Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Fiorella Cappelli
in Poesie (Poesie vernacolari)

MaRatOna, MAratona

Ariva, co' quell'aria marzolina
sta voja d'avé a còre 'na giornata
A tutta bira, bella matinata
pe' fatte vive la stracittadina

'Sta mitica città oggi è reggina
co' le gambe t'abbraccia, innamorata
cor còre t'accompagna 'na risata
fa' comunella, e te s'avvicina

'Sta Maratona va' a tutta callara
co' l'angeli de pietra a fa' da sfònno
la banda che je sòna 'na fanfara

La solidarietà fa' da padrona
drento st'evento c'ha abbracciato er monno
la voce de lo sport... già s'intòna.
Composta sabato 17 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    I Bu (I Buoi)

    Andé a di acsè mi bu ch'i vaga véa,
    che quèl chi à fat i à fatt,
    che adèss u s'èra préima se tratour.
    E' pianz e' còr ma tòtt, ènca mu mè,
    avdai ch'i à lavurè dal mièri d'ann
    e adèss i à d'andè véa a tèsta basa
    dri ma la còrda lònga de' mazèll.



    Ditelo ai miei buoi che l'è finita che il loro lavoronon ci serve più che oggi si fa prima col trattore. E poi commoviamoci pure a pensare alla fatica che hanno fatto per mille anni mentre eccoli lì che se ne vanno a testa bassa dietro la corda lunga del macello.
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Conzacareghe, Caregheta (Impagliatori di seggiole, Seggiolai)

      Riva riva i caregheta
      che i é cofà 'na società segreta,
      i à 'n dèrego che sol che lori i sa
      e 'na sior'Ana che sol che lori i sa:
      eco 'l primo che 'l passa,
      l'inpaja la carega e inte la paja'l ghe assa
      una renga che 'l gat sgrifarà via,
      cussì quel che vien dopo, bon colega,
      catarà 'na carega
      anca lu da inpajar, e così sia.



      Arrivano, arrivano i seggiolai
      che formano tra loro quasi una società segreta,
      usano un gergo che solo loro conoscono
      e hanno un vuoto in pancia che loro soli sanno:
      ecco il primo che passa,
      impaglia la sedia e tra la paglia lascia
      un'aringa che il gatto strapperà via,
      così chi verrà dopo, buon collega,
      troverà una sedia
      anche lui da impagliare, e così sia.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        La nev' a S'nigaja / La neve a Senigallia

        Prima a dicembr' e po' a g'nar'
        com' tutti anch'io dicev',
        è 'invern' e manc' par',
        nun fa fred' e n' fa la nev'.
        Ma è stata 'n illusion',
        m' sa ch' n' c (i)' armann'
        p'r aria' sta stagion':
        farà fredd' anch' st'ann'.
        E la cunferma po' c'è stata:
        'l vent' è adè gambiat';
        sә l'avә vam' scampata,
        puntual' lu' è arrivat. '
        Ha cuminciat' pian' pianin',
        prima butava 'n po' d'acquetta
        ch' sa la bora e 'l bausin'
        è div'ntata piova stretta.
        Enn' po' 'nut' l' mar'ggiat'
        e hann' fatt' 'n bel macell'.
        l' arә nil' hann' magnat'
        e n' s'è' salvat' invell';
        Sa ch'l vent' ch' tirava
        ha cuminciat' a sfarfallà,
        ma la nev' nun taccava,
        p'rché duveva anco'gә là.
        Ma da la sera a la mattina
        avresti vist' ch' chiaror"!
        Da l' culin' a la marina
        anicò bianc', era 'n candor'.
        E oggi è com' ier',
        anzi 'l temp' è p'ggiurat';
        ha fatt' tutt' 'n m'stier'
        e S'nigaja ha incasinat'.
        La nev' fresca nun c (e) bagna,
        avem' salvat' 'l cont' in banca:
        n'acada gì in muntagna,
        farem' machì la stimana bianca.


        La neve a Senigallia
        Prima a dicembre e poi a gennaio
        come tutti anch'io dicevo
        e' inverno e neanche pare,
        non fa freddo e non fa la neve.
        Ma è stata un' illusione,
        mi sa che non ci rimane
        per aria questa stagione:
        farà freddo anche quest'anno.
        E la conferma poi c'è stata:
        il vento adesso è cambiato,
        se l'avevamo scampata
        puntuale lui è arrivato.
        Ha incominciato pian pianino,
        prima buttava un po' d'acquetta
        che con la bora e l'aria fredda
        è diventata pioggia stretta.
        Sono poi venute le mareggiate
        e hanno fatto un bel macello,
        l'arenile hanno mangiato
        e no si è salvato nessun posto.
        Con quel vento che tirava
        ha incominciato a sfarfallare,
        ma la neve non attaccava
        perché doveva ancora gelare.
        Ma dalla sera alla mattina,
        avresti visto che chiarore!
        Dalle colline alla marina,
        tutto bianco, era un candore.
        E oggi è come ieri,
        anzi il tempo è peggiorato;
        ha fatto tutto un mestiere
        e Senigallia ha incasinato.
        La neve fresca non ci bagna,
        abbiamo salvato il conto in banca,
        non occorre andare in montagna
        faremo qui la settimana bianca.
        Composta giovedì 16 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta