Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie vernacolari


Scritta da: Marco Bartiromo
in Poesie (Poesie vernacolari)

Alleria (Allegria)

L'aria 'ddoce,
prufuma 'e primmavera
ca'pur'e ciure
se 'mbriacano 'e st' addore
e l'auciell'
parlan' d'ammore,
vulann' sguaiatament'
miez' 'e fronne
ca' tremmano...
pe' ll'alleria.


L'aria dolce,
profuma di primavera
tanto da ubriacare i fiori
di questo odore
e gli uccelli
parlano d'amore,
volando spensieratamente
tra le foglie
che tremano
per l'allegria.
Composta gioved 15 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    I vecchi hanno le orecchie lunghe

    I vecchi hann' l' recchi (e) long (h)

    Vivev' nt' 'n borg'
    d' pora gent'
    ch' s (e) cunt (e)ntava
    d' pogh' o d' gnent'.
    C'era anch' 'l ricc (h)',
    e sapev' 'nd stava,
    d' rad' s' v'deva
    ma n'impurtava.

    No' fioj s' giugava
    sa l' palin',
    sa i tappi d' latta
    e l' figurin':
    a leon' o lett'ra
    o a batt'mur';
    e s' stava d' fora
    fin ch' era scur'.

    Mi madr' m' chiamava,
    era 'na noia
    a fa chi compiti
    d' malavoja.
    M' dava pi gust'
    a tizz 'l fog (h)
    a sta su la rola
    p'r me era 'n giog (h)'.

    L'arlogg' era 'l sol'
    e all' nov' eri a lett'
    p' i grandi la radio
    e p'r no' 'n giurnalett'.
    Lora sgrullav'n
    da adoss' la fatiga;
    mi nonn' era a sed'
    e fumava 'na ciga.

    Ma me m' piaceva
    a sta sa mi nonn'
    ch' d' nott' s'alzava
    e n'aveva pi sonn'.
    L'ho vist' sempr' vecchi (e)
    senza p'ns
    ch' anch' lu' ha avut'
    'na giovin' et.

    M'arcord' ch' diceva
    ch' tutti i vecchi (e)
    han' curva la schina
    e long (h)' l' recchi (e),
    e m' spiegava
    'l p'rch e 'l p'r com':
    "questa fiol 'mia
    la cundanna d' l'om'.

    Fin' da ragazz'
    ho' sempr' lavurat'
    e nt' chi anni,
    sai quant' n'ho passat'!
    La fatiga 'na mucchia
    e m'ha ingubbit',
    slungat' l' recchi (e)
    e pogh' imbirbit'.

    Chi furb' n' lavora
    e n' miga 'n cas'
    ch' ma i birbanti
    s' slonga 'l nas'.
    Se t' cresc' l' recchi (e)
    e sei stat' un signor'
    in paradis'
    avrai 'l post' d'unor'".
    Composta gioved 15 marzo 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Vocali da Ride (Vocali da Ridere)

      La risata speciale
      perch allunga la vocale
      Scaccia via er malumore
      te fa' tanto bene ar cre

      Prova a ride con la ah (ahahah)
      tutto er mazzo se ne va'

      Con la oh (ohohoh) la fai de panza
      buzzicona*, ci sostanza

      Con la uh (uhuhuh) ce vai profnno
      Ma te scioje, sei giocnno

      Poi la eh (eheheh) te resta in gla
      affilta, nun consla

      E la ih (ihihih) che va' ner naso?
      E' vibrata, ci finzione
      e sarcastica raggione

      Ma 'sto riso nun pasta
      e da solo nun t'abbsta
      Perci... attacca a 'sta risata
      con ber gusto, 'na magnata

      eppoi 'n'opera de bbene.
      Mo' hai sarvato la giornata
      sotterato lotte e pene!

      Note: *grassa.

      La risata speciale
      perch allunga la vocale
      allontana il malumore
      porta beneficio al cuore.

      Se tu ridi con la ahahah
      tutta l'ansia se ne va

      Con la ohohoh la fai di pancia
      grassa, ma ti slancia

      Con la uhuhuh... soddisfazione,
      allenta e scioglie la tensione

      poi la eheheh rimane in gola
      sarcastica, pungente, non consola

      E la ihihih che va nel naso?
      La procuri non a caso...
      vibrata, ha tensione...
      e sarcastica ragione

      La risata speciale
      perch allunga la vocale
      allontana il malumore
      porta beneficio al cuore.
      Composta gioved 22 marzo 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiorella Cappelli
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        MaRatOna, MAratona

        Ariva, co' quell'aria marzolina
        sta voja d'av a cre 'na giornata
        A tutta bira, bella matinata
        pe' fatte vive la stracittadina

        'Sta mitica citt oggi reggina
        co' le gambe t'abbraccia, innamorata
        cor cre t'accompagna 'na risata
        fa' comunella, e te s'avvicina

        'Sta Maratona va' a tutta callara
        co' l'angeli de pietra a fa' da sfnno
        la banda che je sna 'na fanfara

        La solidariet fa' da padrona
        drento st'evento c'ha abbracciato er monno
        la voce de lo sport... gi s'intna.
        Composta sabato 17 marzo 2012
        Vota la poesia: Commenta
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          I Bu (I Buoi)

          And a di acs mi bu ch'i vaga va,
          che qul chi fat i fatt,
          che adss u s'ra prima se tratour.
          E' pianz e' cr ma ttt, nca mu m,
          avdai ch'i lavur dal miri d'ann
          e adss i d'and va a tsta basa
          dri ma la crda lnga de' mazll.



          Ditelo ai miei buoi che l' finita che il loro lavoronon ci serve pi che oggi si fa prima col trattore. E poi commoviamoci pure a pensare alla fatica che hanno fatto per mille anni mentre eccoli l che se ne vanno a testa bassa dietro la corda lunga del macello.
          Vota la poesia: Commenta