Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Alexandra Romano
in Poesie (Poesie d'Autore)

Napoli

Napoli,
il cui tesoro è il mare,
che chi passa non può non notare.

Napoli,
il cui tesoro è il panorama,
l'ideale per chi ama.

Napoli,
la città della bontà e dell'amore,
che chiunque visita non se ne può non innamorare.

Napoli,
artefice di una prelibatezza infinita:
la pizza margherita.

Napoli,
una meraviglia del mondo,
più bella d'un incanto.

Napoli,
chiunque verrebbe qui,
e non se ne andrebbe più.
Composta domenica 31 maggio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia
    in Poesie (Poesie d'Autore)

    I vendemmiatori

    Essi vendemmiano il vino dei loro occhi,
    essi torchiano ogni pianto, anche questo:
    lo vuole la notte,
    la notte, cui stanno poggiati, il muro,
    lo esige la pietra,
    la pietra, oltre cui parla la loro gruccia,
    fin nel silenzio della risposta –
    la loro gruccia, che un giorno, un giorno d'autunno,
    quando l'anno s'inturgida a morte, come uva,
    attraversa parlando il mutore, fin giù,
    nel pozzo dove sgorga il pensiero.

    Essi vendemmiano, essi torchiano il vino,
    essi pigiano il tempo come il loro occhio,
    tutto il pianto che ne stilla ripongono
    nel sepolcro del sole, che essi con mano
    indurita dalla notte preparano:
    affinché poi una bocca, somigliante alla loro:
    torcentesi verso quanto è cieco, attrappita –
    una bocca cui dal profondo sale la schiuma da bere,
    mentre il cielo si cala nel cereo mare,
    per splendere da lontano, mozzicone di luce,
    se finalmente il labbro umidisce.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia
      in Poesie (Poesie d'Autore)
      Chi
      viene dalla terra
      a toccare la luna
      o altro minerale celeste
      che fiorisce-
      colpito
      dal ricordo
      salterà in aria
      per esplosiva nostalgia
      ché
      dalla smaltata notte della terra
      sono volate via le sue preghiere
      cercando nei quotidiani annientamenti
      le vie interiori dello sguardo.

      Mari e crateri
      colmi di pianto
      in viaggio per stazioni stellari
      oltre la polvere.

      La terra si fabbrica dovunque
      colonie di rimpianto.
      Non per calarsi
      su ammorbati oceani di sangue
      ma solo per cullarsi
      nella musica del flusso e del riflusso
      solo per cullarsi
      al ritmo dell'invulnerato
      segno d'eternità:
      vita - morte-.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        in Poesie (Poesie d'Autore)
        Di certi desideri carnivori
        mi piace la saliva che si prepara all'assaggio
        il pre-gusto, il presagio
        e l'innocenza del pasto
        che rende sazi ancor prima del morso.
        Quando la mente azzanna le debolezze tutte
        Con le intenzioni slacciate
        aperta sulla pelle
        fino a screpolare anima
        in vista sui tuoi orecchi
        a sentirmi con le dita
        resto, solo, ossa spolpate.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco
          in Poesie (Poesie d'Autore)

          L'altro tramonto

          Sui profili dei caseggiati,
          riprende fiato un grasso tramonto,
          stringe lamenti con occhi arrossati,
          stringe al suo centro un cuore infranto.

          Lungo i cortili acciottolati,
          mi seguono voci, io non comprendo.
          Echi di risa da persiane filtrati,
          stridono voci, di un altro mondo.

          Ma un casolare che mostra il fianco,
          a quello si accosta il suo rampicante,
          aggrappa il filare come io arranco,
          ma quel tramonto è parete distante.

          Tramonto stanco, di altro colore,
          sei gesto distratto e fioca voce,
          sogno di mare senza sapore,
          fuoco di legna privo di brace.

          Precipita foglia, rovescia lo schianto,
          col peso di tutti gli autunni.
          Precipitasse giù anche questo tramonto,
          sugli orizzonti di cent'anni.

          Lungo il margine da pini alberato,
          aghi e selciato, la strada intreccia,
          rami artigliar quel cielo rigato.
          di un tramonto normale, ho io mal di testa.
          Composta lunedì 18 aprile 2016
          Vota la poesia: Commenta