Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non mi piace Nietzsche perché ama la..." di Bertrand Arthur William Russell


462
postato da , il
In tutta onestà, non aveva bisogno di dirmelo. Mi è bastato sentirla parlare per comprendere che di nietzsche non poteva condividere nulla.
Io non caccio nessuno, non ho la vostra stessa padronanza dei territori.
Mi creda.
Un saluto :).
461
postato da , il
Il tuo primo insulto è nel commento n.ro 11, questo quando si discuteva tra il pensiero di Nietzsche e Russel.  Nessuno ti aveva detto che non capisci o smamma o cose simili. Hai iniziato tu perchè non sai sostenere le tue ragioni senza aggredire. Un padre non insegna al figlio la vita picchiandolo, ma confrontandosi e parlando. Rifletti.  E tanto per rimanere in tema ti dirò che ho letto Nietzsche varie volte, ma non ne ho mai condiviso una riga, mentre ho sempre considerato Russel uno dei miei Maestri di vita. Mi dispiace per te ma è così, e mò che fai mi cacci ???????????
460
postato da , il
E ogni tanto fatelo un sorriso che è gratis !

:))
459
postato da , il
Io invece Giuseppe ho visto solo un carattere focoso che si è scontrato con un altro carattere focoso.
probabilmente anche il vostro senso dell'umorismo e la vostra non leggerezza, non aiuta a capire davvero alcune situazioni.
Su questo Daline ( persona che io non conosco) si è dimostrato il più intelligente. Se puoi vuoi far passare Le idee che esprimo o le mie opinioni, che traumi infantili o mancato affetto fai pure Giuseppe. Non ti rispondo male stavolta.

Per margherita;
avevo appena scritto che non era una giustificazione di nulla. Realizzo dunque che non vi interessa leggere davvero le parole degli altri. In realtà date una letta veloce solamente per continuare a far valere solo le vostre ragioni. ma questo sinceramente l'avevo capito  a 5 anni. Conosco molto bene l'egoismo della gente... ed è un fuoco che ormai non brucia Più.

Mi fermo io che faccio prima.
Ciao
458
postato da , il
Quanto a Daline, la situazione è diversa. Lui si ritiene un Maestro. Il suo profilo è un deposito di massime brevi e taglienti, talvolta condivisibili, tal'altra perplesse, per non dire campate in aria. Inoltre,  il suo discutere è pieno di indicazioni di ciò che gli altri non capiscono, anziché di delucidazioni su ciò che asserisce e capisce lui. Ciò rende il dialogo snervante, perché infinito ed improduttivo.
     Daline è in perfetto equilibrio. Non ha bisogno di me. Non potrei dargli nulla.
     Vedi, quando tu parli (non quando insulti !! :) mi fai pensare: metti in moto un meccanismo mentale, anzi un meccanismo interiore. Quando invece parlano taluni altri, tento di sforzarmi di capire, ma non riesco ad altro che a perdermi nei meandri di labirinti mentali troppo nebbiosi ed approssimativi per non farmi sentire il bisogno impellente di cambiare aria ed uscirne.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti