Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Stupro

Dormiva li nel suo letto
La stanchezza del giorno
la portò ad un sonno profondo
tra sogni che ora non ricorda più
Nelle buie ore della notte
si celava,
l'ascesa del suo io
Mani che amava la strinsero
con una violenza unica
lei rabbrividii,
al sol pensiero
ancora oggi rabbrividisci
Non le fu permesso gridare
mani forti si posarono sulla sua bocca
lei d'improviso rivoltata...
lacrime cadevano sul suo viso
si dimenava,
la sua forza era entrata persino nella sua anima
nulla poté al suo volere
Al termine di quello stupro
non lo amò più
mai più potè
lasciò dentro di lei una ferita
chiamata morte lenta.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Sentinella

    Sentinella mezza sera
    Questa vita è una galera
    Sentinella mezzanotte.
    Le stelle sono assorte.
    Sentinella innamorata.
    La tua vita è una frittata.
    Sentinella più non posso.
    Il tuo amore al primo posto.
    Sentinella colorata.
    Ti sei tutta abbozzolata.
    Sentinella punto e basta.
    Aspettare cosa costa.
    Sentinella sorridente.
    La tua vita è effervescente.
    Sentinella spazientita.
    Non morderti le dita.
    Sentinella, sentinella.
    Specchiati con la luna, e le stelle nel mare e lasciati amare.
    Composta venerdì 24 ottobre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Nipotino

      Strano!
      Stamane non c'è sole,
      ma nel mio cuore è apparso un bagliore
      Mi son vista un attimino
      con in braccio il tuo bambino
      Bello! Lo tenevo stretto, stretto,
      Occhi azzurri,
      capelli neri,
      per me la principessa
      non dirmi perché!
      Sento dentro di me che sarà donna
      non ho fatto il patto con la cicogna.
      Lo sento è basta,
      se poi è un principino,
      sarà un bellissimo bambino.
      Adesso dentro te cresce,
      ogni giorno per te è una festa,
      mal di pancia
      mal di testa.
      Ora devi ancora cominciare
      la vetta che dovrai scalare.
      Ma in alto un regalo c'è
      un bellissimo bebè
      anno vecchio vai presto via
      l'anno nuovo deve cominciare
      i mesi devono scappare
      in tutta fretta
      il mio principino devo abbracciare
      tante favole gli devo raccontare.
      Vota la poesia: Commenta