Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ali Marella

Nato a Venezia
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: circe

Mediterraneo diving center

Scavato da ingordigia umana e acqua,
saccheggiato ogni suo sogno
Nadir è un pezzo di ferro corroso dalla salsedine
con la speranza ancora in tasca, pagata a peso d'oro
l'ago della bilancia ora punta immobile lo zero
nemmeno ai pesci rimangono ossa da spolpare
giace assieme a molti altri,
memorie di uomini affondate in un miraggio
ancorate a questo mare in grembo alla terra
un cimitero senza croci dove non si celebrano funerali.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: circe

    A volte la montagna va da Maometto

    Ecco tutto è perduto
    nel tempo di un cenno d'intesa
    ora... nulla più esiste
    questa specie di centro commerciale (qualcuno lo chiama vita)
    adesso... spazzato via, raso al suolo
    annullato da un volto di donna tuffato dentro al mio
    un semplice sorriso sincrono appena accennato
    sorriso a tutto viso senza scoprir denti
    diretto come un pugno
    a riappiccare incendi nello stomaco
    a far evaporare lacrime prigioniere di un ego prepotente
    Africa...
    un giorno spero poter tornare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: circe

      Margem

      A mollo
      nelle acque tiepide del mio mare così ben stirato,
      non m'accorsi di quell'onda ruggente
      piena di pensieri arrotolati dentro una coperta sporca d'insonnia.
      Io, trascinata, sbattuta, capovolta, senza sapere dove fosse il fondo e dove l'aria.
      Solo la sorte mi ha scaraventata sulla riva appena in tempo
      ancora siedo lì, ad un passo dal margine di quel buco nero che solo raramente libera indenni i suoi ostaggi.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: circe

        Confini

        Ti osservo combattere
        tra il timore e il desiderio di andar via
        ti vedo alterare la realtà
        ragionando tra il possibile e le tue fragilità
        rinchiuso in una stanza
        con l'anima di polvere
        segni nella tua mente
        confini invisibili
        così presenti da sembrare invalicabili
        siamo così vicini ma irraggiungibili
        io vorrei portarti via, dove batte forte il cuore
        e respirare insieme tutta l'aria che si può
        uscire allo scoperto in fondo non è così male
        Invece ti sento allontanare da me
        la tua assenza mi distrugge.
        Vota la poesia: Commenta