Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Gianluca Cristadoro
in Poesie (Poesie vernacolari)

Er pavone

Er satanasso se rivorse a me e me disse:
"Tu te credi de me d'esse più bbono, de core e de faccia.
D'esse spavardo e de fegheto avecce.
Ma stamme a senti': Tu sei bbono sortanto
a anna' 'n giro a fa' er pavone,
a cerca de fatte 'na reputazione,
a fa' crede all'artri che sei er mejo.
Che nun te serve gnente e che da solo poi anna' avanti.
Che nun vivi de nostargia e de rimpianti.
Che co' la ggente ce sai fa'.
Che conosci er monno e che a tutto poi arriva'.
Bravo! Te meriti n'applauso.
Tutti" n piedi a osanna "er campione.
Noi pori cristiani miseracci,
vestiti co' le toppe e 'n po' de stracci.
Noi a urlatte tutti 'n coro - Li m***acci! -".
Composta lunedì 17 febbraio 2014
Vota la poesia: Commenta
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Un bel insònio

    Un bel insònio

    Te vedo putela
    ta un prà tut fiurì,
    e 'l sol alt del dì
    te fa 'ncora più bela.

    Fior ta i fiori,
    ziel de l'aurora
    'l sol te indora
    ta quei colori.

    E come farfala
    i fiori te invita,
    ti fior, che la vita
    'l sol te regala.

    ...

    Slongo le man
    su quel viso indorà,
    ma quel fior insognà
    smamisse pian... pian.

    Un sogno bello -  - Ti vedo bambina / in un prato tutto fiorito, / e il sole alto del giorno / ti fa ancora più bella. // Fiore tra i fiori, cielo dell'aurora / il sole ti indora / tra quei colori. // E come farfalla / i fiori ti invitano, / tu fiore, che la vita / il sole ti regala. //... Allungo le mani / su quel viso indorato, / ma quel fiore sognato / svanisce nel nulla. //.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Scusate se ce stò pur'io!

      Er problema che se pone
      nun è quello de stà ar monno,
      ma de vive, è differente,
      tiello presente,
      perché stà sicuro
      che puro che te magni du facioli solamente,
      rompi li cojoni a tanta gente.

      Nun è perché sei te,
      che sei no stronzo, oppure c'hai peccato,
      nò, la colpa tua
      è solo quella d'esse nato.

      Ognuno pensa che intorno a lui
      nun c'ha da cresce niente
      È solo suo er creato,
      pe tutto er resto, ahò
      me sa che lassù quarcuno s'è sbajato.

      Puro n'passeretto adè n'abusivo,
      nun ce po' stà
      e adè perseguitato.
      Vive su n'arbero, manco se vede,
      eppure è un malandrino.
      T'ha cacato sur tettino,
      nun c'è scusante,
      dev'esse condannato!
      Mortacci sua,
      e puro di chi l'ha generato.

      Stà vita è un gran casino,
      vorresti sempre fosse notte,
      nun dovette arzà ar mattino,
      affrontà n'artra giornata,
      che passa puro lenta,
      e tutt'attorno è na stronzata.

      Se vive n'eterno carosello
      dove ner cranio nessuno c'ha er cervello
      ma ragiona male, e coll'ucello.
      Composta domenica 16 febbraio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        San Valentino

        "San Valentino te'l sai,
        io t'parl'da innamorat'
        e n'succ. dess'mai
        ch'd'te m'sò scurdat'..
        Sò andat'dal fiurai
        ch'm'ha cunf. ziunat'
        i fiori più sp. ciai
        e l'ho anch'ringraziat'.
        Po' in bici tra'l via vai,
        anch'p'r fa dò sp. dalat',
        ma ho cubinat" n guai
        e sti fiori ho ciancigat'.
        M'sò dett': – adè co fai?
        O arvagg'al m. rcat'
        p'r cumprà dò fiori uguai
        o m'artorn'rass'gnat'.
        E ma la moj po' cò j dai?
        Te già t'eri imp. gnat'
        e, se'i fiori nun ci hai,
        J dirai ch'n c'hai p. nsat'.
        Valentino, nun sia mai
        'l discors'è cumplicat':
        te da espert'nun l'sai
        se io sarò giustificat'?
        St'fattač č ', lia urmai
        t"n deta l'ha l'gat'
        e com'adè te t'accurğ. rai
        sol', in bici s'ho muntat'!

        Traduzione: San Valentino

        San Valentino tu lo sai
        io ti parlo da innamorato
        non succedesse mai
        che di te mi sono scordato.
        Sono andato dal fioraio
        che mi ha confezionato
        i fiori più speciali
        e l'ho anche ringraziato.
        Poi in bici tra il via, vai
        anche per fare due pedalate,
        ma ho combinato un guaio
        e questi fiori fiori ho acciaccato.
        Mi sono detto: - Adesso cosa fai?
        O rivado al mercato
        per comperare due fiori uguali
        o mi ritorno rassegnato.
        E alla moglie cosa le dai?
        Tu già ti eri impegnato
        se i fiori non ce li hai
        le dirai che non ci hai pensato.
        Valentino, non sia mai
        il discorso è complicato
        tu da esperto non lo sai
        se io sarò giustificato
        Questo fattaccio, lei oramai
        ad un dito lo ha legato
        e come ora ti accorgerai
        solo, in bici sono montato!
        Composta venerdì 14 febbraio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gianluca Cristadoro
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          'Na pupa 'ncocciata

          A 'na pupa ‘ncocciata pe’ quer freddo che rodeva
          je vorzi di' 'n ber ggiorno che tanto me piaceva,
          e che quer muso lungo da la capoccia a tera,
          pe' laghi, mari e monti più mejo nun ce n'era.

          Pe' gnente io la cagno, ne' ori o lussi arquanti,
          perchè c’ho drento ar core de desideri tanti,
          perchè nun posso vive de pianti e de tristezze
          nè d'artre pupe affatto guardanno le bellezze.

          Alla mia pupa 'nvece je vojo dì 'na cosa:
          me piacerebbe tanto de prennete pe' sposa.
          Ma er tempo nun è ggiusto, de certo nun conviene
          e 'ntanto me consolo volendoje più bene.




          Ad una ragazza raffreddata per quel freddo che mordeva
          volli dire un bel giorno che tanto mi piaceva,
          e che anche cercando per laghi, mari e monti,
          non avrei trovato un volto più bello del suo.

          Per nulla io la cambierei, né ori, né lussi di alcun genere,
          perché dentro il cuore ho tanti desideri,
          perché non posso vivere di pianti e di tristezze
          né guardando di altre ragazze le bellezze.

          Alla mia ragazza invece voglio dire una cosa:
          mi piacerebbe tanto di prenderti per sposa.

          Ma non è ancora il momento giusto, di certo non conviene
          e intanto mi consolo volendole più bene.
          Composta sabato 5 settembre 1998
          Vota la poesia: Commenta