Area Riservata

Poesie romane




poesia postata da: GIUSEPPE CASSANO, in Poesie (Poesie vernacolari)
S gelous'
S gelous' d' kudd kristien
ca te mmannet i ffiur
S gelous' aqquann v alla fatij'
ca tutt quannt t' fasc'n i comblmint
S gelous' aqquann assim sop o' cors
ca stonn kidd ca t'acchiamen'n mandolin
e ci tutt m avonn pass
sti professur ca capiscn d' mus'c
S gelous', s
S gelous' d'la zampen ca t' pong
S gelous' d'u Sol ca t' vas alla matin
S gelous' d'i l'nzul ca t'avvrazzn alla nott
aqquann st bell accom st, tutt alla nud'
S gelous', emm c' u
S gelous'!


poesia postata da: Donatella, in Poesie (Poesie vernacolari)

La cura dimagrande

Je disse lu dottore:
"Ciai li grassi a lo sangue in abbonnanza"
Ma no dottore mia io li vedo sulu su la panza,
"La dei da smette co tutti 'sti pranzitti
le pastasciutte e li durgitti,
dei piandalla de strafogatte ammezzu la robba da magn
sinn ce crepi e nu lu poi arcond,
via li zuccheri, la pasta, la carne e le patate,
via le sargicce, lu priciuttu, lo salame e le crostate,
via li facioli, le bistecche e pastarelle,
via la frutta, la robba gassata e mortadelle".
A dott... se hai firnitu e te si azzittatu
sai che te dico?
Ma va a mur ammazzatu!...
Composta
mercoled 28 luglio 2010

poesia postata da: Anna De Santis, in Poesie (Poesie vernacolari)

Begli tiemp...

Cumm bongiorno, comm' pe chesta via
ma sai ca fijema se sposa amica mia
e no alla chiesa e st scuntenta assaie
pecch tu sai ca pe stu paese
le malelingue so chelle ca so
ce fann e spese
e nun s'azzitta mai sta malicenza
ma fijema se sposa senza panza.
Ma comm ne cumm senza pru
comme te fidi de la fa spus.
Chisti uommn e m so comm e femminelle
s'acconcian s'approfuman se fann l'orecchin
cumm mo s'usa s'add pru sta cosa
o te ritruov senza nipotino.
Tu si rimasta ai tiemp e Pappagone
quann ce se faceva chi attenzione
mo ce st la copertura e o pillulino
prima ce raccumannavamo a Ges Bambino
ca ognie vota se rimaneva prena
te ricuord cumm che tiemp begli
quann la notte se remaneva svegli.
Mo sti uagliun me paron addurmiti
tutti sti giuvan rincojoniti
mo ce v la pillola, prima bastava nu bicchier e vin
Tenemmacigl stritti sti quatt viecchi ca c'hann addicriat
evv cumm te ricuord... e gli at morammazzat.