Area Riservata

Oggi, 27 gennaio, ricorre la Giornata della Memoria, in commemorazione delle vittime dell'Olocausto. Leggi il nostro approfondimento e tutte le citazioni degli autori sull'argomento.

Poesie romane


poesia postata da: romaevictor, in Poesie (Poesie vernacolari)
lu jornu ti penzu e la sira ti disíu...

comu spica di ranu st'amuri criscíu...

mi fazzu la bucca duci... pinzannu a li tó labbra russi di muredda...
e accussí mi 'nmbriacu jittatu sutta sta vinedda...

amuri ranni di lu me cori... accussí nun pozzu campari...
dimmi na sula parola... chi intra lu focu mi vaju a jittari...

splenni la luna supra lu mari chiattu di sciroccu...
li ariddi cantunu 'na sirinata 'ppi ttia... e mi fannu cumpagnia
mentri talíu la tó finestra sirrata...

ah!... si putissi essiri un pittirru... vuliría intra lu tó cori...
e pizzuliannu... pizzuliannu... ti fáría 'nnammurari...

lu jornu ti penzu e la sira ti disíu... mi fineru li paroli... amuri miu
vaddannu li stiddi... abbrisci 'nautru jornu... e mi rassegnu...

a st'amuri senza rispunnu.



Il giorno ti penso la sera ti desidero

di giorno ti penso... la sera ti desidero...
come spiga di grano questo amore cresse...

mi faccio la bocca dolce alle tue labbra rosse di mora
e cosi mi ubriaco in questo vicolo

amore grande del mio cuore... cosí non posso vivere
dimmi una sola parola che mi butto nelle fiamme

splende la luna sopra il mare piatto di scirocco
i grilli cantano una serenata per te e mi fanno
compagnia mentre guardo la tua finestra chiusa

ah! se potessi essere un pettirosso volerei dentro il
tuo cuore... e picchiettando, picchiettando... ti farei innamorare

il giorno ti penso... e la notte ti desidero... mi sono finite le parole
amore mio... guardando le stelle albeggia un altro giorno

e mi rassegno a questo amore senza riscontro...


poesia postata in Poesie (Poesie vernacolari)
Me lo riordo ancora dorcemente
Quando mi mà, povera donna,
con gioia a Santacroce mi portava
allora sulla strada un c'era
tanto periolo di essere stiacciato
ma lei di stare attento mi diceva
cammina sverto per vedè la fiera,
e per mano mi teniva appiccicato.
Arrivati in piassa San Miele
un ve lo Dio, sembrava ir paradiso
c'erino tante belle bancarelle
tutte colorate e ben fornite,
fischi trombette e ciottorini
maglie mutande e reggiseno
piatti paioli e lavamano
ombrelli per i grandi e i piccinini
insomma proprio niente ci mancava
ma di omprà quarcosa!
Neanche a ragionanne.
Sempre più stretta a me vicina
armeno mille vorte mi guardava,
nell'aria si sentiva un profumino
di frati fritti, e un sono d'organino.
Ero tanto stracco e traballante
ma ella non finiva di guardà
ed insistiva; andiamo sur Giannotti
là c'è le giostre e grossi ottovolanti,
che di montacci, mi veniva voglia
ma un cenno mi faceva per benino;
stà zitto e non varcar la soglia
perché non tengo, il becco d'un quatrino.
Composta
venerdì 1 ottobre 2010

poesia postata da: Inés, in Poesie (Poesie vernacolari)

Destiny

Dove mi porti?
Mi prendi la mano,
ma dove andiamo?
Cola dalle dita
una colla strana
e un odore
squallido...
Di ferro.
Dove mi porti
così conciata?
Aspetta! Ho le mani sporche, aspetta!
Le voglio lavare...
Cosa?
Dici che è diverso,
che la vita non sporca,
che sono tatuaggi
e la colla...
Adesso ho capito, Destiny,
prendimi la mano
e portami con te,
lontano o vicino
avremo grandi sorrisi
e aria fresca e limpida.
Composta
lunedì 20 settembre 2010

poesia postata da: Elisabetta, in Poesie (Poesie vernacolari)

Ncontro Gheddafi-Berlusconi

Pe'Gheddafi e il suo metano,
organizzo 'na gran festa,
mi trasformo in mussulmano,
col turbante sulla testa.

Pe' 'l piacere der tiranno,
organizzo tutto bene,
le veline già lo sanno,
giocheranno col suo pene.

Nell'incontri tra statisti,
come a Putin mio amichetto,
vecchi giochi ma mai tristi,
je faranno er servizietto.

De Viagra 'n par de chili,
letti grandi esagerati,
famo 'n poco li servili,
guadagnanno sull'asili.

E c'è er fine a tutto questo,
basta ave' l'occhi da falchi,
riusciremo cor pretesto,
a limità de più li sbarchi.

Er migrante clandestino,
che j'arriva dar deserto,
ancor più nero avrà il destino,
je spareranno in cielo aperto!
Composta
giovedì 26 agosto 2010

poesia postata da: Elisabetta, in Poesie (Poesie vernacolari)

L'omo der fare

Quanno che se verifica 'n'evento
nun devi avecce fifa né spavento
e nun te devi manco preoccupare,
perché ce penza Lui, l'Omo der Fare.
Lui ci'à la soluzzione der probblema:
si er fiume esonda, si la tera trema,
si serve predispore con urgenza
quarche festino pe' 'na ricorenza
o fa' baldoria per un centenario
c'è 'st'Omo veramente straordinario
ch'à convinto 'n'esercito de polli
che Lui, si je se leveno i controlli,
e si nun je se rompeno i cojoni
risorve sempre tutte le questioni
basta che nun se smetta d'applaudillo;
si er suddito nun rompe e sta tranquillo
quanno ch'ariva la calamità,
der teremoto se ne po' frega'.

Però l'eventi e puro li festini
costeno sempre 'n mucchio de' quatrini,
che je piace de spenne a piene mano
(tanto li caccia er popolo sovrano).
Ma 'ppresso a Lui ce sta 'r pellegrinaggio
de li sorci ch'annuseno er formaggio,
così, drento la truppa Bertolaso
li maggistrati ci'anno messo er naso.
Allora, pe' sarvasse da 'sta rogna,
ha protestato subbito: "Vergogna!"
Ma poi s'è visto che ner granne assarto
co' le gare abbolite, quarche apparto
siccome bisognava anna' de fretta
se poteva compra' co' la mazzetta,
e che pe' vince 'na commessa ghiotta
era mejo portasse 'na mignotta.
Lui giustamente s'è meravijato
che quarcuno potesse ave' rubbato,
e s'è messo a giura' solennemente
ch'è sempre stato tutto trasparente,
che nun se po' parla' de corruttela,
ch'er verme nun ce sta drento la mela
continuanno a vanta' co' granne orgojo
st'affari sui (conclusi co' l'imbrojo).

S'è difeso co' loggica stringente
e 'n'argomento forte, ch'è 'r seguente:
siccome che li ggiudici so' tutti
zozzoni, communisti e farabbutti,
mentre li leccaculo sui fidati
so' tutti galantommini specchiati
chi 'nzieme a lui partecipa a 'sta festa
poi sta' tranquillo, è 'na perzona onesta!
E' vero che je piace l'ammucchiata,
ma solo co' la ggente 'mmacolata,
tant'è che lui se scopa, quann'è notte,
sortanto donne serie, e no mignotte.

Perciò bisogna crede (Lui ce conta)
a tutte le stronzate che racconta
e che ripete tutti li momenti
pe' falle diggeri' dai deficienti;
si er cittadino nun se beve tutto
o è cojone, o venduto, o farabbutto;
così, pe' spreme le fregnacce sue
'n der la capoccia ar popolaccio bue
e 'nzegnaje a memoria lo spartito
come dovrà fini' già s'è capito:
su la prossima legge che farà
dovra' scrive: "E' proibbito de penza'".

