Poesie romane


Commenti:
2
Scritta da: Carlo Gragnaniello
in Poesie (Poesie vernacolari)

Napule nun chiagnere

Proprio t che patite
famme,
carestie,
pene cchi nere.
Napule t che senti mancanza
tot,
eduardo,
massimo nun chiagnere.

m si vero, si na napule che debole,
tu chiagne p'sta gente indifferente,
tu chiagne p'sta immondizia ch'rende
citt cchi schifosa r munn.

Napule ij t'cunosco, tu si forte
si sempre stato forte nun chiagnere.

Napule tu si comme pulecenella,
chiagne, ride, beve, mangia
si a napule ro sol, r vesuvio.

Napule ij t'voglio bene nun moll
po' ben re creature toj.

Napule nun chiagnere
po' bene e sta gente e sta citt

Napule nun chiagnere.
Vota la poesia: Commenta
    Commenti:
    2
    Scritta da: Elisabetta
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Questione di pelle

    -Che cane buffo! E dove l' hai trovato? -
    Er vecchio me rispose: - brutto assai,
    ma nun me lascia mai: s' affezzionato.
    L' unica compagnia che m' rimasta,
    fra tanti amichi, ' sto lupetto nero:
    nun de razza, vero,
    ma m' fedele e basta.
    Io nun faccio questioni de colore:
    l' azzioni bone e belle
    vengheno su dar core
    sotto qualunque pelle.
    Composta sabato 4 dicembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: diezeit
      in Poesie (Poesie vernacolari)
      Sento il dolore incorniciare le mie vene
      L'onore scagliarsi contro l'anima
      E sorrisi soffusi accarezzare il mare e affogare nelle mie pene.
      E la sofferenza sta dietro di me che trama
      Qualcosa di ignoto ma che fa del male.
      Senti che l'amore, la vita
      Sono per me solo insonnia letale
      E le parole contro di te non posso scagliare.

      Domani mi dovrai ascoltare,
      farmi spiegare la solitudine del mattino
      da quando non ci conosciamo pi,
      lo spasimo della notte,
      che mi viene a cercare, da quando stiamo insieme.

      E mi sento spaesata in un mare di labbra
      che parlano di noi
      mentre noi non ci sfioriamo pi.
      Perch un cazzo di dolore che mi lacera l'anima.
      Sento il passato nelle nostre arterie colorate di
      Blu come il fiume che guardavo passare.
      E il cielo plumbeo e le orecchie nelle cuffie vedo sprofondare
      Ora che non ci sei pi.

      Il pavimento freddo, il fondo della mia cedrata Tassoni
      lugubre come il mio cuore bruciato da te.
      Alla radio, di notte c' gente che si sente persa,
      io non mi sento pi. Fammi correre e respirare per
      non sentire altro male.
      Atei che pregano Dio in una notte di languore e in cui
      Le chimere, i sogni e gli occhi fottutamente chiusi
      Non esistono, non li sento pi.

      Non mi sento pi.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        'O Vient' (Il vento)

        E' trasparente
        nun 'o pu tucc
        nu' fantasma scustumato
        ca nun tene...
        n rispetto...
        n bbona crianza...
        Trase e nun domanda
        e nun 'o pu cacci
        Passa e nun saluta...
        ... 'o f pe pazzia'...
        si tien' 'o cappiello
        te l'adda f zump.
        Se sente raffinato,
        gentile, garbato
        ma nu' screanzato
        meglio evit.
        Ma quann' t'accarezza
        'o fa' cu' riverenza
        te sfiora...
        chianu chianu
        'e te fa' rilassa'.

        E' trasparente
        non puoi toccarlo
        un fantasma maleducato
        che non ha...
        n rispetto...
        n educazione...
        Entra e non domanda
        e non puoi mandarlo via
        Passa e non saluta...
        lo f per giocare...
        se porti il cappello
        te lo far volare.
        Si sente raffinato
        gentile, garbato
        ma un villano...
        meglio evitarlo.
        Ma quando ti accarezza
        lo f con riverenza
        ti sfiora delicatamente
        e ti f rilassare.
        Composta marted 30 novembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          in Poesie (Poesie vernacolari)
          Quann'era piccerillo e nun capa
          chell'era l'arte mia... rose chiantare.
          Ne chiantai uno un'pere na via,
          sera e matina l'arra a racquare.
          Ncapo d'un anno la vidi fiorire,
          ncapo di due la vidi seccare.
          Ah che pena! Che pena soffrette sto core mio...
          quanno vide la rosa spennolare.
          Vota la poesia: Commenta