Area Riservata

Poesie romane


poesia postata da: bea-flando, in Poesie (Poesie vernacolari)

Malagenti

M’arricuordu chi dicjenu antichi
“u pisci fete sempe d’a capu”
“u cani muzziche a lu strazzatu”.

Malagenti cangianu i vesti
vecchje ku li novi ma sempe
u curtiellu d’u manicu si trovæ
ku a punta nganna tagliæ puru u jatu.

I. puozza piglià a neglia
M.U. all’istante – iju ntramenti
cu nu diploma formativo in ambito sociale
fazzu a fami ntra neglia i Milano.
Duj cammeri e cucina
quaranta metri quatri cchjù nu cessu
scuru senza sfiato fa quarantunu.
in sette a fine mese
dividiamo le spese
di fitto e condominio:
pulizia delle scale
spazzatura
ascensore
acqua, luce, gas
asfissia totale
c’è da pagare l’i.M.u.
per la seconda casa la mia
affaccia a mare – è un bene di famiglia –
si trova di rimpetto alla Fata Morgana.

Mala gente
(traduzione)
Mi ricordo i detti antichi
“il pesce puzza dalla testa”
“il cane morde sempre lo straccione”.

Mala gente cambia i vestiti
vecchi con i nuovi ma sempre
il coltello dalla parte del manico si trova
la punta nella gola toglie anche il respiro.

lI. possa disperdere la nebbia
M.U. adesso – all’istante
intanto col diploma formativo in ambito sociale
faccio la fame nella nebbia di Milano.
Due camere e cucina
quaranta metri quadri e un cesso scuro
senza sfiato fa quarantuno.
in sette a fine mese
dividiamo le spese
di fitto e condominio:
pulizia delle scale
spazzatura
ascensore
acqua, luce, gas
asfissia totale
c’è da pagare l’i.M.u.
per la seconda casa la mia
affaccia a mare – è un bene di famiglia –
si trova di rimpetto alla Fata Morgana.


poesia postata da: bea-flando, in Poesie (Poesie vernacolari)

Rìspunnimi Signuri – a firma mia è Maria

Rìspunnimi Signuri
kuntàli i chiamate perse
u numero u tiegnu sempe a mente.

Rìspunni a kista
littera chi scrivu
cu na pinna
scippata a n'ala
i l'angelu custode.

A firma mia è Maria
tu sì u patriternu
di lu figliu miu.

Si sì cristianu
fa' testimunianza
venèngi a lu pruciessu
jiè vrigogna
si pedi e mani
doppu nci su cjunki.

Signuri, no sì venutu! allura
ti addummannu: – i sordi
Giuda
à dati a lu diavulu, o a tia?




Rispondimi o Signore
conta tutte le chiamate perse
il numero è sempre nella mente.

Rispondi a questa lettera,
o Signore,
la scrivo con la penna
strappata a un'ala
dell'angelo custode.

La mia firma è Maria
tu sei il padreterno
del figliuolo mio.

Se sei cristiano
fa' da testimone
vieni al processo
è una vergogna
se a mani e piedi poi
mettono i chiodi.

Signore, non sei venuto! allora
ti domando: – i soldi
Giuda
li consegnò a te, o al demonio?

poesia postata in Poesie (Poesie vernacolari)

la Morte

Quanno penzo a la morte a me me piace
immagginalla un maremmagna d'onne
de ciccia e de capezzoli de donne
dove ognuno s'anninna e ciuccia in pace.

Quando penso alla morte mi piace
immaginarla come un grande mare ondoso di (tenera) carne
e di capezzoli (generosi) di donne
dove ogni persona morta (dorme) fa la ninna ciucciando in pace.
Composta
lunedì 31 dicembre 2012
Riferimento:
La Morte non è altro che lo spegnersi di una candela mentre se ne accende un'altra, Così che la Luce della Vita duri consecutivamente in eterno.
Dedica:
Nota cristiana rivolta ad ogni Papa vissuto, che vive e che vivrà, lavorando per il cammino comune verso un mondo Migliore.

poesia postata , in Poesie (Poesie vernacolari)

Il diluvio del Tempo

Come quanno passeggi in riva ar mare
la schiuma slarga, spiana e porta via
orme e penzieri lungo er bagnasciuga
così l'onna der tempo spazza in fuga
inghiottennole tutte in de la scia
storie de vita, amori e morti amare.

