Scritta da: Silvana Stremiz

Tempo.

Orme di piedi
sfioravano fili d'erba,
più delicati di un ape
innamorata del suo fiore.

Una scia di profumo
tracciava un ricamo
su quel prato
decorato di fiori.

Queste orme
trascinavano pensieri,
speranze, ricordi.

Orme che proseguivano
nella ricerca del tempo,
nella ricerca delle
affinità dell'anima.

Orme si avviavano verso
il Dio dell'orologio,
per chiedere la grazia
di possedere la chiave tempo,
per poter fermare
quegli attimi
eterni di felicità.
Roberto Perin
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Stella.

    Ho trovato
    un mondo dove giocare.

    Ho trovato
    un mondo dove vivere.

    Ho trovato
    un mondo dove sognare,
    con le bolle color grano,
    saltare i riflessi
    di cielo nelle acque vive.

    Ho trovato dove correre
    in sella alla libertà,
    mentre cerco l'orizzonte.

    Penso che questa
    non può essere realtà.

    Ho sciolto i nodi
    dei miei pensieri,
    ho liberato al vento i desideri
    in questo mondo magico.

    Una mano mi stringe,
    mi prende, è la tua mano.

    La mano di chi mi ha
    fatto sognare con il suo amore.
    Roberto Perin
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Un sorriso.

      Un sorriso
      sparso nel vento,
      un sorriso
      sparso nel tempo,
      sparso nell'eternità,
      nell'eternità della luce,
      avvolto per istanti
      dall'ombra di un cuore.

      Un sorriso
      seminato in un sentimento,
      bagnato da dolcezza,
      serenità, amore.

      Un sorriso
      scoperto
      e coperto da un gioco di labbra,
      di ciglia, di guance paffute.

      Un sorriso smaltato di fresco,
      ricoperto di gioia,
      fissato con felicità.

      Un sorriso,
      nato da un piacere di donare,
      mostrare ciò che noi siamo.

      Un sorriso del mio amore,
      questo è il sorriso
      mi fa sentire tutto questo.

      Un sorriso d'amore.
      Roberto Perin
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Lacrime.

        Piango per te,
        dolce il mio pianto,
        piacevoli le mie lacrime,
        se sono per te.

        Lacrime che scrivono
        la tua bellezza,
        la tua felicità assorbita
        dal mio cuore.

        Gocce di rugiada
        che narrano i nostri momenti,
        ci indicano la strada
        che abbiamo percorso,
        vissuto, gioito assieme.

        Indicano e cantano
        turbe di innamorati,
        esperienze di sentimenti,
        momenti di sfioritura,
        di passione.

        Gocce di lacrime vissute,
        amate, divise assieme.

        Se non avessi queste
        lacrime per il tuo addio,
        non avrei mai
        conosciuto l'amore.

        Piango di gioia,
        anche se è un addio.

        Felicità a te, amor mio.
        Roberto Perin
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di