Area Riservata

Poesie napoletane


poesia postata in Poesie (Poesie vernacolari)

la Morte

Quanno penzo a la morte a me me piace
immagginalla un maremmagna d'onne
de ciccia e de capezzoli de donne
dove ognuno s'anninna e ciuccia in pace.

Quando penso alla morte mi piace
immaginarla come un grande mare ondoso di (tenera) carne
e di capezzoli (generosi) di donne
dove ogni persona morta (dorme) fa la ninna ciucciando in pace.
Composta
lunedì 31 dicembre 2012
Riferimento:
La Morte non è altro che lo spegnersi di una candela mentre se ne accende un'altra, Così che la Luce della Vita duri consecutivamente in eterno.
Dedica:
Nota cristiana rivolta ad ogni Papa vissuto, che vive e che vivrà, lavorando per il cammino comune verso un mondo Migliore.


poesia postata in Poesie (Poesie vernacolari)

Il diluvio del Tempo

Come quanno passeggi in riva ar mare
la schiuma slarga, spiana e porta via
orme e penzieri lungo er bagnasciuga
così l'onna der tempo spazza in fuga
inghiottennole tutte in de la scia
storie de vita, amori e morti amare.

Allo stesso modo di quando passeggi in riva al mare
la schiuma dell'onda che infrange sulla sabbia si allarga, spiana la sabbia e cancella
le orme ed i pensieri lungo il bagnasciuga
così l'onda del tempo spazza in fuga
inghiottendole tutte nella scia
storie di vita, amori e morti amare.
Composta
venerdì 31 dicembre 1999

poesia postata da: Pietro Campioni, in Poesie (Poesie vernacolari)
I tenghe comme amiche nu signore
Ca quanno nun se fida e sta chiù sule
Accommenza'a parlà dinta o telefono.
Pronto... sei tu? Che fai? Pè caso stai pensanne
A chelle ca m'insonno, a chiù desiderata
che n'capa, mmieze a fronte a tengo già stampata?
Ueh ueh, signurì, fusseve asciute e capa,
v'avite a figurà che o tiempe è già passate
v'avesseve piglià currivo pe na questione e pile?
Avite arriflettute? N'sia mai ve capitasse
Nu piezze e bbona mamma... e vuje che ce cuntate
Ca'o fridde da staggione l'ave tutto arrugnate?
Amico mio arrepensace, sti curve accentuate,
e a cammenata nu poche antroppecosa vo dicere
ca cheste nun so cosee pe biecchie comme nuje.
I te canosco bbuone, te vutte sempe annanze
Pe no cadè adderete, pe datte n'apparenza
E chi se sente dicere... chi chille? È n'omme vissute.
tu me capisce bbuone? Primma ca sponta o sole
arritirammece mo mo ca ce conviene e cchiù.
Zitte, zitte, aumme aumme, strignenne sotto mure
Ce ne tornamme a casa ancora dinte o scure,
jamme, facimme ampressa, fra ppoco sponta o sole,
a chille ca c'encontra che palla raccuntamme?
Ca simme jute a piscà anguille? E chi so crederà?
Certo ca m'aricordo e quanno eràme rille
Ma chesta è nata cosa, mo stammece tranquille
Sinnò vene o fiatone e nce fottimmo o core,
chille ce serve ancora, ce serve pe campà.

Senza titolo
Io per amico ho un signore
Che quando vuole distrarsi un po'
Incomincia a parlare al telefono.
Pronto... sei tu? Che fai? Per caso stai pensando
all'oggetto dei miei sogni, la cosa tanto amata
che al centro della fronte ormai ce l'ho stampata?
Oh, oh cosa ti succede, cominci a dare numeri,
ti devi far capace che di tempo ne è trascorso
te la vuoi prendere tanto per una questione di pelo?
Cerca di riflettere, non sia mai ti capitasse
Una che sa il fatto suo.... Che cosa le racconti
Che il freddo di stagione te lo l'ha rimpicciolito?
Amico mio ripensaci, le curve prosperose come
l'ancheggiamento, non sono più per vecchi come noi.
Io ti conosco bene, ti butti sempre avanti
Per non cadere indietro, per darti un'apparenza così
quando si sente dire, chi quello? È un uomo vissuto.
Ascoltami, prima che spunti il sole
Ritiriamoci di fretta che è meglio per noi.
Di soppiatto, camminando aderenti al muro
Ritorniamo verso casa ancora con il buio,
svelto, facciamo presto, fra poco spunta il sole,
altrimenti a chi c'incontra che palle raccontiamo?
Che siamo andati per anguille? E chi ci crederà?
Anch'io ricordo di quando eravamo come grilli
Ma questa è un'altra cosa, adesso stiamo calmi
Altrimenti ci viene il fiatone e ci giochiamo il cuore,
quello ci serve ancora, ci serve per campare.
Composta
sabato 5 gennaio 2013

poesia postata da: rainbow, in Poesie (Poesie vernacolari)

Bolla de sapone

Lo sai ched'è la Bolla de Sapone?
l'astuccio trasparente d'un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe' fasse cunnalà come se sia
dall'aria stessa che la porta via.

Una farfalla bianca, un certo giorno,
ner vede quela palla cristallina
che rispecchiava come una vetrina
tutta la robba che ciaveva intorno,
j'agnede incontro e la chiamò: - Sorella,
fammete rimirà! Quanto sei bella!

Er celo, er mare, l'arberi, li fiori
pare che t'accompagnino ner volo:
e mentre rubbi, in un momento solo,
tutte le luci e tutti li colori,
te godi er monno e te ne vai tranquilla
ner sole che sbrilluccica e sfavilla.-

La bolla de Sapone je rispose:
- So' bella, sì, ma duro troppo poco.
La vita mia, che nasce per un gioco
come la maggior parte de le cose,
sta chiusa in una goccia... Tutto quanto
finisce in una lagrima de pianto.

poesia postata da: Gino Ragusa Di Romano, in Poesie (Poesie vernacolari)

Quannu t'incuntravu

Quannu t'incuntravu parravi cu alligria,
e iju, mutu, filici, ascutava vicinu a tia.
Ti pinzu e la vita mi pari tutta un ciuri;
ora, luntanu, sintu la musica e l'amuri.

Taliju Mungibiddu e lu mari sirenu,
ma lu cori l'haju vicinu a lu to senu.

Quannu mi salutasti, mi disti la manu
e lu to ciauru mi lu purtavu apprissu;
ora ca nun ci sì mi resta sulu chissu
e ddi jurnati ca nun passavu'nvanu.

Lu distinu nni lu munnu ioca l'omu,
ca, dispratu, senza pirchì né comu,
doppu ca di li beddi cosi s'innamura,
tanti voti resta affrittu e a la marmura.
Composta
lunedì 18 giugno 2012