Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: ange
in Poesie (Poesie vernacolari)

Nuvola

Chiudo gli occhi
volgo il viso al sole
e non penso più

Non ho peso
Non ho voce
Non sento più niente.

Respiro profondamente
e mi lascio andare
trasportata dal vento

Lontano...
Lontano...

Come una nuvola
che cambia continuamente
fresca di pioggia
libera come l'aria.

Immemore
Insensibile
Invisibile

Ai tuoi occhi
e al mondo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gaetano Toffali
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    El dialeto/ il dialetto

    Ghe el dialeto
    A pensarghe
    Che el me ciapa
    Ogni tanto
    Con la longa dolsesa
    Del so ritmo paterno

    L'è na parte de mi
    Che la sa de butin
    Una bici scasada
    E 'na mora en la bocca

    Po me incàso pensando
    Che na cosa belesa
    La diventa el moti'o
    De farse da mona
    Perché el me dialeto
    L'ho sposà a l'italian
    Mes'ia con l'inglese
    Per tornarghe da sior.


    Che l'è amarlo ben
    Come parte de mì
    Ma sensa sugarghe
    E dirte su a ti

    Che te si un butin
    Con acento diverso
    Che 'l vol ciapà aria
    Per darghe i so' soni
    Queli de tuti
    I butini veri
    Che de lingua e de rasa
    Non mena pensieri

    E per dirla da serio
    Uso l'italian
    Lega son stronzate
    Ciamarme padan.
    Composta martedì 30 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Angelo Vozzella
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Burn (poesia in lingua napoletana)

      Chiammalo desiderio, chiammalo passione...
      ... chissà addò pruven tutt chistu calore,
      na miccia ind'a n'istant è già nu fucarone.
      Sarann chesti man, sarrann l'uocchi'e fuoco,
      pigliamml pazziann, fors sarrà nu gioco...
      ma chiù ce penz e penz a sta vucchella docie
      ca chiù me sento fort ca arind già me cocie.
      Nu fuoco 'e paglia? Fumm'e nient'arrust?
      Io chiù te sto vicin e chiù ce prov gust!
      Nun penz già a dimane, nun penz che sarrà,
      me stong zitt e aspett... fors tu pass'a cà!
      Dint'a st'infern 'a luce... dint'a sti fiamm 'o ben
      speranno sultant ca cu me tu si sincer.
      T'a legg o nun t'a legg sta strof chien'e ammor?
      T'a legg pur si fors tu pienz "nun è l'or"...
      Ma comm'è ardente 'o fuoco, ardente chiù d'aier...
      ... nun me dicite niente si nun chiamm'e pumpier!


      Un fuoco di paglia? Fumo e niente arrosto?
      Io più ti sto vicino e più ci provo gusto!
      Non penso già a domani, non penso a che sarà, resto zitto e aspetto, forse tu passi da qua.
      In quest'inferno la luce, in queste fiamme il bene,
      sperando soltanto che con me sei sincera.
      Te la leggo o no questa strofa piena d'amore? Te la leggo anche se pensi che forse non è l'ora.
      Ma come è ardente il fuoco, ardente più di ieri, non mi dite niente se non chiamo i pompieri.
      Composta giovedì 10 marzo 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fosca
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Solitaria Ingenuità

        Hai mentito con le tue leggere parole
        le hai lasciate sole, con
        gesti inespressi, nati
        da precarie emozioni
        ahimè ancora sconosciute.

        Hai espresso egoismo e vanità
        specchiandoti in un chiaro vetro
        fragile e fulgido,
        apprezzando solo quello che vedevi
        mai andando oltre il tuo vile riflesso.

        Che lussuriosa ingenuità la tua
        così forte da non crollare, ma
        così sola da essere dimenticata.

        Come un fedele capitano non lasci
        la tua barca, la segui da solo
        verso gli abissi solo.

        Ma la nave era una scialuppa
        il capitano un mozzo
        e senza luce sfolgorante
        il riflesso scomparve
        lasciando dietro lo specchio

        un frutto immaturo
        di un amore mai nato
        nonché desiderato.
        Composta mercoledì 27 luglio 2011
        Vota la poesia: Commenta