Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Barbara Brussa

Nato martedì 7 luglio 1970 a Venezia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Barbara Brussa

Condividere il Tempo

Chiusa, come dentro un'ostrica,
c'è la perla rara della tua essenza.

Se soltanto riuscissi
a vederla anche tu...
rimarresti abbagliato
dalla sua fulgida bellezza!
E forse riusciresti a concedermi
un po' più di tempo
per visitare quel luogo segreto
che risulta segnato soltanto
nelle mappe di chi ha occhi
che sanno vedere.

Per guardare basta un minuto.
Per vedere, spesso, non è sufficiente una vita intera.

Ah! Ma io ti prometto che farò presto, perché ho già sbirciato dentro.
Ma tu, regalami un po' del tuo tempo.
Tempo, solo tempo...
che da tuo, diventerà nostro.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Barbara Brussa

    Per sempre, e così sia

    Vivere per sempre 
    tra un sospiro a fior di labbra
    e un brivido che scuote l'anima

    Cucire merletti di sogni
    ai bordi della realtà
    e tuffarmi su candide nuvole
    di zucchero filato

    Assaporare dolcezza
    nella quiete d'un isola deserta
    Lontano. Lontano da questo mondo
    che ha il ruvido sapore della mediocrità
    e dell'inganno

    Vivere per sempre in un mondo parallelo
    senza scoprire mai se son fatta 
    di sogni travolgenti o di piacevoli, 
    fragili illusioni.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Brussa

      Spirito libero

      Sono nata libera,
      e anche fra le lacrime sorrido.
      Anche con le ali brutalmente strappate
      e la carne annichilita,
      segregata in una gabbia,
      sorriderò sempre alla stupidità
      di chi non sa che gli spiriti liberi
      volano comunque in altre dimensioni,
      irraggiungibili e inviolabili.

      Se mai il destino avverso
      dovesse trovarmi
      in ginocchio sul pavimento,
      sappia fin d'ora che l'anima mia
      mai striscerà sul fango della vita,
      giacché essa si muove vaporosa
      in un altrove di cristallo.
      Libera di volare nell'immenso.

      Felicemente ancorata
      a quel mio mondo interiore,
      che risulta invisibile ad occhi che,
      pur potendo vedere,
      restano intrappolati
      nella dannazione della cecità.

      Uno spirito libero
      che non si fa toccare da mani rozze.
      Vivo in un mondo invisibile,
      ma più reale e vero che mai.
      Composta lunedì 31 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta