Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rosa Triglia
in Poesie (Poesie vernacolari)

Ammor o'ver

Me vuò lassà? Te ne vuò j?
Nun cangn nient pe me
pur ca nun t'ved
pur ca sparisc pe semp.

O'vuò capì ca ammor ca io sent
e prov pe te nun fernesc mai?
E pegg d'o mar senza funn
pegg da luce e tutt e stell.

Si ò sciat è chest vita mia
si ammor ò ver...
e ammor ò ver nun sparisc a cumand
pur ca nun po esser vissut.

D'int o cor mio nun c'è sta sul o nido
comm sto io d'int ò tuoio
o nido è fragile
se po' distruggere co tiemp.

D'int ò cor mio tu c'è fatt
nu palazz... nu castiell...
ca nisciun...
manc'o tiemp o po' abbuccà.

E mò scappa... scuordit pur è me
comm si nun m'aviss mai n'cuntrat,
pe me riest... è sarai pe semp...
ammor mio... ammor ò ver.!
Composta domenica 5 giugno 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Cangiano
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    'Ll'uovò e Pasca

    “Je chist’anno dint’all’uovo
    nun ce voglio ‘na sorpresa
    ma cchiuttosto n’ata cosa
    me putesse fa’ cuntento.”
    “Ma che dice? ‘ll’uovo ‘e Pasca
    È fatt’apposta p’a sorpresa,
    tu l’arape e dinto truove
    quacche cosa cà nun t’aspiette.”
    “e chesta è ‘a paura mia!
    Si po’ doppo nun me piace
    stà sorpresa l’aggia jettà!
    Sai che dico, cara mia,
    lassammo perde ‘a fantasia
    no chist’anno, ma pe’ sempe
    dint’all’uovo, voglio a tè!"
    Composta domenica 5 aprile 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fabio Piscicelli
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Le foje d'autunno

      Er fascino delle foje d'autunno nun sta solo
      nei colori, che siano gialli sbiaditi,
      bruni arrostiti o rossi infocati,
      ma forse anche nell'aspirazzione
      che pure noartri, come l'arberi,
      potemo ogni anno liberacce dalle scorie
      e dalle brutte memorie
      e fa' così con grazia,
      se nun propio malinconica bellezza,
      pe' rinverdi' poi a primavera,
      crescendo verso er cielo e coi piedi pe' tera.
      Vota la poesia: Commenta