Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI
in Poesie (Poesie vernacolari)

Una cosa sola

Vieni qui,
allunga la tua mano,
appoggiala sulla mia
e parlami.
Voglio sentire il tuo cuore
entrare nella mia anima
per far parte di te,
come tu
sei parte della mia vita,
del mio mondo,
dei miei respiri,
di ogni battito
del mio cuore.
Parlami,
dimmi tutto quello
che non hai detto mai
a nessuno.
Trova in te
i segreti più nascosti
poi dividili con me.
Questo ci darà forza.
Io non sono un altro essere
separato da te.
Sono l' altra metà
del tuo cuore.
Noi due
insieme
siamo una cosa sola.
Composta venerdì 9 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Raffaele Pisani
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Saccio nu posto

    Saccio nu posto addò 'e penziere mieie
    spazie celeste trovano,
    addò tutte 'e ncanteseme d "e ffate
    vènciono 'o scuro.
    Saccio nu posto ca me dà 'o prufumo
    d" o mare,
    ca da 'e prate
    me porta 'addore 'e l'èvera nuvella,
    addò io campo
    nu palmo 'a terra
    e 'o spuorco nun me tocca
    e nè l'amaro
    me scippa ll'uocchie.
    Saccio nu posto ch'è
    cònnola 'e suonne.
    Saccio nu posto
    ca me dà pace
    comme dà pace sulo na chiesiella
    sperza 'e campagna,
    nu posto addò stu core 'e ogni pecché
    trova 'a risposta
    e trova,
    primma 'e tutte ll'ati ccose,
    ragione e genio 'e vita.
    Vicino a te.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Raffaele Pisani
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Francè (Francesca) - Dialetto napoletano

      Chesti poesie d'ammore
      nun so' parole, so' penziere 'e sole
      ca 'a dint'a ll'uocchie doce ca tu tiene
      pigliano luce
      e dint' 'e tratte appassiunate tuoie
      trovano tutt' 'o bene
      ca genio 'e vita dà a 'sta vita stanca.
      Chesti poesie d'ammore
      so' gocce 'e luna int'a na notte cupa,
      songo acqua chiara dint'a nu deserto,
      songo 'e surrise 'e n'angelo
      ca stelletelle culurate mette
      dint'a nu cielo 'e chiummo.
      Chesti poesie d'ammore
      ca tu, France', 'a tant'anne me faie scrivere,
      fanno 'e stu core ca nun era niente
      'a cònnola 'e nu suonno,
      fanno d' 'o gelo ca me turmentava
      na primmavera nova,
      e chesta primmavera
      fa 'e na speranza antica na certezza.


      Queste poesie d'amore
      non sono parole, sono pensieri di sole
      che dagli occhi dolci che tu hai
      si illuminano di luce
      e nei tuoi lineamenti appassionati
      trovano tutto il bene
      che desiderio di vita dona a questa vita mia stanca.
      Queste poesie d'amore
      sono gocce di luna nell'oscurità della notte,
      sono acqua chiara in un deserto,
      sono i sorrisi di un angelo
      che cuce stelline colorate
      in un cielo di piombo.
      Queste poesie d'amore
      che tu, Francesca, da tanti anni mi fai scrivere,
      trasformano questo mio cuore che non era niente
      in una culla di sogno,
      trasformano il gelo che mi tormentava
      in una nuova primavera,
      e questa primavera
      trasforma un'antica speranza in certezza.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        L'amor è 'n sest' sens' / L'amore è un sesto senso

        L'amor' bocca dapp'rtutt',
        drenta 'l cor' e nt' la testa:
        e ugual' a 'n tarl', a 'n rus'ghin'
        pia l'stommigh' e i budei.

        Più d' 'n ladr' è sil'nzios',
        ma è 'n guai si fa rumor';
        e' 'n traditor' ch' fa la spia,
        e n' vol' ess' prigiunier'.

        Ogni suspir' o batt'cor
        rintrona pegg' d'n tambur'.
        E' astratt', lu' n' s' tocca,
        ma s (e) t' tocca, t' scumbina.

        Com' l'acqua è inudor',
        o prufumat' più d' 'n fior.
        Pol' ess' dolc (e) o anch' amar,
        indigest' o d'licat'.

        St'amor è anch' evan'scent',
        n' pia post, ma è invadent';
        è l'gger' più d' l'aria,
        ma più d' l'aria è cunsistent'.

        Po' ess' sol' 'n fil' d' fiat'
        o sidonca 'n carrarrmat';
        n' c'è rimedi p' curall',
        nè giova ess' vaccinat'.

        Saria propi 'n sest' sens'
        ch' i altri cinqu' c (e) cunfond'
        t'imbacucca e a vulell',
        se te c (e) caschi, po' ess' bell'.


        L'amore entra dappertutto
        dentro il cuore e nella testa:
        è uguale a un tarlo, a un rodimento,
        prende lo stomaco e l'intestino.
        Più di un ladro è silenzioso,
        ma è un guaio se fa rumore;
        è un traditore, che fa la spia
        e non vuol essere prigioniero.
        Ogni sospiro o batticuore
        rintrona peggio d'un tamburo;
        è astratto, lui non si tocca,
        ma se ti tocca, ti scombina.
        Come l'acqua è inodore
        o profumato più d'un fiore;
        può essere dolce o anche amaro,
        indigesto o delicato.
        Questo amore è anche evanescente,
        non prende posto, ma è invadente;
        è leggero più dell'aria,
        ma più dell'aria è consistente.
        Può essere solo un filo di fiato,
        o altrimenti un carro armato;
        non c'è rimedio per curarlo,
        né giova essere vaccinato.
        Sarebbe proprio un sesto senso
        che gli altri cinque ci confonde;
        ti imbacucca e a volerlo,
        se tu ci caschi, può essere bello.
        Composta giovedì 24 novembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Michele Scoppetta
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          È pparole

          Certe parole
          nu fanno nu discorso,
          stanno là, sulitarie
          senza manco n'aggettivo
          o na virgula ca e fa cumpagnia,
          so parole forte, ca si e dice una vota
          se fanno arricurdà
          si o core e chi te sente
          te sape sta a sentì.
          Certe parole
          addorano e cafè,
          quanno mammà te chiamma a matina
          e te dice ca o sole sta saglienno
          e tu fai avvedè ca è ancora notte.
          E pparole da notte
          so ammiscate, so confuse,
          so e pparole e miezzo a via,
          da tempesta ca è fernuta
          e da luna ca te guarda.
          Ma e pparole cchiù vollente,
          chelle ca nun cia fai a re tenè nde mane,
          so e parole ca tu pienze,
          e parole ca te dicesse.
          So e pparole e quanno te veco
          e nun te ngarro a dì quanto si bella,
          nun te saccio accarezzà cu sti parole,
          pecché je e saccio, e teng a rind.
          E penzo tutte e juorne
          quanno mi viene a mente tu;
          je me scrive, me preparo,
          po te veco e
          c'aggia fa,
          nun o saccio che mi piglia
          e nun ngarro cchiu a parlà.
          Composta giovedì 8 settembre 2011
          Vota la poesia: Commenta