Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Andral

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Andral
Se mi vuoi prendimi
non ti limitare a dire
mi piacerebbe
non vedi i miei occhi ti cercano
le mie dita sulla tua pelle graffiano
solo per non lasciarti andare via.
Non c'è niente che non possiamo
anche l'infinito ci appartiene
l'infinito dei desideri negati
Possiamo ardere di un fuoco controllato
fino a quando indeboliti dall'attesa
rischieremo solo di perderci
nel labirinto vuoto che c'è.
Se mi vuoi trattienimi
spettatore assorto
che nascondi sguardi furtivi
non ti voltare come se il desiderio
non ti appartenesse
il tuo pensiero
corre incontro al mio.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andral

    Giochi d'amore

    Gioca con me
    segui i miei pensieri
    sentili mentre ti spingono in alto
    oltre l'immaginazione
    oltre questi muri di mattoni
    oltre i vincoli della morale.
    Ascolta l'eco della mia voce
    segui le mie parole
    come sassi bianchi
    lasciati in una notte di nebbia
    ti sto chiamando
    e tu nemmeno te ne accorgi
    ti nascondi dietro carta ingiallita
    assorbito dal peso del dovere
    che tu stesso ti sei creato.
    Hai paura e tremi
    non ci perderemo
    l'orizzonte non fa paura
    anche se non conosci la strada.
    Gioca con me
    non smettere di ridere
    il tuo sorriso scalda le mie dita
    mentre la tua voce diventa profonda
    i tuoi occhi si scuriscono
    e hanno una luce solo se rivolti a me.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andral
      A te che vorresti vedermi come amica
      A te che mi lasci andare senza riuscire a trattenermi
      A te che neghi ogni sentimento
      A te che hai chiuso la porta del mio cuore con un tonfo
      A te che hai scelto la strada della ragione
      A te che prima spingevi per l'irrazionalità
      A te che mi hai cambiata
      A te che prima mi hai voluta diretta
      A te che mi sei apparso sensibile e ora rinneghi i ricordi
      A te che avevi tante sigle e ora neppure una parola
      A te che dicevi di amarmi
      A te che mi baci incendiandomi
      A te che volevi andare oltre, oltre e ancora oltre, ma che eri il primo a ritirarti
      A te che ti sei fermato
      A te compagno di viaggio che è sceso alla stazione
      Ti dico... scusa ma ti chiamo amore
      E poco importa se le nostre strade si sono allontanate
      E poco importa se c'è stato un bacio e poi un altro e poi un altro ancora d'addio
      E poco importa di chi ci sta attorno
      delle convenzioni, dei luoghi comuni e dei ben pensanti, dei moralisti
      non m'interessa se tu mi chiami amica
      io continuo a chiamarti amore.
      Composta giovedì 18 novembre 2010
      Vota la poesia: Commenta