Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Edmond Dantès
Non vi è né felicità né infelicità a questo mondo, è soltanto il paragone di uno stato ad un altro, ecco tutto. Quegli solo che ha provato l'estremo dolore è atto a gustare la suprema felicità. Bisognava aver bramato la morte, Maximillien, per sapere quale bene è vivere. Vivete dunque e siate felici, figli prediletti del mio cuore, e non dimenticate mai che, fino al giorno in cui Iddio si degnerà di svelare all'uomo l'avvenire, tutta l'umana saggezza sarà riposta in queste due parole: aspettare e sperare.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Edmond Dantès
    Riferimento:
    cap 117

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.67 in 33 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti