Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Mai più ho pronunciato il tuo nome senza che..." di Rossella Porro

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

25
postato da , il
Io in qualunque cosa faccio quando la faccio metto tutta la mia passione, se la faccio metto il meglio di me stesso.
potrei non ottenere quello che avrei voluto ma ci ho messo tutto di me per qualcosa o qualcuno che ritengo ne vale la pena
Ti è mai capitato nelle tue esperienze di aver dato e messo tutta te stessa COMPLETAMENTE TE STESSA, senza nessun limite, senza nessuna condizione e prescrizione e poi sentirti tradita da quella persona che gli hai dato il corpo e l'anima non fisicamente ma nel tuo credo, nelle tue certezze?
Il danno il tradimento, la beffa l'indifferenza?
Qualcuno ha scritto: si ama quando non si ha limiti.
Il danno la perdita di una tua persona cara, la beffa di essere offerto un caffe e guardare il sorriso di colui che te la tolta quella persona.
Una volta in una tua frase ti scrissi e non ebbi un tuo commento:
faccio di tutto per evitare di incontrare i miei ricordi, saranno belli forse rifarei le stesse cose ma oggi cerco di evitarli troppe cose mi fanno stare male, cerco di scappare, di evitare, di fuggire, di non uscire di casa, ma troppi sono i ricordi.
lo scrivere il parlarne mi sta aiutando.
so che sarà difficile MA CI RIUSCIRO' a ritornare a credere in me stesso.
qualcuno mi sta aiutando.
La beffa mi riferivo all'indifferenza, alla sfacciataggine, alla mancanza di rispetto che oltre a recare il danno esagano nelle esasperare ed aumentare il danno.
Se la tua collega di lavoro col suo comportamento ti chiedesse dopo un tuo sorriso un vero tuo sorriso riusciresti a darglielo?
24
postato da , il
CHE SIGNIFICA...oltre il danno la beffa? non capisco...
23
postato da , il
Rossella
Essere scorbutici e maleducati non ha nulla a che vedere con quello che stiamo parlando, essere arrabbiati potrebbe andare anche bene ma sempre nella buona educazione.
Ti ho scritto prima in un rapporto ci deve essere il massimo rispetto.
Quello che mi fa arrabbiare è oltre al danno la beffa.
22
postato da , il
Ciao Rossella
credo che più o meno siamo in sintonia e la pensiamo allo stesso modo.
Hai ragione quando dici che non per forza dobbiamo capire e comprendere tutti e tutto, anche noi abbiamo del "nostro".
Non tutti siamo degli psicologi, non tutti abbiamo un enorme pazienza.
Non tutti amano lo stare insieme.
Per la scontrosità credo che ci siano due possibilità o va capita o va evitata, nel momento non ci sono queste tu riesci ad evitare lo scontro?
Sono daccordissimo con te.
al contrario di quanto puo sembrare scrivo poco e cerco di essere concreto con la fattibilità diciamo che sono più tecnico.
quello che non capisco perchè la disponibilità, l'affidabilità, il buon senso, il galateo, la cavalleria, la gentilizza,la fiducia, l'AMORE viene scambiato alcune volte per stupidà.
Nel momento in cui poi ci si ribella a tutto questo poi all'improvviso si entra nel club degli arrabbiati.
In questo mondo sta prevelendo l'idea che si dimostra la propria capacità soltanto se si prevale sul prossimo e questo a me non sta bene.
Si è fatto tanto spazio quell'egoismo di tanti IO IO IO IO IO IO abbiamo dimenticato il NOI NOI NOI .
Allora chiedo solamente ma perchè non cerchiamo di essere almeno sinceri ed onesti con se stessi?
Ma perchè il bimbo per dire al mondo che è arrivato deve piangere?????
Ma perchè per far valere i miei diritti devo manifestare?
21
postato da , il
Kristal...credo che tutti abbiano avuto delusioni da chi  non si aspettavano..fondamentalmente diciamo le stesse cose...ma da punti di vista di versi...quando parlo di rabbia...mi riferisco a quella che vuole ferire solo per il gusto di ferire...perchè fondamentalmente si è arrabbiati con se stessi....e il resto del mondo deve pagare per questo.....e a questo che mi riferisco...a quella rabbia che ti fa dire cose...che non si pensano...avere comportamenti poco giustificabili...io lo so...che la rabbia spesso deriva da ferite che uno si porta dentro, ma mi domando...perchè l'altro debba sempre capire....ti faccio un esempio...proprio oggi ho scoperto che una donna dove lavoro..che è sempre scorbutica maleducata....ha una ragione profonda e terribile che la porta ad essere così...ora io non riuscirò più a guardarla e a giudicarla...come mi veniva prima facilmente...deprecandola....ma io penso a tutti quelli che non sanno niente di lei...e vedono solo la sua rabbia....sono tenuti a capirla??? perchè dovrebberò capirla??? quando lei stessa è chiusa...nel suo dolore..........e forse non lo comprende....

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati