Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

La vera storia di San Valentino

Questa è la storia di come nacque l'amore
nel lontano febbraio alla luce del sole,
quando un santo cristiano, da Furius soldato
fu posto al flagello e del capo privato.

L'ingiustizia lontana di anni crudeli,
per combattere il Cristo e tutti i fedeli,
nel volere di Aurelio, imperatore del mondo
succeduto al tiranno Claudio secondo.

Ma come dal fango, può nascere un fiore,
in questo contesto è nato l'amore,
dall'animo buono di san Valentino,
amante delle coppie e di ogni bambino.

Così fu narrata la fiaba d'amore,
da padre in figlio, per restare nel cuore,
del vescovo longevo che amava portare
pagani e cristiani insieme all'altare.

L'amante dei bimbi, e del suo grande giardino,
dove giocavano i figli di ogni vicino
che rientravano in fretta con un fiore la sera
per donarlo alle mamme e portar primavera.

Solo tre anni mancavano, al suo centenario,
quando in prigione lo misero e lo condannarono,
ma nonostante l'età ed il suo batticuore
dietro le sbarre ancora, insegnò lui l'amore,

alla figlia di Asterius, il guardiano custode,
che pur cieca fanciulla, in lui ripose ogni lode,
e nell'ultima lettera riuscì a leggere un mattino
l'amore di un poeta che si firmò Valentino.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto
    Fragile la vita,
    come un bocciolo in germoglio,
    ogni giorno fai i conti col tuo futuro,
    spendendo dei giorni,
    che non hai ancora guadagnato.
    Vivi con la speranza di un domani migliore,
    e fai progetti...
    Vedi la tua Famiglia, i tuoi figli, e quattro mura,
    gli stessi che ti sono caduti addosso...
    Trema la terra con tutta la sua crudeltà,
    e nel tremore, fra le grida dei tuoi cari,
    si spengono le luci,
    e tu urli, fino all'ultimo respiro.
    ... e poi, quando l'ultimo granello di polvere
    si posa al suolo, tutto tace...
    Sotto i detriti qualcuno troverà il tuo freddo corpo,
    che stringe fra le braccia il tuo piccolo amore,
    che hai protetto per regalargli un nuovo giorno,
    quel tuo piccolo fiore,
    crescerà con le sue stesse lacrime,
    e tu, dall'alto del cielo,
    gli resterai sempre accanto, come hai fatto
    sino all'ultimo respiro!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto
      Oggi ho alzato i miei occhi verso il cielo,
      ho spento i rumori attorno a me,
      ho instancabilmente osservato il volto delle Tue nubi,
      e ammirato il volo dei gabbiani,
      cercando un segnale che mi parlasse di Te.
      Ma una domanda mi assillava la mente!
      Chissà se dall'alto Tu mi vedevi?
      Poi sono rientrato assordato dal tuo silenzio,
      sempre sperando di poter ricevere da Te un segnale della tua presenza...
      ... e quando fra le mie quattro mura ho visto splendere gli occhi di mio Figlio,
      allora mi sono reso conto che Tu esisti!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonino Gatto

        Il dono della vita

        Ciao Maria, benvenuta in questo mondo.
        tu sei il frutto di un desiderio, la realizzazione di un sogno.
        I tuoi due fratellini non vedono l'ora di abbracciarti
        e di donarti la loro culla che hanno tinto di pesco per te.
        Molti si chiederanno perché ho deciso di metterti al mondo,
        a loro risponderò di guardarti semplicemente negli occhi.
        Forse per poterti crescere dovrò rinunciare a molte cose
        ma chissà quante emozioni mi sarei perso se non fossi nata tu.
        La tua Mamma ha rischiato molto più di me, per metterti alla luce,
        ma ha trovato persone buone ed esperte, medici ed infermiere,
        che lavorano nel silenzio, e che ogni giorno,
        nel silenzio interrotto solo da un vagito, regalano un sorriso.
        Presto questo vagito tornerà a riempire di gioia la nostra vita,
        e come in un film, presto crescerai e diventerai grande.
        Così mentre i colori di queste pagine sfumeranno, col tempo,
        si tingeranno d'argento i miei capelli, tu diventerai donna,
        ed io un giorno, dovrò regalarti il mio ultimo saluto.
        Quel giorno, i nostri occhi brilleranno, solo guardandosi,
        ci saranno momenti indimenticabili da ricordare,
        ci saranno tutte le emozioni che abbiamo vissuto insieme,
        ci saranno le gioie ed i rimpianti, e tu mi ridarai la mano,
        proprio come oggi quando per la prima volta hai stretto il mio dito,
        Quel giorno come oggi, sarò ancora li con te,
        per ricordarti questo messaggio,
        affinché tu di fronte ad una scelta,
        non avrai mai dubbi nel decidere
        che il dono della vita è una cosa meravigliosa!
        Composta giovedì 9 settembre 2010
        Vota la poesia: Commenta