Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: aubilou
Le 10 regole d'oro per passare i primi "anta" ed avviarsi felicemente verso i secondi

1) La regola della pace
Contrariamente a quanto vi vogliono far credere, l'obiettivo principale che andrete a perseguire raggiunta la maturità non è la serenità spirituale o cazzate del genere, ma evitare sistematicamente le rotture di palle. Vi sorprenderete ad annuire convinte ai discorsi strampalati ed assurdi di improbabili interlocutori, mentre fino a due tre anni prima li avreste duramente contestati. Affinerete col tempo quest'arte fino a farne un vero e proprio credo.

2)La regola dei centimetri 1
Purtroppo anche se vi sentite in perfetta forma la percezione delle vostre effettive possibilità motorie può essere distorta da vari fattori. Tenete presente che le vostre capacità rispettivamente di chinarvi ed elevarvi diminuiscono progressivamente in centimetri con l'età, quindi.... se durante un gioco o un'uscita con i figli vi trovate di fronte ad una staccionata, non tentate né di saltarla né di passarci sotto: aggiratela oppure rimanete dove siete. I figli comunque sono come i boomerang: tornano sempre, almeno per la paghetta. Evitate anche per lo stesso motivo (a meno che non siate abbigliate molto sportivamente) gli sgabelli alti dei bar: una caduta rovinosa può compromettere qualsiasi look strepitoso.

3)La regola dei centimetri 2
Anche se avete ancora un paio di gambe bellissime, evitate le gonne stile ragazza pompom: il detto "dietro liceo, davanti museo" non è stato inventato a caso, quindi se volete evitare di vedere facce colme di disappunto quando vi voltate, allungate l'orlo (tenendo come limite più o meno il ginocchio, se arrivate al polpaccio siete pronte per una conversione spirituale verso i testimoni di Geova).

4)La regola dell "aiutino"
Il fatto che esistano persone che per motivi genetici e/o di costituzione invecchino molto lentamente è una leggenda metropolitana, comprovata dal fatto che tutti i chirurghi plastici girano in Porsche e/o Ferrari. Purtroppo anche con il massimo sforzo da parte vostra per mantenere un fisico asciutto, la vostra pelle è come un capo di vestiario che ha subito molteplici lavaggi: anche se effettuati con la massima cura, tende ad afflosciarsi. Quindi non disdegnate, così come ne usufruite per il make up, di qualche aiutino per tirare su quello che tende ad andare giù, e ricordate che guainette e materiale consimile non sono più tabù da quando è stato scoperto il burlesque.

5)La regola del "due per uno"
Affrontiamo la realtà: così come voi preferireste una lavatrice supermoderna con controllo automatico della temperatura, del lavaggio, spegnimento ed avviamento automatico, cestello supercapiente ecc. al modello pur affidabile che avete, un uomo preferirà sempre due da 25 anziché una da 50. Realizzato ciò, non crucciatevi e soprattutto non fatevi prendere la mano da tentativi di ringiovanimento con regimi stile marines: non servirà a nulla e vi ridurrà uno straccio. Fate semplicemente quello che potete con i mezzi che avete a disposizione, e ricordate che pochi sono all'altezza di due da 25. Voi però potreste inaspettatamente scoprire di essere all'altezza di uno da 30.

6) La regola del silenzio d'oro
In certi campi, la vostra età potrebbe esservi di ostacolo nel dialogo con altre età: per esempio, se comunque avete usato in gioventù una macchina da scrivere (anche se elettrica), dovete considerare che, nonostante vi riteniate al passo con i tempi avendo uno smartphone, un tablet e una caterva di amici on line, qualsiasi decenne vi batterà in una discussione sull'informatica. Da qui la regola del silenzio: consolatevi puntando sulla vostra cultura classica. Dopotutto Dante e Petrarca non sono entrati nella storia per aver inviato degli indimenticabili sms.

