Area Riservata

Poesie romane


poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

Aspettann' 'o sole (In attesa del sole)

Pe cagn l'umore
'e 'na jurnata scura
allor' chiur' l'uocchie
'e part' 'co pensier'
nun serven' doje scelle
nemmanc' l'apparecchio
'ce pens' 'a fantasia
'a 'te 'fa 'i luntan'
vulann' 'ncopp 'a l'onna
'ca sbatt' 'e 'nun 'te nfonn'
dint' 'a stu mare bell'
'ca 'te 'fa cunsul
'o post' 'e 'nu gabbian
'ca nun ten' paur'
arriv' 'a tucc 'o ciel'
'cu 'na mana sola
fin' quann' all'orizzont'
nun vir' 'e spunt 'o sole
'ca 'te cagna 'a linfa
'e stu mument' nir.


Per cambiare l'umore
di una giornata buia
allora chiudi gli occhi
e vola con il pensiero
non servono due ali
nemmeno l'aereoplano
basta la fantasia
per farti andare lontano
planando sull'onda
che s'infrange ma non ti bagna
in questo bellissimo mare
che ti rallegra
al posto di un gabbiano
che non ha paura
cerca di arrivare fino al cielo
con una mano sola
fino a quando, all'orizzonte
non vedrai spuntare il sole
che ti cambier l'umore
di questo momento nero.
Composta
mercoled 14 aprile 2010


poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

'O ciore (Il fiore)

'A luna
na' terrazz'
'a luce 'e nu' lampion'
te' teng' dint' 'e braccie
'e nun' me' par' 'o ver'.
Nn' orchestra sta' sunann'
'a vascia 'a Margellina
lasciann' dint' 'a l'aria
na' fresca melodia
ma si te tocc' 'a pell'
me' par' nu' pianist'
ca' premm' ncopp' 'e tast'
cu' delicatezz'
pe' nun' sciupa' stu' ciore
cc' addor' 'e primmaver'.


La luna
una terrazza
la luce di un lampione
sei nelle mie braccia
e non mi sembra vero.
Un orchestra sta suonando
verso Mergellina
lasciando nell'aria
una dolce melodia
ma se tocco la tua pelle
assomiglio ad un pianista
che preme sui tasti
con delicatezza
per non sgualcire questo fiore
che odora di primavera.

poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

N'attimo dd'ammore (Un attimo d'amore)

Suspire 'e vas'
carezz' appassiunat'
'a mente nun ragion'
'e nun v cchi pens
'o tiemp' s fermat'
tutt' nu' silenzio
me nfong' dint' 'a l'acque
'e chistu mare blu
'e bbraccie s macign'
ca' scavan' cu' forza
p scennere cchi n'funn'
fin' 'a ll'immensit
'a frennesia me piglia
respir' 'a mallappena
ma nun me perd' nient'
'e st' attimo dd'ammore.


Sospiri e baci
carezze appassionate
la mente non ragiona
e non vuole pi pensare
il tempo si fermato
intorno solo silenzio
mi bagno in queste acque
di questo mare blu
le braccia sono forti
e scavano con forza
per scendere pi in fondo
fino all'immensit
mi prende la smania
respiro a malapena
per non perdere niente
di questo attimo d'amore.

poesia postata da: diaolin, in Poesie (Poesie vernacolari)

La pl

L'era 'n d de primavera col sol bas
che l'asiven dai e dai da tut l'invern
con doi canti o 'n orazion tegnudi a mnt
par far festa col vest cromp al marc

a smorzrme qoel ensni na matina
me desmisia la Tonzera a martl
l'aria grva a resentr tuti i pensri
la 'ngremiva le m gnt e tut tasva

e la cica la batva 'l s tormnt
come 'l fsia l'angona de tut la val
sol na lm de dent 'n de i ci dei me amizi
co 'n pensr che giasegava a dar festdi

l'i sentuda prpi 'nds, qoel d, la nt
come 'l fus na petenada che te sgrfa
e negn che ghe da a mnt le t parole
strozegadi 'n dei s cruzi a si ledrr

dr la gsia s' 'mpont le meridiane
come 'l tmp fus sol qoel sginz che mai no vn
e i zirsi a domandarghe a 'l vnt rabis
de fermarse a scoltr ct senza 'n susr

qoela nt de dent de mi scondu dr l'us
s' smorz qoel tch de ciel mai pales
scamp via da sot le man, desmenteg
las dent 'n de na reson mai desgartida

ai vist gnt 'la comunion senza far festa
a sgociarghe aqoa santl dai ci mizi
e qol vnt zidios fermarse 'n tr le frone
tser dolc le s pasin fin che vn nt

m' rest na spedalda arnt na stla
e qoel aria su la pl che no sol ma.
Composta
domenica 2 maggio 2010
Riferimento:
Era un giorno di primavera con il sole basso/ lo stavamo preparando un p alla volta da tutto l'inverno / con due canti o una preghiera ricordata a memoria / per fare festa con il vestito acquistato al mercato

a spegnermi quel sonno una mattina / mi sveglia la Tonezzera (campana) a martello / l'aria greve a risciacquare tutti i pensieri / intirizziva la mia gente e tutto era silenzio

e la campana rintoccava il proprio tormento / come fosse l'agonia della valle intera / solo un lumicino dentro gli occhi dei miei amici / ed il pensiero che ribolliva fino a dare fastidio

me la sono sentita addosso, quel giorno, la notte / come fosse un pettine che graffia / con nessuno che dia ascolto alle tue parole / immerso nei propri crucci a rincalzarli

dietro la chiesa si sono fermate le meridiane / quasi che il tempo fosse solo il raggio di sole che non si presenta / ed i ciliegi che chiedevano al vento arrabbiato / di fermarsi ad ascoltare in silenzio senza disturbare

quella notte dentro di me nascosto dietro l'uscio / si spenta quella parte di cielo mai notata / scappato via da sotto le mani, dimenticato, / abbandonato in una ragione mai pi chiarita

ho visto gente in comunione senza fare festa / con l'acqua santa come lacrime dagli occhi / ed il vento accidioso fermarsi tra i vicoli / tacendo dolce le proprie passioni finch notte

mi rimasto il ricordo di una pedalata vicino ad una stella / e quell'aria sulla pelle che non solo mia.

poesia postata da: matisse, in Poesie (Poesie vernacolari)

Gli foco 'nz appiccia

Stasera sto ciocco
'nz appiccia
gl prosperi s scurti
manco n capoccia
ci arrimasta
d zolfanello
p f scocc
st scintilla.
Poro fregnone
che t credivi
che st foco
addurava p sempre
niente s fatto
perch isso 'nz smorzava
'nz scernuto c la fiamma
trabballava?
Accostete m a st termossifone
e vttnne a durm sulo
st fregnone.
Composta
luned 8 settembre 2008
Riferimento:
Dopo 20 anni di matrimonio.

Fai pubblicit su questo sito