Area Riservata

Poesie napoletane


poesia postata da: Irene Ascolese, in Poesie (Poesie vernacolari)

Poesia

Ansame'nto core
poesia doce e appassionata
puortame cu te
sotto'o sole cucento
p''e ritrovare st'anima insolente
ca vò essere p''e forza malamente.

Trasame'nto core
canzona scunsulata.
Poesia, ca rire strillata
ma invece te sento affiatata
poesia, ca chiagne disgraziata
te faie ogni iurno sempe cchiù arraggiata.
Composta
giovedì 29 novembre 2012


poesia postata da: Giulio Micheletti, in Poesie (Poesie vernacolari)
Pe na vorta me so detto,
vjo far er diverso,
me sento de apparì un gran signore
e na limosinne cor lo schioffiere me vojo prenotà.
Ho pensato, me vesto tutto stretto con un abito da elegantone
e un cappello me metto
e cor machinone vado pe Roma a far er signore.
Vojo sembrà er Marlon Brando d'asituazione.
Da via del corso me so detto, vojo arrivà ar colosseo
co l'aria der trionfatore,
vojo scenne a caracalla
con addosso sta farfalla
na farfalla messa ar collo
intonata ar colore della tapezzeria.
Prima de uscì me so guardatoe allo specchio rimirato
e de getto me so detto
"man do vai co sto vestito da farsone?
Er pascià nun te se addice,
invece de sprecà sta giornata
a far er deficente
ar luna park devi annà,
e con tu fjo dondolà.

poesia postata da: FRANK PATTO, in Poesie (Poesie vernacolari)

Ieri, oggi e domani

S' ier',  e duman,
invec d' tre parol'
ch' s'us. n' p. l temp'
s' pudess. r' aduprà
p. r bev' e p, r magnà,
al sup. rm. rcat'
c' saria sempr' la fila
p. r capà 'i giorni mej.

'L passat' è com 'l vin':
s'è vecchá 'ha valor'
e nt l'etichetta c'è stampat'
l'ann' ch'è imbuttjat;
'l pr. sente è com' 'l pan',
cott' e sfurnat'
e l futur' è 'n bell' ov
sa drenta 'na surpresa.

Chi pia l'ov' è fiducios'
e nun vol' d. lusion';
foss' finalmente'
qualca suddisfazion'!
Già, p. rchè 'l futur'
è com' 'n tern' al lott'
dipend' dal d. stin
ch' l'ha surt. ggiat'.

Invec' 'l pr'sent',
ch' saria 'l filon d' pan',
si armann nt la cr. denza
pudrebb' pia d' muffa.
Li stess succed' ma 'l vin'
si n'è ben cuns. rvat'
sigura s'infurtisc'
e serv' sol p. r cucinà

Se 'l vin' è duv. ntat' acet'
l' ov è andat' a mal''
e 'l pan' s'è muffit',
magari avem' sbaiat'
a gì al sup. rm. rcat'.
L'unica suluzion'
è campà ogni giorn'
senza curr dria ma 'l temp.

P. rché 'l temp' n' s'compra
e manch 's ' po' arvend';
com 'l pan' s' cunsuma,
e ognun' sa com' spend'.
Sp. ram' ch' duman'
la pulittica gambiass
e d'l temp' ch ' arman'
n'  faran' pagà l' tass'.

Traduzione: Ieri, oggi e domani
Se ieri, oggi e domani invece di tre parole che si usano per il tempo si potessero adoperare per bere e per mangiare, al supermercato ci sarebbe sempre la fila per scegliere i giorni migliori.
Il passato è come il vino, se è vecchio ha valore e nell'etichetta c'è stampato l'anno che è stato imbottigliato. Il presente è come il pane, cotto e sfornato e il futuro è un bel uovo con dentro la sorpresa.
Chi prende l'uovo è fiducioso e non vuole delusioni; ci fosse finalmente qualche soddisfazione!
Già perché il futuro è come un terno al lotto, dipende dal destino che ce l'ha sorteggiato. Invece il presente, che sarebbe il filone di pane, se rimane nella credenza potrebbe prendere di muffa. Lo stesso per il vino, se non è bene conservato sicuro si inacidisce e serve solo per cucinare...
Se il vino è diventato aceto, l'uovo è andato a male e il pane si è ammuffito, magari abbiamo sbagliato ad andare al supermercato. L'unica soluzione è vivere ogni giorno senza correre dietro al tempo.
Perché il tempo non si compra e neanche si può rivendere, come il pane si consuma e ognuno sa come spendere. Speriamo che domani la politica cambiasse e del tempo che ci rimane non ci faranno pagar le tasse.
Composta
martedì 13 novembre 2012

poesia postata da: Pamela Coppa, in Poesie (Poesie vernacolari)

Oh! Puzzaddu, puzzaddu miu

Oh! Puzzaddu, Puzzaddu miu,
quannu tà munduvunu tutta ma ricriu
ma no stissu tiempu mancustiu,
picchì piensu a comu ti porti lassari,
Puzzaddu, Puzzaddu miu.

AH! Ma quannu ti viegnu a truvari,
sientu u cori miu palpitari,
ri gioia e allegria, picchì tu si a vita mia.

Ah! Ma quannu arriva l'ura cà
minagghia ghiri, mi sientu muriri,
è nient'autru puezzu fare, ri viririti alluntanari,
tu ri chistu ma scusari, ma nun ti crirri cà chistu
è abbannunari, picchì iu cu ttia uegghiu stari e
mai ciù ti vuegghiu canciari.

Ora ti dedico, sti righi ri sta poesia
pì fariti capiri comu stagghiu senza i tia.
Composta
lunedì 5 luglio 2010
Dedica:
una poesia per il mio paese tanto a amato pozzallo

poesia postata da: Giulio Micheletti, in Poesie (Poesie vernacolari)

La responsabilità

Nun ce pensà,
nu te sta a penà.
Quello dice che er monno è fatto a strisce,
quell'artro invece è fatto a scale.
Poi se mormora che sta tera gira n'torno n'asse.
Ma se penne a destra o sinistra
l'umanità tutta se ne infischia.
Che je frega se la luna t'arza na marea
e se l'onna anomala annacqua na città intera.
Nun penà se l'atmosfera de smog
se riempita.
Che te frega se ce sta a callata,
tanto a casa l'aria ce l'hai condizionata.
Che te frega se oggi er sole
te manna i raggi infetti,
n'tanto tu te proteggi co l'occhiali, quelli neri.
Nun ce pensà se er terremoto nun t'avvertito
e tutto er paese se inghiottito.
Nun te preoccupà che tu omo
de sto monno strano sei solo,
in un corpo estraneo,
intanto Dio che te c'ha messo
per popollarlo
nun t'ha chiesto de preservarlo.

Fai pubblicità su questo sito »