Area Riservata

Poesie napoletane


poesia postata da: Gino Ragusa Di Romano, in Poesie (Poesie vernacolari)

Quannu t'incuntravu

Quannu t'incuntravu parravi cu alligria,
e iju, mutu, filici, ascutava vicinu a tia.
Ti pinzu e la vita mi pari tutta un ciuri;
ora, luntanu, sintu la musica e l'amuri.

Taliju Mungibiddu e lu mari sirenu,
ma lu cori l'haju vicinu a lu to senu.

Quannu mi salutasti, mi disti la manu
e lu to ciauru mi lu purtavu apprissu;
ora ca nun ci sì mi resta sulu chissu
e ddi jurnati ca nun passavu'nvanu.

Lu distinu nni lu munnu ioca l'omu,
ca, dispratu, senza pirchì né comu,
doppu ca di li beddi cosi s'innamura,
tanti voti resta affrittu e a la marmura.
Composta
lunedì 18 giugno 2012


poesia postata in Poesie (Poesie vernacolari)
"SÌ" E "NO"!
Ce sò du' parolette corte, corte,
che sò le più importanti de la vita,
sò ar bivio tra 'na Scesa e 'na Salita
confuse ne le nebbie de la morte.
'Sta voce doppia è incisa su le porte
d'ogni passaggio umano. A vorte invita
ar Sacrificio; e, spesso, a fà 'na gita,
bendato, a cavacecio de la sorte.
Mentre vai, pòi incontracce la Scarogna
o la Fortuna: du' pajacce ar Monno
che te metteno in "Trono" o su la gogna!
Ma quanno ariva l'ora der supplizzio,
li "Sì" e li "No" c'hai detto sò, all'infonno,
la storia tua che resta e va in Giudizzio.
Composta
martedì 3 maggio 2011
Dedica:
ad ogni essere pensante che si domanda quale funzione abbia mentre vive

poesia postata da: marcogino, in Poesie (Poesie vernacolari)
C'è chi dice che la casa è er focolare e giù a tesse de questa lo sperticato encomio,
perché ce poi tornà nelle giornate amare, ma a me la casa me pare un manicomio:
ché quando provi a fà quarcosa c'è sempre na vocina che te dice tosto: nun è questa l'ora giusta nun è questo er posto;
ma quando sarà mai l'ora giusta quando sarà mai er posto adatto? Quando dalla casa me ne esco muto e se me tocchi senti freddo ar tatto?
Certto questo è un pensiero assai narciso (manco poco!) Che de gran lunga è mejo fa un soriso e guardà avanti, anzi, che dico ad adesso, che se te cacceno dalla cucina,
poi sempre fa quarcosa dentro ar cesso.

poesia postata da: Giulio Micheletti, in Poesie (Poesie vernacolari)
Non credo più a quello che er poeta ha detto,
tutti sti gran scrittori dè pensieri non rimano più
pè raccontà la storia della vita.
Se infurbiscono co li paroloni
de nà ghirlanda dè emozioni,
non guarniscono più le canzoni
non entrano più nel canto dell'usignolo
pè fischià un motivo dè ribbellione.
Saranno puro letterati
ma della vita e della gente
nun né sanno gnente,
è l'esperienza che je manca a sti pennini
per marrà le situazioni.
L'inchiostro che ora useno sé sbiadito
e de un colore piatto er fojo a riempito.
La poesia, nà vorta,
era un vanto, non tanto pè l'autore
ma per povero lettore
che portava in gloria er canto
e trovava er coraggio dè camminà da eroe.
Riferimento:
All'umiltà persa.
Dedica:
Ai grandi poeti cui l'umiltà li ha fatti grandi.

poesia postata da: Irene Ascolese, in Poesie (Poesie vernacolari)

Poesia

Ansame'nto core
poesia doce e appassionata
puortame cu te
sotto'o sole cucento
p''e ritrovare st'anima insolente
ca vò essere p''e forza malamente.

Trasame'nto core
canzona scunsulata.
Poesia, ca rire strillata
ma invece te sento affiatata
poesia, ca chiagne disgraziata
te faie ogni iurno sempe cchiù arraggiata.
Composta
giovedì 29 novembre 2012