Scritta da: Anna De Santis

L'amore vero core a core

Tanti lampioni, tanti fochi accesi,
tante donne intorno a quei falò.
S'avvicina un regazzino vergognoso,
pe scommessa fatta co gli amici,
ad una di loro s'avvicina e je chiede:
che lavoro fai?
La meretrice, che Dio te benedice!
E che vor dì?
Distribuisco amore a piene mani
e poi co tutto er resto
ma pe te è presto, che sei venuto a fà?
Pe scommessa; je risponne er ragazzino,
nun me fa perde me danno un sordino.
Poi dì agli amici che puro a te l'ho dato
"un po' d'amore"
Jò fatto na carezza sur visino,
scroccato un bacio sulla fronte
e me so torta na piuma pe riprova.
Jò detto poi a quer mezz'ometto:
fino a na certa età nun ce devi da venì quà
questa è l'ora pe stà a letto.
Tu hai bisogno ancora di un solo amore
quello della tu mamma... core a core.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Parole sconnesse

    Insieme di parole sconnesse,
    di rime baciate,
    di gioie e scommesse,
    messaggi non chiari,
    per non far capire,
    gli amori e i sentimenti,
    tu non mi senti, sei superficiale...
    rimane la mia vita, le emozioni,
    la mia storia e quel che vale,
    tutte le mie ragioni,
    le mie virtuali sensazioni.
    Ma con la poesia metto le ali, e volo
    cerco quel che manca,
    tra le notti stellate
    quando la luna è stanca.
    Il cuore soffre,
    non vuol più trattenere,
    scrivo per quelli che riescono a capire,
    e a riconoscersi nelle mie poesie.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La mia anima

      Sicuramente, quando mi lascerà,
      si perderà in un campo di papaveri,
      tra il grano maturo,
      il vento lontano la porterà,
      andrà in cerca di un cuore puro,
      quello di un bambino
      con il naso in su che piange per un palloncino.
      L'ultimo suo desiderio esprimerà,
      si adagerà sulle onde del mare,
      prima di salire a te, si farà cullare,
      Salirà dove dicono è luce,
      ma prima vorrà dare un ultimo bacio
      a quelli che mi hanno amato,
      a quelli che non ho mai dimenticato,
      e non finirà mai di ringraziare
      per tutto il donato.
      Tu, misericordioso, perdona qualche peccato,
      l'ho fatto perché ho amato,
      non dovevi farmi desiderare,
      non dovevi darmi un cuore,
      perdonami, altro non ho da confessare,
      la mia anima pura ti riconsegnerò.
      Mi hai sempre detto:
      "Ama il tuo prossimo come te stesso"
      Ed io l'ho fatto.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Giocando con le parole

        Siamo sognatori, poeti, giocolieri,
        pagliacci con maschere e trucchi,
        poi semplici uomini, persi tra domani e ieri,
        tra mucchi di rime e parole che fanno sognare,
        fanno piangere, fanno pensare.
        Scriviamo per il nostro piacere,
        la nostra è voglia di comunicare,
        spesso denunciare, cercar di capire.
        Per chi ci vuol seguire,
        si troverà a giocar con le parole,
        confidenze, peccati, sogni inventati,
        desideri avverati e no,
        concetti sballati, passioni controllate,
        ed una serie di bugie, per i più sbadati.
        La voglia che ci preme è dentro,
        non si può contenere,
        siamo forse capricciosi a volte o eterni bambini,
        ma questo nostro gioco di parole
        è un bisogno per sentirvi vicini.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di