Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO
in Poesie (Poesie vernacolari)

Il mio paese

'l paes' mia

Machi so nat'
e quest' è 'l post più bell';
machì so armast
e m' sa che n' vagh invell'.
Machì ho cuntat'
ogni sass' e ogni madon'
e ho scupert'
ogni via e ogni canton'.
Machì vo' in gir'
e incontr' ma la gent':
o è parent' o è 'n amic'
o 'n cunuscent'.
E s' v' l' ho da dì
'ndo' s' campa mej,
machì ho vissut'
i giorni mia più bej.


Il mio paese

Qui sono nato
e questo è il posto più bello;
qui sono rimasto
e mi sa che non vado in nessun posto.
Qui ho contato
ogni sasso e ogni mattone
e ho scoperto ogni via e ogni cantone.
Qui vado in giro
e incontro la gente:
o è parente o un amico
o un conoscente.
E se ve lo devo dire
dove si vive meglio,
qui ho vissuto
I giorni miei più belli.
Composta mercoledì 15 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Melina Altieri
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    A' furtuna

    Chi è nate ca "furtune
    " nun reste "int'e mure,
    chi è nate ca" scalogne
    lè vene semp "à rogne!...
    A" ggente sfurtunate
    se' lament "à quann'è" nnate...
    Cerc "à pace c" à "nun ncè stà
    nemmene sì tà vuò accattà...
    A" sfurtune è classe "unica"
    ride "nfacci'à te che sei mitica...
    se' divert'à volontà
    te' riesce sempe acchiappà
    s' juoche' o" bancolotte
    faie fetecchie è ghiesc "à 'bbotte!...
    A" tavole "nun se' po" magnà,
    e "solde 'nu bastene pè campà!...
    'O signore furtunate
    è sultante 'nu blasonato!...
    campe" bbuon'à verità,
    ma, pur "isse à mort" addà "aspettà!...
    Composta giovedì 19 maggio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      L'appuntament' (l'appuntamento)

      L' appuntament'

      'n appuntament' vol' di' puntualità
      e po' ess' 'n impegn' o 'na casualità,

      ma quant' volt' s' perd' st'appuntament'
      e c' s'arpara dietra 'n contrattemp'?

      "N'ho armess la svegghia e n' m' so'sv'gghiat!"
      o la colpa è d'n fatt' inasp'ttat.,

      Ma purtropp' c'è chi n' l' scorda miga
      e n' s' sparagna manc' la fatiga.

      P'r lia 'l temp' pol' ess' long' o cort',
      in do' parol', io parl' d' la mort'.

      T'avess' scritt' 'l nom' sul libr' ner',
      'n c'è chi è più pr'cis' o più sincer'.

      E n' vòl' cert' l' raccumandazion',
      s'è nuta l'ora, manc' 'na dilazion'.

      C' sarinn' do' modi a falla scumbinà,
      e s' c (e)' provi, poj anch' scantunà.

      'n mod' saria d' fatt' truvà già mort',
      ma è com' s (e) s'anticipass la sort.

      C'è 'n antr' mod', ma costa 'na furtuna:
      prend' al vol' 'n razz' p' la luna.

      Lassù 'n mes' dura 'na nott' e 'n giorn';
      Sa do' stiman', è 'n ann' ch' giri intorn'.

      Cusì la mort' p'r pià l'appuntament'
      n' c (i)'arcapezza e 'i pol passa d' ment'.

      TRADUZIONE:

      L'APPUNTAMENTO

      Un appuntamento vuol dire puntualità
      e può essere un impegno o una casualità,
      ma quante volte si perde questo appuntamento
      e ci si ripara dietro un contrattempo?
      "Non ho rimesso la sveglia e non mi sono svegliato!"
      O la colpa è di un fatto inaspettato.
      Ma purtroppo c'è chi non lo scorda mica
      e non si risparmia neanche la fatica.
      Per lei il tempo può essere lungo o corto,
      in due parole, io parlo della morte.
      T'avesse scritto il nome sul libro nero,
      non c'è chi è più preciso o più sincero.
      E non vuole certo le raccomandazioni,
      se è venuta l'ora, neanche una dilazione.
      Ci sarebbero due modi per farla scombinare,
      un modo sarebbe di farti trovare già morto,
      ma è come se si anticipasse la sorte.
      C'è un altro modo, ma costa una fortuna:
      prendere al volo un razzo per la luna.
      Lassù un mese dura una notte e un giorno;
      con due settimane, è un anno che giri intorno.
      Così la morte per prendere l'appuntamento
      non si raccapezza e le può passar di mente.
      Composta mercoledì 11 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Esposito
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Sisinella

        Per mè si stata o'primo ammore
        e ti ricordo con ardore
        eri fin troppo bella, stivi e casa à Ruanella
        le tue amiche ti chiammavano "Sisinella"

        Frequentavamo a stessa scola à media "Fiorelli!
        a riviera è Chiaia, vicino a villa comunale
        luogo di" filoni ", baci innocenti e giochi stagionali

        Pigliavamo ò tram assieme a fermata Maschio Angioino
        tu ché libbri cù n'elastico, io cù nu filo e spavo,
        ma baldanzosi, spensierati, un po' garibaldini

        Nù juorno mentre aspettavo ò tram, si arrivata è corsa
        eri in ritardo, ma ti sò carute e libbri, io li ho raccolti
        tu cu nù filo e voce me ditto" grazie"e me dato nu vase!

        Da chillu mumento ò capito che nun t'ero indifferente
        era sbocciato l'ammore ma spuntaneamente
        se accussi se puteva chiammà, eravamo tredicenni!

        Poi o! destino c'hà separati, dopa a scola è cagnata casa
        nun stivi chiù 'ncoppa a Ruanella, e pur'io mi ero spustato
        io steve e casa à santa lucia, tu invece a Casavatore

        Ma quegli anni che mè regalato m'hanno trasfurmato
        aviva nà maturità e nà cunsapevolezza che ricordo
        cù chiarezza l'adolescenza mia fino a fà ho surdato

        Mi ricordo ancora, che durante à naja mi mannavi lettere
        d'ammore cu frasi appassiunate, che cunservo ancora
        e nun ghiettè maje, 'nsieme à cierte foto scolorite assai

        Venni à sapè che t'eri spusata, e c'hai n'a bella nidiata
        di bambini che hanno sicuramente arignuto la voglia
        tua è mamma e sicuramente anche la tua 'jurnata

        Oggi stranamente mè si venuta in mente, ho preso
        le tue foto le ho strette sul mio cuore
        e ti ho dichiarato ancora riconoscente amore!
        Composta venerdì 15 aprile 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gerlando Cacciatore
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Lu Mafiusu

          Si cunta in giru,
          ca la me malatia,
          è na malatia d'eredità.
          Ca è chiddu, di ammazzari
          la genti, senza chiediri l'identità.
          Ma chi ci pozzu fari,
          si di li nervi mi sentu pigliari,
          e sulu vidennu sangu,
          mi sentu calmari.
          Ma poi c'è chiddu,
          ca si senti furbu,
          e va dicennu in giru,
          cosi ca unnavissi a diri.
          E iu allura cavissi affari!
          Di tutti mi sentu taliari!
          e di li nervi mi sentu pigliari!
          Sapiti chi vi dicu!
          Iu lu vaiu a mazzari.
          Si è veru,
          ca i portu cu mia,
          na cosa ca unnavissi a purtari.
          Pirchi è proibita di la polizia.
          Ma iu sugnu sicuru,
          ca vanzi nun parlati.
          Pirchi allura finisci,
          lu vantu ca vi purtati.
          E sta Sicilia bedda,
          pi sempri ruvinati.
          Composta mercoledì 11 aprile 1979
          Vota la poesia: Commenta