Poesie romane


Commenti:
1
Scritta da: Angelo Giordano
in Poesie (Poesie vernacolari)

Castellammare

Notte smaniosa e bella
accucculiata a mille stelle!
cù na Luna, briosa e macchiavella.
Puorte curaggie, a chi fà brutte jurnate,
ammore e gioia, e coppie de nnammurate,
nu vientariello frisco e doce, pur'isso t'è alliato

Notte schiarata, dà luce de lampare,
pure lu Vesuvio, d'into c'è cumpare
se mòvono lente l'onne, da brezza e chistu mare.

Nun c'è sò cose brutte,
attuorno a sta calma notte,
pure lu piscitiello, saglie e sfotte.
Se vede miezo ò core do Faito, lu Castiello!
rannicchiato a guardia da città e San Catiello.
Stu quadro è ormai cumpleto... è nù paese bello!
E pè ricordo, pure a Madunnella,
c'è lasciaje, na funtanella.
Composta mercoledì 8 settembre 1999
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    S'addona

    S'addona ca stu tiemp s'è cagnat
    l'aria è fresca
    la jurnata s'è accurtata
    e notte scenne ca manc te rivuot
    e lu camin fuma sopra a chigl titt
    e la terra s'arrenchie e foglie
    e tutte l'arberi spoglie.
    Lu sol la matina s'abbruuogna
    e reman sotto a chella nuvola n'cel
    ca nasconn tutt e remann sol poca luce
    giust pen'ce sveglià
    pe n'ata croce.
    Te viest n'fretta e nun truov pace
    ca la terra t'aspetta
    e nun conosc viern
    s'adda vangà, s'adda seminà
    e lu gel ca te pogn sta faccia
    te lassa senza fiat
    e a sera tuorn a casa ca te si arrancat
    l'unica soddisfazion so chelle faccie
    ca t'aspettan annanz o tavolin
    e te scuord tutt a fatica
    annanz a sta criatura
    e t'adduor cuntient fin a gliu matin.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO P.
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Ros(e)

      Ros (e)

      Sol' la purezza d' 'na rosa bianca
      t'argala 'l s (e)ntiment' c (e) manca.

      L' stess' effett' t' da 'na rosa rosa,
      ch'è d (e)licata e bella com' 'na sposa.

      Ma s (e) l'amor' ma te t' dà la scossa,
      allora c (e) vuria 'na rosa rossa,

      basta ch' n' sei g (e)los' com' cla farfalla
      ch' s'è pusata su 'na rosa gialla.

      Quant'arpensi ma l'amor ch'nun c (i)'hai più,
      vall' in cerca sa 'n bucciol'd' rosa blu,

      rosa nobil', v (e)lata d' tristezza
      ch' 'nt (e)n (e)risc (e) 'l cor sa la b (e)lezza.

      S (e) po' 'l'amor' t'ha lasciat' 'n dispiacer,
      'l culor ch' fa p'r te saria 'l ner'.

      Ma tra i culori, n' trovi propi quell',
      'na rosa nera, anco'n'è nata invell'.


      Solo la purezza di una rosa bianca
      ti regala il sentimento che ci manca.
      Lo stesso effetto ti dà una rosa rosa
      che è delicata e bella come una sposa.
      Ma se l'amore ti dà la scossa
      allora ci vorrebbe una rosa rossa,
      basta che non sei geloso come quella farfalla
      che si è posata su una rosa gialla.
      Quando ripensi all'amore che non hai più
      vallo in cerca con un bocciolo di rosa blu,
      rosa nobile, velata di tristezza,
      che intenerisce il cuore con la bellezza.
      Se poi l'amore ti ha lasciato un dispiacere,
      il colore che fa per te sarebbe il nero.
      Ma tra i colori non trovi proprio quello,
      una rosa nera ancora non si trova in nessun posto.
      Composta lunedì 1 novembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: romaevictor
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Ci vulissi puisia - ci vorrebbe poesia

        Ci vulissi puisia

        Ci vulissi puisia ppi cuntari lu me amuri
        Versi, paroli e rimi ppi fáriti sentiri lu me cori

        Cé pocu i chi pinzari li frasi mi nesciunu a bedducori
        Spinciunu li me mani a scriviri e a sugnari

        Patíu li peni di lu nfernu ppi jessiri duci
        Ma tu non ti nnincarichi mancu un piddicchiu
        Di stu amuri senza vuci

        Lássimi scriviri cu la pinna li to billizzi e li to tisori,
        lássimi jittari sangu senza aviri a malappena di un vasu lu piaciri

        ci vulissi puisia ppi cuntari tuttu lu me arduri
        suspiri, ansimi e pugna nte muri

        ci vulissi puisia ppi fáriti accorgiri cca si l'unica da vita mia
        l'unicu amuri cantatu a puisia

        ora puru di notti sutta na luna sintennu lu cantu di l'ariddi
        ti cantu puisia e aspettu cca sutta stu cielu chinu di stiddi.


        Ci vorrebbe poesia

        Ci vorrebbe poesia per raccontare il mio amore
        Versi parole e rime per farti sentire il mio cuore

        Cé poco a che pensare le frasi mi escono dal belcuore
        Spingono le mie mani a scrivere e a sognare

        Patisco le pene dell'inferno per essere dolce
        Ma tu non ti interessi nemmeno un pó di questo amore senza voce

        Lasciami scrivere con la penna le tue bellezze e i tuoi tesori
        Lasciami buttare sangue senza avere a malappena di un bacio il piacere

        Ci vorrebbe poesia per raccontare tutto il mio ardore
        Sospiri, ansimi e pugni nei muri

        Ci volesse poesia per farti accorgere che sei l'unica della vita mia
        L'unico amore cantato a poesia

        Ora pure di notte sotto una luna sentendo il canto dei grilli
        Ti canto poesia e aspetto qua sotto questo cielo di stelle.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: romaevictor
          in Poesie (Poesie vernacolari)
          Haju bbisognu ddi 'tia.

          Haju bbisognu ddi 'tia ogni mumentu,
          ogni áttimu di la vita mia

          haju bbisognu di li tó labbra quannu haju siti di bbaci e fami di desidderiu

          haju bbisognu 'ca mi vaddi 'ccu 'sti ucchiuni dúci 'cca mi cunfúnnunu la menti

          haju bbisognu ddi la tó vúci graziúsa comu sfarfallíu di falena* 'ntá 'na notti d'istati

          haju bbisognu ddi ttía... fimmina vulittúsa... china di petri priziusi e cummigghiata d'oru

          haju bbisognu ddi ttia amuri miu, ora cá mi lassásti sulu 'nnmenzu a 'stu mari...

          dispirátu e cunnannátu ad aviri sémpri bisognu ddi ttia.


          Ho bisogno di te

          Ho bisogno di te... ogni momento... ogni attimo della mia vita

          ho bisogno delle tue labbra quando ho sete di baci e fame di desiderio

          ho bisogno che mi guardi con quegl'occhioni dolci che mi confondono la mente

          ho bisogno della tua voce... graziosa come sfarfallío di falena * in una notte d'estate

          ho bisogno di te... donna voluttuosa... piena di pietre preziose e coperta d'oro

          ho bisogno di te amore mio, adesso che mi lasci in questo mare,
          disperato e condannato ad avere sempre bisogno di te.
          Vota la poesia: Commenta