Area Riservata

Poesie romane


poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

'O ffuoc' dint' 'e ven' (Il fuoco nelle vene)

Pe' pute' apprezza'
'e mument' cchiù bbell'
ca' chesta vita te da'
'o core s' adda sciogliere,
comm' 'a na' cannela
ca' se' squaglie
'a poco.....'a poco
co' calore 'e chistu ffuoc'
ca' bbrucia dint' 'e vene.

Per poter apprezzare
i momenti più belli
che la vita ti regala
il cuore si deve sciogliere
come una candela
che si consuma
piano, piano
con il calore di questo fuoco
che brucia nelle vene.
Composta
sabato 29 maggio 2010


poesia postata da: Danilo Sarra, in Poesie (Poesie vernacolari)

La vechia che va a l'uspizio

- o nona!... Nona!... Nona bela mia!
- Sta bono, Rafaelì, nun piange tanto...
... Vago a l'Uspizio, miga al Campusanto...
Me vinirai a trovà 'nsieme cun zia...

- Mama!... c'è la carozza!... Tirè via!
- Scì. Ve saluto, gente... e scusè tanto...
... Gesù!... Cume farò a fermà stu pianto?
- Nona! Nona! - Curagio, Rosalia!

- Curagio?... Eh, quelo scì, ce n'ho un bel po'...
... Dopo una vita amare cume el fiele,
andà a fernì scurdata in t'un cantò,

è bruta!... è bruta!... è mej le Tavarnele!
... Quel'anima de Dio!... Cume farò
a nun cantai la nana?... Adio, surele...
Riferimento:
Duilio Scandali, impiegato postale per professione, poeta per dedizione, nato ad Udine nel 1876 e vissuto ad Ancona fino alla sua morte, sopravvenuta nel 1945.
Con la sua poesia tenta di ritrarre, in maniera assolutamente imparziale e fedele alla realtà, il "basso ceto" anconetano utilizzando, nella maggioranza dei casi, il vernacolo: linguaggio grammaticalmente indefinito che può meglio raffigurare la vita e la concezione esistenziale degli anconetani di inizio secolo.
Propongo questa poesia tratta dalla raccolta "Scenette e scenate" che contiene un altissimo valore emotivo capace di produrre, ve lo assicuro, incontenibili fiumi di lacrime...

poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

Aspettann' 'o sole (In attesa del sole)

Pe cagnà l'umore
'e 'na jurnata scura
allor' chiur' l'uocchie
'e part' 'co pensier'
nun serven' doje scelle
nemmanc' l'apparecchio
'ce pens' 'a fantasia
'a 'te 'fa 'i luntan'
vulann' 'ncopp 'a l'onna
'ca sbatt' 'e 'nun 'te nfonn'
dint' 'a stu mare bell'
'ca 'te 'fa cunsulà
'o post' 'e 'nu gabbian
'ca nun ten' paur'
arriv' 'a tuccà 'o ciel'
'cu 'na mana sola
fin' quann' all'orizzont'
nun vir' 'e spuntà 'o sole
'ca 'te cagna 'a linfa
'e stu mument' nir.


Per cambiare l'umore
di una giornata buia
allora chiudi gli occhi
e vola con il pensiero
non servono due ali
nemmeno l'aereoplano
basta la fantasia
per farti andare lontano
planando sull'onda
che s'infrange ma non ti bagna
in questo bellissimo mare
che ti rallegra
al posto di un gabbiano
che non ha paura
cerca di arrivare fino al cielo
con una mano sola
fino a quando, all'orizzonte
non vedrai spuntare il sole
che ti cambierà l'umore
di questo momento nero.
Composta
mercoledì 14 aprile 2010

poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

'O ciore (Il fiore)

'A luna
na' terrazz'
'a luce 'e nu' lampion'
te' teng' dint' 'e braccie
'e nun' me' par' 'o ver'.
Nn' orchestra sta' sunann'
'a vascia 'a Margellina
lasciann' dint' 'a l'aria
na' fresca melodia
ma si te tocc' 'a pell'
me' par' nu' pianist'
ca' premm' ncopp' 'e tast'
cu' delicatezz'
pe' nun' sciupa' stu' ciore
cc' addor' 'e primmaver'.


La luna
una terrazza
la luce di un lampione
sei nelle mie braccia
e non mi sembra vero.
Un orchestra sta suonando
verso Mergellina
lasciando nell'aria
una dolce melodia
ma se tocco la tua pelle
assomiglio ad un pianista
che preme sui tasti
con delicatezza
per non sgualcire questo fiore
che odora di primavera.

poesia postata da: Marco Bartiromo, in Poesie (Poesie vernacolari)

N'attimo dd'ammore (Un attimo d'amore)

Suspire 'e vas'
carezz' appassiunat'
'a mente nun ragion'
'e nun vò cchiù pensà
'o tiemp' sè fermat'
è tutt' nu' silenzio
me nfong' dint' 'a l'acque
'e chistu mare blu
'e bbraccie sò macign'
ca' scavan' cu' forza
pè scennere cchiù n'funn'
fin' 'a ll'immensità
'a frennesia me piglia
respir' 'a mallappena
ma nun me perd' nient'
'e st' attimo dd'ammore.


Sospiri e baci
carezze appassionate
la mente non ragiona
e non vuole più pensare
il tempo si è fermato
intorno solo silenzio
mi bagno in queste acque
di questo mare blu
le braccia sono forti
e scavano con forza
per scendere più in fondo
fino all'immensità
mi prende la smania
respiro a malapena
per non perdere niente
di questo attimo d'amore.