Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Lella Frasca
in Poesie (Poesie vernacolari)

Cronaca de Natale

La gente campa co li vivoli 'n saccoccia
usata da na cricca de fjii de na mignotta
che co la scusa de fa politica sociale
s'è 'mbertata li sordi nostra pe mezzo der senzale
Sto monno è fracico: nun cè più morale,
s'affanna anche Francesco a gridà dar Sacro Papale:
chi mòre, chi ammazza, chi scippa e chi sta male,
'gni giorno na crònica ar teleggiornale.
Le famije vanno sempre giù in discesa
che pe pagà e tasse nun fanno manco più la spesa:
l'Imu, l'Iva, l'Irpef, Tasi e Tari,
vai sempre sotto e nun stai mai alla pari.
Propprio pe questo ce chiàmano "er monno de sotto"
perché 'nmezzo ce sta er balordo ghiotto
e a quello de sopra sempre lui, er politico corotto.
Er premìer ce vole tutti giovani e contenti
e ce ricconta che lavora SOLO cor governo ai "cambiamenti"
mesà che sè so tutti come a riforma dell'lavoro
stai fresco ad aspettà che a merda se trasformi in oro.
Er Popolo è stremato e pure un po' 'ncazzato
e t'ha riempito e piazze assieme ar sindacato,
se poi a le votazzioni er seggio ha disertato,
occhio a sottovalutallo quanno se sente trascurato.
Sto monno è marcio, nun cè più morale,
speriamo che a ridajela stavorta ce penzi er Tribbunale:
nun è mica nà cazzata, er fatto è propprio grave,
qua se fa morì a gente co n'servaggio malaffare.
La pena à da esse dura e assai severa
ogni Romano onesto li vole vedè ammuffì tutti 'ngalera.
Stavorta nun ce stamo a fa sempre li cojoni
e pe chi governa "zozzo" so già pronti li schiaffoni.
Volevamo un Natale in santa pace
ma co tutte ste tristezze st'anno propprio nun ce piace.
Pure Re Giorgio scappa e lascia la portrona,
speriamo che stavòrta, armeno sia la vòrta bbona,
a mettece na bella pezza su sta strana umanità
co USA e CUBA er miracolo l'ha fatto Santità!
Questo è er solo vero cambiamento
che dona un Natale de Amore e de pace a tutto er firmamento!
Auguri Monno.
Composta venerdì 19 dicembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Cangiano
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    'O miracolo da' vita

    È 'a vita ch'è accussì
    tu 'lle dice:
    "A cchisto punto,
    je vulesse tanta gioia"
    essa risponne:
    "Pecché nò,
    ma nu' poco ja suffrì"
    "So' d'accordo, si, va bene,
    basta ca' ne val''a pena".
    'E dulore, 'e chiante, 'e strille,
    certo, 'o parto è doloroso,
    po' t'astrigne 'o piccerille
    e te passa tutte cose.
    'Sti dduje uocchie,
    'stu nasillo
    'a vucchella
    e 'ste manelle…
    è 'o miracolo da' vita
    nu' 'nce stà niente cchiù bello.
    Grazie vita, doppo tanto
    finalmente 'a gioia è arrivata
    e ha portato n'ata vita,
    nun me serve niente cchiù.
    Composta sabato 29 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alessandro Lemucchi
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      La gioventù der core

      La vita è proprio strana ciò er core
      che nu la smette de fa er pazzo
      e c'è manca solo che me metta strappà
      li petali de 'n fiore
      però c'è da di che dentro a sta cosa
      io ce sguazzo.
      Se po' all'età mia 'nnamorasse
      come 'n regazzino?
      Er destino c'ha messo lo zampino
      e se sta a pia "na burla
      vò da la passione famme consumà
      pe" giocamme quarche scherzo strano.
      C'è sta 'na pischella ch'è nata
      sotto er sole campano
      all'ombra der Vesuvio
      che da "n po" che se beccamo
      è 'na donna de le più sincere
      e quanno me racconta nu me dice t'amo
      ma se sente che quarcosa prova
      me sta a diventà 'n chiodo fisso
      tanto che me so ringalluzzito
      perché se 'nteressa a uno come me
      che de certo nu né 'n Casanova.
      'Nu me pare vero
      guardo li fiji mia e me domanno
      ma a l'età mia ce se po' 'nnamorà a sto modo
      so loro che deveno perde la testa
      che c'hanno l'età pe' fa ste cose
      de corre appresso alle regazze
      io ormai so' attempato er tempo mio l'ho fatto
      e si poi me sbajo e nu è vero
      e che tutto 'n firm che me so fatto io
      nu so se ce la faccio a ripiamme da la botta
      e mejo lassa perde che sti giochi "nu so più pe" me.
      Ma poi er telefono squilla
      e er core sar'impenna
      sento la pischella che me parla
      e co' 'na voce doce come er miele me dice
      "cucciolo come stai"
      e io me squajo come 'n regazzino alla prima cotta.
      Che devo dì nu lo so.
      So solo che quanno 'na donna a 'n'omo
      je pia la mente pe l'omo nu' c'è più speranza
      l'ama e basta.
      Vota la poesia: Commenta