le ga el sorriso che fa inamorar...
          le mule de Trieste...
          xe mame... fie... none...
          amanti e donne...
          donne de perder la testa...
          Le mule de Trieste
          xe rose profumade...
          xe el camin acceso...
          nele brute giornade...
          Le mule de Trieste...
          te le vardi nei oci...
          e xe come el mar mosso cò' xe Bora...
          e come onde... le te trassina fora...
          Le mule de Trieste...
          xe quanto de più bel e semplice ghe sia...
          come la luna de gennaio...
          come un fior...
          come el mar...
          come una vecia fotografia...
          come l'amor...
          come l'amicizia...
          come la lealtà
          e la nostalgia.
          Composta mercoledì 30 novembre 2011
          Vota la poesia: Commenta