Scritta da: Andral
Libera di alzarti in piedi e urlare
battendo i pugni contro muri invisibili
scompigliando i capelli nella foga di parlare senza pronunciare parola alcuna.
Libera di arrabbiarti
calciando i sogni con la violenza di un pallone da calcio contro una porta senza portiere
e di voltarti verso gli spalti privi di spettatori.
Libera di inaridire la mente con carta sgualcita
che si rompe al contatto caldo delle mani
che cade su un pavimento di marmo reso umido dalle lacrime.
Libera di cadere, rialzarti e sbagliare
con il ginocchio dolorante, il sangue di una ferita mai rimarginata
e i graffi sulle braccia tese verso un punto ignoto
e un nuovo tonfo, una nuova discesa in un cilindro privo di luce e suoni
mentre una voce dall'alto chiama il tuo nome.
Libera e ancora libera di riprovare ancora una volta
se hai il coraggio di alzare lo sguardo e di tenderti verso l'orizzonte
di camminare verso un sentiero non definito con uno zaino troppo piccolo per contenere il tuo passato e troppo pesante da portare da sola
libera e ancora libera sei hai la forza di amare.
Ingrid Rivi
Composta venerdì 10 dicembre 2010
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Andral
    Vorrei confondere le mie parole con le tue, ma resto in silenzio.
    Vorrei perdermi nei tuoi occhi eppure volto lo sguardo altrove
    Vorrei sentire le tue mani stringere le mie, ma le nascondo nelle tasche dei pantaloni
    Vorrei averti e mi sfuggi via come la marea che si ritira.
    Ingrid Rivi
    Composta lunedì 15 novembre 2010
    Vota la frase: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di