Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Raffaele Pisani
in Poesie (Poesie vernacolari)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Raffaele Pisani
    in Poesie (Poesie vernacolari)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      L'amor è 'n sest' sens' / L'amore è un sesto senso

      L'amor' bocca dapp'rtutt',
      drenta 'l cor' e nt' la testa:
      e ugual' a 'n tarl', a 'n rus'ghin'
      pia l'stommigh' e i budei.

      Più d' 'n ladr' è sil'nzios',
      ma è 'n guai si fa rumor';
      e' 'n traditor' ch' fa la spia,
      e n' vol' ess' prigiunier'.

      Ogni suspir' o batt'cor
      rintrona pegg' d'n tambur'.
      E' astratt', lu' n' s' tocca,
      ma s (e) t' tocca, t' scumbina.

      Com' l'acqua è inudor',
      o prufumat' più d' 'n fior.
      Pol' ess' dolc (e) o anch' amar,
      indigest' o d'licat'.

      St'amor è anch' evan'scent',
      n' pia post, ma è invadent';
      è l'gger' più d' l'aria,
      ma più d' l'aria è cunsistent'.

      Po' ess' sol' 'n fil' d' fiat'
      o sidonca 'n carrarrmat';
      n' c'è rimedi p' curall',
      nè giova ess' vaccinat'.

      Saria propi 'n sest' sens'
      ch' i altri cinqu' c (e) cunfond'
      t'imbacucca e a vulell',
      se te c (e) caschi, po' ess' bell'.


      L'amore entra dappertutto
      dentro il cuore e nella testa:
      è uguale a un tarlo, a un rodimento,
      prende lo stomaco e l'intestino.
      Più di un ladro è silenzioso,
      ma è un guaio se fa rumore;
      è un traditore, che fa la spia
      e non vuol essere prigioniero.
      Ogni sospiro o batticuore
      rintrona peggio d'un tamburo;
      è astratto, lui non si tocca,
      ma se ti tocca, ti scombina.
      Come l'acqua è inodore
      o profumato più d'un fiore;
      può essere dolce o anche amaro,
      indigesto o delicato.
      Questo amore è anche evanescente,
      non prende posto, ma è invadente;
      è leggero più dell'aria,
      ma più dell'aria è consistente.
      Può essere solo un filo di fiato,
      o altrimenti un carro armato;
      non c'è rimedio per curarlo,
      né giova essere vaccinato.
      Sarebbe proprio un sesto senso
      che gli altri cinque ci confonde;
      ti imbacucca e a volerlo,
      se tu ci caschi, può essere bello.
      Composta giovedì 24 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Michele Scoppetta
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        È pparole

        Certe parole
        nu fanno nu discorso,
        stanno là, sulitarie
        senza manco n'aggettivo
        o na virgula ca e fa cumpagnia,
        so parole forte, ca si e dice una vota
        se fanno arricurdà
        si o core e chi te sente
        te sape sta a sentì.
        Certe parole
        addorano e cafè,
        quanno mammà te chiamma a matina
        e te dice ca o sole sta saglienno
        e tu fai avvedè ca è ancora notte.
        E pparole da notte
        so ammiscate, so confuse,
        so e pparole e miezzo a via,
        da tempesta ca è fernuta
        e da luna ca te guarda.
        Ma e pparole cchiù vollente,
        chelle ca nun cia fai a re tenè nde mane,
        so e parole ca tu pienze,
        e parole ca te dicesse.
        So e pparole e quanno te veco
        e nun te ngarro a dì quanto si bella,
        nun te saccio accarezzà cu sti parole,
        pecché je e saccio, e teng a rind.
        E penzo tutte e juorne
        quanno mi viene a mente tu;
        je me scrive, me preparo,
        po te veco e
        c'aggia fa,
        nun o saccio che mi piglia
        e nun ngarro cchiu a parlà.
        Composta giovedì 8 settembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ange
          in Poesie (Poesie vernacolari)
          Vota la poesia: Commenta