Da più de quindici anni 'r Cavagliere
regge la maggioranza e ci'a 'r potere,
e l'Itaglia, che stava 'n po' abbacchiata,
nun c'è dubbio, l'ha proprio sistemata.
E' pe' questo ch'er popolo 'tagliano
nun smette mai de batteje le mano
e ogni sera de stasse a preoccupa':
"Come faccio se Sirvio se ne va?"
La propaganna l'ha ridotto a schiavo,
a forza d'inzegnaje quant'è bravo
perché fa, com' er popolo ha già visto,
più miracoli Lui de Gesù Cristo.

Infatti ne la guida der governo
se fa sempre ispirà dar Padreterno,
e pe' segui' la strada der Signore
prima ha fatto 'r Partito dell'Amore
(cor quale a 'nna'ffa' 'n culo ci'a mannati
pubblici ministeri e maggistrati)
poi co' na furbacchiona strega roscia,
tosta de chiappa e solida de coscia
sicuro ch'er giochetto je conviene
ha fonnato l'Esercito der Bene.
Co' 'sto doppio, geniale baluardo
a'mo raggiunto 'r massimo traguardo
che a tutti quanti noi ce porterà
fratellanza, giustizzia, libbertà,
pace, lavoro, gioia, sicurezza
e scomparza de tutta la monnezza,

Così, pe' dimostrasse libberale
e sconfigge l'esercito der male,
ar matto che la faccia j'ha sgrugnata
j'ha subbito l'offesa perdonata,
poi s'è precipitato a fa' l'inchini
pe' leccasse l'anello de Ruini,
e j'ha fatto solenne la promessa
de tromba' de nascosto, d'anna' a messa,
d'avecce pe' la Chiesa gran riguardo,
e puro de scuci' quarche mijardo
senza smette la sfirza de decreti
pe' rimpingua' le casse de li preti
e meritasse la benevolenza
dell'Arta, 'ccellentissima 'minenza.

Però drento l'Itaglia so' aumentati
li poveracci, li disoccupati,
le fabbriche dismesse, li precari,
le mignotte, li sottosegretari,
er debbito s'accumula e ce strozza,
l'evasori passeggiano 'n carrozza,
pe' fa' cariera 'r primo requisito
è d'esse 'n sottopanza de partito,
ce sta 'r bavajo su l'informazzione,
la ggente a quarant'anni va 'n penzione
e subbito se 'nventa quarche 'mbrojo
pe' riempisse de sordi er portafojo,
poi campa cor miraggio de le tette,
de culi, de scopate e de mazzette,
e perfino parecchi deputati
so' camorristi o so' preggiudicati.

Embe', drento 'sta bolgia de l'inferno,
qual è la priorità de 'sto governo?
L'unica cosa veramente 'rgente
è scanza' la galera ar Presidente,
e perciò s'è 'mpegnato, fin'adesso,
a fornije l'ombrelli pe' 'r processo:
ha 'ngarbujato co' 'na legge ar giorno
pe' levaje li giudici de torno,
così 'gni volta voleno li stracci
e 'n galera ce vanno i poveracci.
Perciò 'r Banana gode e se delizzia
de come je funziona la giustizzia:
Previti è condannato, ma 'r Cliente
ch'ha corotto li giudici è 'nnocente,
e 'nvece de restassene 'n priggione
core da Vespa a la televisione
a strilla'; "Dei processi me ne fotto,
perché contro de me ce sta er complotto";
e tutto 'r giorno i ggiudici minaccia,
perché Lui come 'r culo ci'a la faccia.

E 'n mezzo a 'sto grannissimo casino
spara balle, 'nfinocchia 'r cittadino
e puro si nun c'è manco 'r proggetto.
già j'innaugura er ponte su lo Stretto.
Nun ce sta manco 'n euro de risorze,
ma che je frega? Deve fa' le corze,
sapenno, da politico furbastro,
che la cosa 'mportante è taja' 'r nastro:
e così 'n pompa magna ha preparata
'st'antra 'llegra, grannissima 'bboffata
pe' gesti' co' scagnozzi e mandarini
'sta gajarda cascata de quatrini
e nutri', co' la greppia dei lavori,
lacché, ladri, mafiosi e valvassori.