7)La regola dei modelli
Di solito per dimostrarvi che gli "anta" sono ok i modelli che vi propinano sono sempre quelli: la Bellucci, Madonna, Meryl Streep ecc. Lasciando perdere la Bellucci che sembra sempre inconsapevole di quello che dice e che fa (come se il suo corpo fosse sopravvissuto ad un espianto di cervello), prendiamo le altre. Ci sono alcune non trascurabili differenze fra voi e loro, per esempio:
- uno staff di almeno 20 persone si occupa costantemente del loro aspetto garantendo un certo risultato. Voi certe mattine guardandovi allo specchio invidiate le arabe che si lavano la faccia e... oplà, coprono tutto col burka, e alle volte avete problemi perfino a mantenere il necessario disboscamento della patata,
- loro se vogliono un paio scarpe chiamano Jimmy Choo che si presenta a domicilio con tutto il campionario. Voi dovete aspettare i saldi e gli unici che si presentano a casa vostra sono i tizi della Folletto e della Bofrost,
- se per caso a causa dell'età dimenticano una battuta o un passo di danza, sia il regista che il coreografo sono ben lieti di perdonarle e riderci su. Voi se tornate trafelate dal supermercato senza quel pacchetto di biscotti (nota bene non senza biscotti...) venite processate da tutta la famiglia e vi beccate pure il 41 bis.
Direi per pietà di fermarci qui: vogliamo a questo punto perdere ancora tempo con i modelli? Ma fatemi il piacere!

8)La regola delle gratificazioni
Tutti abbiamo bisogno di gratificazioni, ma con l'età bisogna scegliere con oculatezza i posti dove trovarle. Se per esempio avete sputato sangue per tutto l'inverno in palestra, uscendo anche quando il divano vi attirava come una sirena e fuori c'era la tempesta perfetta, e avete quindi superato discretamente la prova bikini, è l'ora di raccogliere i frutti di tanto sforzo. Ma sarebbe un grosso errore comprare un costume che vi sta a pennello e gettarvi nella mischia di una piscina trendy: il confronto sarebbe con uno stuolo di ragazze con la metà dei vostri anni a cui sono bastate due settimane di palestra per raggiungere una forma invidiabile. Andate invece alle terme o dove l'età dei frequentatori sommata dia numeri da capogiro: vi sentirete un cigno fra le oche e probabilmente riceverete pure delle proposte.

9)La regola dell'adesso
Aspettate almeno altri 15 anni per cristallizzarvi sul "una volta": una volta era una volta, e adesso è adesso.
Una volta il vostro beauty case consisteva in una bustina in pvc 15x20 che usavate occasionalmente, adesso solo per applicare le basi pre-restauro ci vuole una mini valigia.
Una volta mangiavate patate fritte in quantità vergognose innaffiate da coca e rum e non ingrassavate di un etto, adesso il vostro metabolismo gioca al piccolo chimico trasformando un minuscolo cioccolatino in 500 gr di grasso puro.
Una volta ballavate tutta la notte e il giorno dopo andavate al lavoro senza problemi, adesso è molto raro che di notte facciate qualcos'altro se non dormire (con buona pace del coniuge).
Continuiamo? Meglio di no, e pensate alle cose che potete fare adesso.

10) La regola del quando arriva arriva
La menopausa è un po' come il parto: sull'argomento se ne sentono di tutti i colori, ma poi quando ci si trova di fronte al fattaccio, ognuno si regola come può. Quindi è inutile (esattamente come lo è stato per il parto) affannarsi a ricercare notizie, leggere manuali e ricercare su internet: quando arriva arriva. E ricordate che ci sarà sempre lo stronzo che così come prima attribuiva i vostri giramenti di palle al ciclo (non al fatto che ci sono troppi stronzi in circolazione) adesso vi dirà"eh è proprio vero che la menopausa vi rende più cattive...",è l'occasione per dimostrargli che ha perfettamente ragione!
Composta martedì 3 febbraio 2015

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: aubilou

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti