Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: ziwanatejo
in Poesie (Poesie vernacolari)

Napule era

Annanz à na tazzulella e cafè
sentev a primma vota pe radio a vocia toja
mettette panne e creature ò sole
sciugliennese comme neve all'equatore.
Sta musica comme na femmena
e tu o saje comme fa ò core
trasette dint all'anema e int e vene.
Si state nu mascalzone latino
e pure all'ato munno, tu sarraje
ò musicante e chesta terra mia

Davanti ad una tazza di caffè
sentivo la prima volta per radio la tua voce
misi i panni e i bambini al sole
si sciolsero come la neve all'equatore.
Questa musica come una femmina
e tu lo sai come fa il cuore
mi entrò nell'anima e nelle vene.
Sei stato un mascalzone latino
e pure all'altro mondo tu sarai
il musicante di questa terra mia.
Composta lunedì 9 febbraio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ziwanatejo
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    A' pittata

    Vulesse esser nà tela
    pe guardà chill'uocchie tuoie
    ca se regnen e culure
    pe vasà chella vocca
    c'addeventa nu penniell
    pe te fa sbattere ò core
    quanno pitt chist'ammore.

    Vorrei essere una tela
    per vedere gli occhi tuoi
    che si riempiono di colori
    per baciare quella bocca
    che diventa come un pennello
    per farti sbattere il cuore
    quando dipingi questo amore.
    Composta lunedì 2 febbraio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      S. Antonio Abbate (17 Gennaio)

      C'è l'asino, c'è l'oca è 'n rituale:
      la pecora, er conijo, er cane er gatto
      si questa è 'na riunione e nun so matto
      voi vede ch'è 'na festa? E nun è male!

      Cor Santo accompagnato dar majale
      Antonio Abbate, poi pijànne atto
      benedice l'animali, detto fatto
      opre li balli puro ar Carnevale!

      Cerveteri fa festa e in processione
      pe' la Boccetta, inzieme ar Sacramento
      li carri vònno la benedizzione.

      Tera de Borghi antichi e de Frazzioni
      s'accenne de colori 'gni momento
      pe' fa' sortì poesia e tradizzioni!
      Composta sabato 17 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ziwanatejo
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        N'amico

        Si si nu vero amico,
        nun te 'mport si so troppo sincero
        o faccio ò malamente.
        Si si nu vero amico,
        nun me lasse sulo, si stong a stritt e vico
        e a furtuna passa.
        Si so nu vero amico, nun e avè mai appaura
        e pure quanno vai fujenne
        n'amico overo te capisce sempe.

        Se sei un vero amico, non ti importa se sono troppo sincero e mi comporto male.
        Se sei un vero amico
        non mi lasci solo se mi trovo alle strette
        e la fortuna passa.
        Se sono un vero amico, non avere mai paura
        e pure scappi
        un amico vero ti sa capire sempre.
        Composta giovedì 15 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta