Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gianluca Cristadoro
in Poesie (Poesie vernacolari)

L'agnolo custode

All'agnolo custode
che Iddio me dette 'n dote
je vorzi dije chiatto
che stavo a uscinne matto

cercanno dappertutto
cor freddo e coll'asciutto,
pe' mari, monti e anfratti,
fra sorci, cani e gatti.

"Andove t'annisconni?"
Je urlai co' tutto er core.
"Perché nun ma risponni?
Me dichi si stai fori?

O ppuro drento casa
cercanno quarcheccosa,
de sotto o nell'armadi
o stai a gioca' coi dadi?

C'ho vote le saccocce,
lavoro nun se trova.
Mi moje rompe l'ova
e riempie de fregnacce.

No scherzo der cervello
o 'n zogno ad occhio aperto?
Lo sguardo arzanno sverto
vedetti capoccello.

Da nuvola se sporze
e sbadijanno arquanto
ste frasi me rivorze:
"Chi è che strilla tanto?

Nun vedi che riposo,
è fermo sindacale.
E' sciopero che sposo,
qui stamo tutti male.

Ner tempo ch'è passato
de agnoli era zzeppo,
c'ognuno santo è stato
ma mo s'è perzo er ceppo!

Ormai qui er celo è tetro
semo agnoli ammalati
e a troppi disgraziati
dovemo staje dietro.

Ma tu che te lamenti
e ggnente da fa' c'hai,
nun è che te la senti?
Na mano me la dai?

Der santo nun c'hai stinco
nun devi preoccupatte.
Io l'artri li convinco,
Tu inizzia a preparatte! ".

Sentenno st'orazzioni,
grattati li scongiuri,
penzai che i tempi duri
in fondo erano bboni.

Poi senza fa' rumore
me misi drento a lletto
e ar mio piu' dorce amore
je sussurrai 'n bacetto.

--------------------------------------------

All'angelo custode che Dio mi donò
volli dire chiaramente
che stavo diventando matto

cercandolo dovunque
al freddo e con il caldo
per mari, monti e luoghi angusti
fra topi, cani e gatti.

"Dove ti nascondi?"
Gli urlai con tutto il cuore.
"Perché non mi rispondi?
Mi dici se stai di fuori?

Oppure dentro casa
cercando qualche cosa,
di sotto o negli armadi
o stai giocando con i dadi?

Ho le tasche vuote,
lavoro non si trova.
Mi moglie è seccante
e mi riempie la testa di sciocchezze.

Forse uno scherzo della mente
o forse un sogno ad occhi aperti?
Sta di fatto che alzando prontamente lo sguardo
vidi una testolina.

Si sporgeva appena da una nuvola
e sbadigliando non poco
mi si rivolse dicendo:
"Chi è che strilla tanto?

Non vedi che riposo,
Oggi e' giornata di sciopero sindacale.
Ed è uno sciopero che condivido.
Qui da noi c'è un malessere generale.

Nel tempo che è  passato
di angeli era pieno,
anche perché ognuno di loro in terra è stato un vero santo,
ma ormai sembra che i santi si siano estinti!

Ormai qui l'ambiente è tetro,
siamo tutti angeli sofferenti
e malgrado cio' ci tocca soccorrere
tanti sventurati come te.

Ma tu che ti lamenti
e non hai nulla da fare,
non è che te la senti
di darmi una mano?

Non sei certo uno stinco di santo
ma di questo non devi preoccuparti.
Io gli altri posso convincerli.
Tu pero' intanto inizia a prepararti! ".

Sentendo questi discorsi,
fatti i dovuti scongiuri,
pensai che in fondo i periodi difficili
non erano poi così male.

Poi senza far rumore
mi infilai a letto
e al mio dolce amore
sussurrai un bacio.
Composta venerdì 11 settembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: blackpat
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Dedica romana

    Passeggiando pe'r quartiere a'ndo so nata,
    io me sento sempre un po' emozionata.
    E si che è 'n quartiere rinomato
    che tanti poeti illustri ci ha lasciato.
    e puro si nun è come 'na vorta
    Trastevere l'onor de Roma ancora porta.
    Così, camminando pe 'na via,
    me torni in mente te, nonnetta mia,
    che c'eri nata e che me raccontavi
    de tutto quanto quello che facevi.
    Tant'è che oggi, nu me serve da chiede
    potrei conosce piazze, chiese e pietre.
    E quanno m'appare quella piazza
    che c'ha quer nome tanto nominato,
    me torna come un flash ner costato
    come facessi un sarto ner passato;
    se chiama PIAZZA SAN COSIMATO
    e come a un cane, me se risverglia un fiuto
    ce fossi te nonnetta, ad esseme d'aiuto!
    Ched'è st'odor che m'è salito?
    che, sto ricordo un po' sopito,
    che tutti 'an tratto me lascia sgomentato?
    Senza sapello giro pe' na via,
    GIACOMO VENEZIAN, l'insegna porta,
    ma qui ce stava la casetta mia!
    Sotto ar GIANICOLO, a tiro de cannone,
    quer lampo de 'n'aiola co ' n cancello
    c'aveo solo tre anni e questo è er bello,
    der ricordo d'un poro topolino
    che sotto a li carzoni a mi fratello
    lo fece core come un lancio de martello.
    Ma quella casa oggi "n ce sta più
    me lo dicesti tu nonna: "L'hanno demolita"
    eppure io continuo a guarda su,
    verso le mura come inebedita.
    Quanto vorei ce stassi ancora tu
    pe raccontatte com'è cambiata a vita,
    ma forse ce sei, me guardi da lassù
    e te sei accorta che me sò invecchiata,
    che me sento un pò, com'eri tu,
    quasi se in me, tu te fossi rincarnata.
    Però me resta dentro quarcosa che un me spiego,
    che so 'na rabbia, na frustazione,
    de nun poté torna un pezzetto indietro
    pe' raccontattela tutta st'emozione.
    Cos' te pio pe mano cor pensiero
    e te riporto co' me ndo semo nate,
    fa piano nonna, nun coremo
    a core c'ha pensato er tempo, che c'ha buggerate.
    Composta lunedì 24 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Cafasso
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      È terra mia

      È terrà mia
      Inchiodàt cu e' dita
      sòpr a' terrà dei fuochì ra' vità,
      l sentimm comm o' vento
      ìl trascorrèr ro' tempo.
      Ancoràt e abbandonati,
      siàm fori ad aspettarè
      ch nata vota ci può amare.
      Nòn vulimme bruciarè
      impariàm a navigare
      aspettànd primaverà.
      C chiediàm poì, dov"era
      quèll terrà felice
      decantàt dai poetì.
      S o' cuòr ancòr ci dicè
      d guardàr oltré e' stelle,
      saràn lorò, propeto quellè
      condùrc into calorè
      d nu' immèns nuovò solè,
      ch ci scaldì poi e' dita
      còn o' raggiò ra' vità.
      Composta mercoledì 21 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta