Area Riservata

Poesie romane




poesia postata da: Donatella, in Poesie (Poesie vernacolari)

La cura dimagrande

Je disse lu dottore:
"Ciai li grassi a lo sangue in abbonnanza"
Ma no dottore mia io li vedo sulu su la panza,
"La dei da smette co tutti 'sti pranzitti
le pastasciutte e li durgitti,
dei piandalla de strafogatte ammezzu la robba da magnà
sinnò ce crepi e nu lu poi arcondà,
via li zuccheri, la pasta, la carne e le patate,
via le sargicce, lu priciuttu, lo salame e le crostate,
via li facioli, le bistecche e pastarelle,
via la frutta, la robba gassata e mortadelle".
A dottò... se hai firnitu e te si azzittatu
sai che te dico?
Ma va a murì ammazzatu!...
Composta
mercoledì 28 luglio 2010

poesia postata da: Anna De Santis, in Poesie (Poesie vernacolari)

Begli tiemp...

Cummà bongiorno, comm'è pe chesta via
ma sai ca fijema se sposa amica mia
e no alla chiesa e stò scuntenta assaie
pecchè tu sai ca pe stu paese
le malelingue so chelle ca so
ce fann e spese
e nun s'azzitta mai sta malicenza
ma fijema se sposa senza panza.
Ma comm ne cummà senza pruà
comme te fidi de la fa spusà.
Chisti uommn e mò so comm e femminelle
s'acconcian s'approfuman se fann l'orecchin
cummà mo s'usa s'addà pruà sta cosa
o te ritruov senza nipotino.
Tu si rimasta ai tiemp e Pappagone
quann ce se faceva chiù attenzione
mo ce stà la copertura e o pillulino
prima ce raccumannavamo a Gesù Bambino
ca ognie vota se rimaneva prena
te ricuord cummà che tiemp begli
quann la notte se remaneva svegli.
Mo sti uagliun me paron addurmiti
tutti sti giuvan rincojoniti
mo ce vò la pillola, prima bastava nu bicchier e vin
Tenemmacigl stritti sti quatt viecchi ca c'hann addicriat
evvè cummà te ricuord... e gli at morammazzat.

poesia postata da: Donatella, in Poesie (Poesie vernacolari)

Lu sole de Cesi

Lu sole nun sa do va a murì
ma sicuru quanno nasce vene iqquì,
'gni madina guarda 'stu paisittu abbarbicatu
e è tuttu filice d'avellu alluminatu.
Gira pe le vie, bacia la gende
endra drendo le case come gnende,
ariscalla d'un maggicu tepore
tuttu quillu che fa rima co lu core.
A la sera quanno che se spegne:
"M'ariccomanno,
tenemelu d'occhiu fino a dimano
faje la serenata piano piano
e appressu anninnelu e fammelu arpusà
perchè lu vojo in forma quanno arvengo a
rispecchià".
Composta
martedì 20 luglio 2010

poesia postata da: Anna De Santis, in Poesie (Poesie vernacolari)

Na mappatella

Na mattina me so svejata
co na smania e me so arzata
er sole appena tiepido alla finestra
quella vorta, la primavera
aveva accorto la mia preghiera
M'aveva fatto na sorpresa
mamma me ripetevo...
e intanto sur barcone
fioriva la prima rosa
che sarà sta cosa.
Quei nove mesi furono er sogno
m'accarezzavo in seno... ancora non sapevo
ma già lo chiamavo amore
e m'o strignevo
contando i giorni che sarebbe uscito.
Na mattina me so svejata
co la solita smania e me so arzata
me so ritrovata tutta bagnata
cor fijo che premeva....
È stata na bellissima sorpresa
na mappatella m' ha riempito casa.