Scritta da: Silvana Stremiz

Bocciolo di donna

Ho conosciuto
l'emozione di un bimbo,
l'ansia di un bocciolo
di fanciulla,
la voglia d'avere
fra le dita
la punta di una stella.

Ho ascoltato i riflessi
di un caldo sole,
di un profumo di terra
che si risvegliava.

Ho scoperto, vissuto,
la gioia di un naufrago
alla vista di un faro.

Ho visto,
un riflesso di giglio,
che disegnava i tuoi occhi,
mentre il profumo
di mughetto bagna
la tua pelle.

Ho vissuto con te.
Roberto Perin
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Gondola

    Onde inventate
    dalla chiglia di una gondola,
    riflessi che scrivevano
    sui muri i tuoi pensieri.

    Ho ascoltato il ritmo
    di un remo discreto,
    mentre batteva in simpatia
    con il tuo cuore.

    Ho visto la tenerezza
    dei raggi di sole
    disegnare i canali
    come pennelli.

    Ho ascoltato le parole
    d'acqua innamorata
    e vissuto momenti
    di un amore eterno.

    Ho visto sorridere
    il tuo cuore,
    mentre guardavi una nuvola
    scrivere nel cielo.

    Ho percorso vicoli
    stretti pieni di vita,
    ascoltato dal selciato,
    le anime che lo hanno percorso,
    gli eventi che lo hanno
    consumato nei tempi.

    Ho visto dai tuoi occhi,
    una città vera,
    sempre più viva,
    sempre più eterna.

    Ho visto la Venezia
    del tuo cuore.
    Roberto Perin
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Colori

      Colori
      Ho visto
      una pelle ruvida,
      nello specchio
      del miei pensieri,
      ho guardato nel suo cuore,
      era rosso.

      Ho notato
      una pelle gialla,
      vicino a me,
      ho guardato
      nel suo cuore,
      era rosso.

      Ho sentito una mano
      che mi stringeva,
      era nera,
      ho guardato nel suo cuore,
      era rosso.

      Ho guardato la mia
      pelle era chiara,
      ho guardato nel suo cuore,
      era rosso.

      Ho guardato nelle
      anime dell'umanità,
      ho visto anime nere
      in pelli bianche e nere,
      ho visto anime bianche
      in pelli neri e bianche,
      in pelli ruvide e lisce,
      in mani gialle e nere,
      ho visto anime bianche,
      e anime nere.

      Ho guardato l'amore
      e l'odio nel mondo,
      ho cercato in pelle
      lisce e ruvide,
      in pelli bianche
      gialle e nere,
      era incolore, invisibile,
      ma onnipresente.
      Roberto Perin
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Torri gemelle

        Ho consegnato mille e mille
        anime al signore,
        ho portato mille e mille
        anime al diavolo,
        rubato delle mamme
        ai loro figli,
        creato nuvole di neri
        pensieri per l'eternità.

        La mia mente
        ha dissotterrato
        l'ascia di guerra
        dal mio pensiero,
        inciso con la sua lama
        la carne viva del mondo,
        scolpita la sua
        immagine di fuoco
        nelle menti dell'umanità.

        Mille e mille anime
        non camminano
        più sulla terra,
        non possono donare
        una nuova vita,
        coccolare un figlio,
        amare un compagno,
        aiutare un nonno.

        Tasselli tolti dal mondo,
        rubati dai disegni di Dio.

        Ho violentato il cielo, la terra,
        come fossi il creatore.

        Ma lo sono?
        Roberto Perin
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di