Allo stesso modo di quando passeggi in riva al mare
la schiuma dell'onda che infrange sulla sabbia si allarga, spiana la sabbia e cancella
le orme ed i pensieri lungo il bagnasciuga
così l'onda del tempo spazza in fuga
inghiottendole tutte nella scia
storie di vita, amori e morti amare.
Composta
venerdì 31 dicembre 1999

poesia postata da: Pietro Campioni, in Poesie (Poesie vernacolari)
I tenghe comme amiche nu signore
Ca quanno nun se fida e sta chiù sule
Accommenza'a parlà dinta o telefono.
Pronto... sei tu? Che fai? Pè caso stai pensanne
A chelle ca m'insonno, a chiù desiderata
che n'capa, mmieze a fronte a tengo già stampata?
Ueh ueh, signurì, fusseve asciute e capa,
v'avite a figurà che o tiempe è già passate
v'avesseve piglià currivo pe na questione e pile?
Avite arriflettute? N'sia mai ve capitasse
Nu piezze e bbona mamma... e vuje che ce cuntate
Ca'o fridde da staggione l'ave tutto arrugnate?
Amico mio arrepensace, sti curve accentuate,
e a cammenata nu poche antroppecosa vo dicere
ca cheste nun so cosee pe biecchie comme nuje.
I te canosco bbuone, te vutte sempe annanze
Pe no cadè adderete, pe datte n'apparenza
E chi se sente dicere... chi chille? È n'omme vissute.
tu me capisce bbuone? Primma ca sponta o sole
arritirammece mo mo ca ce conviene e cchiù.
Zitte, zitte, aumme aumme, strignenne sotto mure
Ce ne tornamme a casa ancora dinte o scure,
jamme, facimme ampressa, fra ppoco sponta o sole,
a chille ca c'encontra che palla raccuntamme?
Ca simme jute a piscà anguille? E chi so crederà?
Certo ca m'aricordo e quanno eràme rille
Ma chesta è nata cosa, mo stammece tranquille
Sinnò vene o fiatone e nce fottimmo o core,
chille ce serve ancora, ce serve pe campà.

Senza titolo
Io per amico ho un signore
Che quando vuole distrarsi un po'
Incomincia a parlare al telefono.
Pronto... sei tu? Che fai? Per caso stai pensando
all'oggetto dei miei sogni, la cosa tanto amata
che al centro della fronte ormai ce l'ho stampata?
Oh, oh cosa ti succede, cominci a dare numeri,
ti devi far capace che di tempo ne è trascorso
te la vuoi prendere tanto per una questione di pelo?
Cerca di riflettere, non sia mai ti capitasse
Una che sa il fatto suo.... Che cosa le racconti
Che il freddo di stagione te lo l'ha rimpicciolito?
Amico mio ripensaci, le curve prosperose come
l'ancheggiamento, non sono più per vecchi come noi.
Io ti conosco bene, ti butti sempre avanti
Per non cadere indietro, per darti un'apparenza così
quando si sente dire, chi quello? È un uomo vissuto.
Ascoltami, prima che spunti il sole
Ritiriamoci di fretta che è meglio per noi.
Di soppiatto, camminando aderenti al muro
Ritorniamo verso casa ancora con il buio,
svelto, facciamo presto, fra poco spunta il sole,
altrimenti a chi c'incontra che palle raccontiamo?
Che siamo andati per anguille? E chi ci crederà?
Anch'io ricordo di quando eravamo come grilli
Ma questa è un'altra cosa, adesso stiamo calmi
Altrimenti ci viene il fiatone e ci giochiamo il cuore,
quello ci serve ancora, ci serve per campare.
Composta
sabato 5 gennaio 2013

Fai pubblicità su questo sito »