Ma quanno che lo scannalo è scoppiato
sui sordi che quarcuno s'è fregato
co' li furti ai lavori der Gi Otto
da subbito j'ha preso er cacasotto
e quarche dubbio j'è venuto puro
su la vittoria del Partito Azzuro
co' la preoccupazzione principale
che drento la campagna 'lettorale
li tarche sciò de le televisioni
se mettessero a rompe li cojoni
e a l'azzuri co' sta pubblicita'
je passasse la voja de vota'.
Quinni, pe' fa' spari' li panni zozzi
ha subbito chiamato li scagnozzi
(che, come ve potete immagginare
so' scagnozzi, vabbe', ma so' der fare)
e ha fatto parcheggia' ner cimitero
Ballarò, Porta a Porta ed Anno Zero.

Tutta l'Itaglia ride a crepapelle
sur botto de la lista pidielle
co' l'urtima grannissima cazzata
ch'er Partito der Fare ha combinata
scornacchiata su tutti li giornali
ner presenta' le liste elettorali.
Siccome l'aspiranti conzijeri
se so' scannati fino all'antro ieri,
li scagnozzi der fare hanno dovuto
cambià la lista all'urtimo minuto
e, a forza de coregge e scancella'
nun l'hanno più potuta presenta'.
Allora, pe' vedesse 'liminate
le conzeguenze de 'ste gran cazzate,
l'Omo der Fare, pe' sventa' er ricatto,
gia' te poi 'mmaggina' che cos'ha fatto:
ha detto, co 'n decreto 'mergenziale
che la legge che c'è pe' Lui nun vale.
Poi siccome ci'a' fifa der salasso
der voto a nord co' rischio de sorpasso
(probbabbile, ner prossimo futuro,
dell'allato suo che ce l'ha duro)
nun volenno de Bossi esse da meno
è subbito partito come 'n treno
e a l'azzuri riuniti all'adunata
j'a rifilato st'antra cavolata:
co' grinta s'è vantato, tutto fiero,
che si se mette a fa' 'r braccio de fero
nun ce potrebbe sta' 'na lotta vera,
che vincerebbe puro su Carnera ".
Qual è 'r guaio? Ch'er Popolo 'tagliano
da li penzieri vole sta' lontano:
manco 'na vorta 'r dubbio j'à sfiorato
che puro lui fa parte dello Stato,
e ha continuato sempre co' st'andazzo
che dello Stato nun je frega un cazzo.
De la legge se sbatte li cojoni
tanto sa che j'ariveno i condoni,
e oramai nun conosce più vergogne,
ma cerca solo de scanza' le rogne,
perciò je piace d'affida' er destino
ar pajaccio, ar majaro, ar burattino,
che, attento solo all'affaracci sui,
je dice:" Finiranno l'anni bui! "

Su 'sta panzana er vorgo è fiducioso;
e in più, siccome ch'è superstizzioso,
e perciò vole scongiura' la jella,
quanno che vota sceje Purcinella.
Campa' senza probblemi è tanto bello:
basta stacca' la spina dar cervello,
nun preoccupasse si la casa brucia,
ave' sempre ner Capo gran fiducia,
crede sereni all'urtima stronzata
se dice che 'sta crisi è superata,
esse tranquilli, candidi, ottimisti
(che Lui ce sarverà dai communisti)
e guarda' ner futuro co' speranza
sicuri de sguazza' ne l'abbondanza;
penzare ar calcio, ar sesso, alla pagnotta,
e puro si ce sta la bancarotta
e la merda ci'ariva a tonnellate
è sempre mejo fasse du' risate
su 'sto paese e come s'è ridotto
e spera' ne li nummeri der lotto;
che, come ci'à 'nzegnato 'r Presidente
er suddito nun deve penza' a gnente:
grazziaddio c'è 'r Partito dell'Amore,
perciò nun disturba' 'r Manovratore,
nun piagne, e soprattutto nun scocciare,
che tanto ce sta Lui: L'Omo del Fare!
Composta
lunedì 30 agosto 2010
Riferimento:
L'ho letta oggi spero di trovare presto l'autore! Ve lo comunico.