Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Carlotta B.
Ecco la cosa che odiavo di più. Ballare. Ma quella sera invece ho ballato e mentre ballavo una sensazione nuova, di essere vivo, mi toglieva il fiato. Tra poche ore sarei uscito da quella cantina. E sarebbe stato di nuovo tutto uguale. Eppure sapevo che oltre quella porta c'era il mondo che mi aspettava e io potevo parlare con gli altri come fossi uno di loro. Decidere di fare le cose e farle. Potevo partire. Potevo andare in collegio. Potevo cambiare i mobili della mia stanza.
dal libro "Io e te" di Niccolò Ammaniti

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Carlotta B.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.08 in 24 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti