Poesie di Francesca Genna

Impiegata, nato venerdì 26 maggio 1967 a Trapani (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Fragolosa67

La musa ispiratrice

Candida è la veste mia
spogliata dall'altrui coscienza.

Non conosco il tormento di un cuore in tumulto.

Effimera è la mia magia,
armonia dei sensi.

Mi raccolgo in preghiera e
ascolto il cantare liriche dolci e soavi.

Tu, abbracci il mondo che ci appartiene.
Sorridi a genti senza frontiere.

Sono il tuo sole,
tu il mio fiore.
Francesca Genna
Composta venerdì 11 ottobre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fragolosa67

    Malattia mortale

    La speranza muore quando dispero per l'altrui dolore.

    Eppure, la malattia, serpe d'anima, nascosta cova il tempo
    colpito sul fianco dell'umida terra grassa.
    Sono lacrime, gocce di pioggia nascoste in risate inventate.

    Dopo il male.

    Lotta di antilope che scopre il leone e
    fugge per ovvie ragioni.

    Il silenzio rivela tutto.

    Ho solo un camice bianco e uno sguardo per dire
    quello che altri non sanno.

    Domani è un altro giorno, ci sono ancora.
    Francesca Genna
    Composta giovedì 10 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fragolosa67

      Figlia d'Italia

      Figlia d'Italia, nel cuore ho l'orgoglio e
      radici per terra di cui vado fiera.
      Son quercia robusta e abbraccio co'i rami
      il tricolore, la mia bandiera.

      Figlia di patria, madre e signora
      porto due pargoli in dote all'aurora.
      L'animo mio è tutto un fermento,
      se penso che vivo nel paese più bello!

      Per oro, ho l'onore e il rispetto che dono.
      Sono ricchezze che tengo da anni,
      eredità dei miei antenati.

      Sangue latino ho nelle vene e scorre scottando
      come lava di terra infuocata per
      colpa del sole che mi ha sempre baciata!
      Tra mare e colline io sono nata
      come regina di una bella fiaba.
      Francesca Genna
      Composta venerdì 27 settembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fragolosa67

        Dio

        Non potrai calcare le orme mie
        quando vaghi per lo stesso sentiero.
        L'acqua e il vento han nascosto i miei passi.

        Annusa l'aria fresca del mattino
        quando i fiori si aprono al calore di un raggio di sole.
        Il loro profumo di me racconta.

        La mia voce è il frinire dei grilli che la sera echeggia per la montagna.
        Se mi rimpiangi è perché mi hai trovato in un rosso tramonto.
        Sono il sole che muore e sparisce dietro un monte.

        Addormentati a notte fonda in un caldo abbraccio di Morfeo
        cullato nell'oblio del silenzio, ti parrà di sentire un dolce suono.
        Non son io ma l'eco che nell'infinito spazio tempo, ti culla
        facendoti credere che ancora esisto.

        Lasciati avvolgere dal desiderio di perdermi, di non cercarmi,
        per ritrovarmi all'alba quando il cielo è rosa e il mattino ti incanta.
        Francesca Genna
        Composta lunedì 23 settembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Fragolosa67

          Tradimento

          Quadri d'autore di vita tradita,
          dentro una trottola che gira e poi torna.
          Sogni che stridono fra il ferro e la terra
          quando fioriscono rose avanti alle viti.


          In fondo montagne di speranza
          accolgono cipressi che
          sfilano ombrando la via e...
          l'anima mia.

          Quale orizzonte mi aspetta
          tra i chiusi sipari, deserti palchi e
          speranze di nuvole che si ingrossano e
          gonfie esplodono in parchi di anime,
          fra case di tetti sbilenchi o squadrati?

          Tuoni e saette o sole che splende in altri contesti?

          Legati i piedi, ferme le mani arrese
          a rughe di parole sofferte e tremanti.
          Batte il vento colpi che sembrano stivali
          come passi di guerre perdute nel tempo
          dentro tasche usurpate da ladri di tuniche rosse.

          Trenta denari e un ulivo agli eroi.
          Francesca Genna
          Composta mercoledì 18 settembre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di