Virgilio

Poesie napoletane


Scritta da: Enzo Di Maio
in Poesie (Poesie vernacolari)

Un mondo finto

Se vive na vita de finzione,
nu se po' turbà la pubblica opinione.

Allora eccome qua,
a recità na parte, e
prigioniero d'un sogno
mai realizzato.

La voglia d'esse me stesso
in un monno
che l'ha sempre rifiutato.
Composta venerdì 15 settembre 1978
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    La vecchiaia

    Quanno te stai a fa vecchio
    e te senti da fa un sonnecchio
    cerchi un modo pe riuscì a dormì.
    Te piazzi du cuscini sotto a li piedi
    e penzi così de nun soffrì!
    Ma quanno stai lì lì proprio pe sognà
    se sveja la vescica e dice:
    portame a piscià!
    Composta martedì 5 novembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Domani er monno sarà tuo

      Beato te, fjarello mio,
      domani tutto questo sarà tuo!

      Beato a chi, a Sor Maè,
      me sà che ve sbaiate
      le feste sò passate,
      se mai ce so state.

      Qui nun c'è più un quattrino
      manco pe comprasse un bruscolino.
      E nun sò nemmemo er solo a lamentamme,
      guardateve attorno
      c'è tutto un popolo in mutanne.,

      Di Beati, Sor Maè.
      è pieno er calendario,
      quelli che stanno in terra
      lo sò solo de nome, e con fatica
      sbarcano er lunario...

      L'unico Beato vero di cui abbia notizia,
      sta laggiù, ar Verano,
      vedo sempre la tomba sua
      quando vado a trovà mi zia Letizia.

      Dev'esse stao proprio felice
      grazie a Dio.
      La fine sua la vorrebbe fà puro io.

      Sulla lapide c'hanno scritto:
      "Camminò sempre dritto pe na vita,
      l'unica vorta che cascò ne fù felice
      e morì senza fatica,
      Schioppò de botto mentre
      se trombava na gran fica.".
      Composta sabato 2 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Come un chiodo nel cemento (il primo bacio)

        Amico mio, nun te la pià,
        lo sò, te senti a pezzi
        ma è un prezzo che se paga
        ai sentimenti.
        L'amore non e' infinito
        e la passione, che te sembra eterna,
        brucia in fretta.
        È come na lanterna.
        Se poi se tratta der primo ardore,
        embè, li so cazzi,
        er core te se spezza in mille pezzi.
        Lo strazio dura a lungo, anzi,
        nun avrà mai fine.
        Avrai altre esperienze,
        te sposerai e verranno i fij,
        ma nel core porterai sempre un tormento.
        Il primo bacio è come un chiodo
        ed è piantato nel cemento.
        Composta giovedì 31 ottobre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Franco Paolucci
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          La poesia

          La Poesia è un seconno "Firmamento"
          che sbrilluccica drento a le parole;
          'na sorta de Maggia che spanne ar Vento
          toni e sòni de viòle e de mannole.

          A paro all'Energia che viè dar Zole
          è un rigalo de Dio, ché ner momento
          che pò intristicce tutto quer che dòle
          'st'Arte te risolleva er Sentimento.

          Dà baci! E ogni bacetto è na finezza
          rigalata da labbra musichiere
          che sprofumeno l'aria de purezza.

          chi rima canta "sgarri" e "verità".
          E sibbè ogni poeta sii un paciere
          la Poesia è protesta in libbertà!
          Composta domenica 7 luglio 2013
          Vota la poesia: Commenta