Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "C'è un unico errore innato, ed è quello di..." di Arthur Schopenhauer


37
postato da , il
Vincenzo, senza andare a fare il finto erudito e disquisire sulla Piramide di maslow, che chiarisce come ognuno di noi raggiunto uno stato di soddisfazione punti a quello successivo, cosa cambia se l'emblema della felicità è un regno o un cavallo?
Di chi vorrebbe acqua potabile per essere felice il mondo è pieno, basta uscire dai percorsi turistici di gran parte dell'Africa, ma anche dell'america latina e dell'india per rendersene amaro conto. Alcuni fatti però sono più evidenti all'osservazione che alla disquisizione. Uno dei quali è che l'uomo ha fatto quello che altri animali non hanno fatto perchè si pone via via obiettivi maggiori e non legati alla pura sopravvivenza: chiamala ricerca della felicità o come vuoi. cambia veramente poco, nei fatti.
36
postato da , il
Sono d'accordo. La gioia è il fuoco acceso, di cui la felicità è spesso la scintilla.
35
postato da , il
Secondo voi...
Quale differenza è possibile stabilire tra gioia e felicità?
Io penso che la serenità... la gioia...
sia il prolungamento meno intenso della felicità...
perché la felicitàè un attimo che ti esaspera...
mentre la gioia è uno stato d'animo che...
può essere più prolungato della
felicità...!
34
postato da , il
Premetto di non aver letto nessun commento ... quindi di getto affermo che l'errore stà nel fatto che noi esistiamo ...
33
postato da , il
"penso che magari  le persone non ti seguano perchè si stanno godendo la loro felicità ...:-)".
E brava Dana: una lucida visione delle cose. Talmente lucida da sembrare addirittura... chiaroveggente. : ))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti