Questo sito contribuisce alla audience di

in Poesie (Poesie vernacolari)

'A zeppola

Annanza 'a vetrinetta d'a pasticceria
nce stanne dduje signure allicchettate
me parene milord decaduti a vossignoria
è na' mez'ora e niente hanno accattate

la loro riflessione verte sulle zeppole
chell' 'e San Giuseppe per capirci
c'è chi dice ca' son meglio quelle frittole
e chi del forno ne farebbe dei capricci

Sai mio caro amico fedelissimo
le zeppole fritte son la delizia del palato
ma no amico mio carissimo
quelle al forno son le prelibate

E' mez'ora ca senza pruvà discuteno
io mo' lle rico qual è 'o penziero mio
ca' si vo capì capisceno
sinnò mo' levo 'o sfizzio a modo mio

Scu-usato se m'i-i-introme-e-etto
senza-a-a chieder' 'o pe-permesso
m'a-a-annanz' 'a chesta ve-e-etrinet-ta
rimango amma-ma-malucco e fes-so

la vo-ostra osse-e-ervazio-one
è pri-iva di ogni ef-fetto,
si nun pru-uvato nun teni-ite co-ognizi-ione
com-me penza-ate d'es-sprimere il co-oncetto

me guardene comme pe dì chi è costui
che s'intromette nei pensieri nuosti
mica gli abbiamo dato canzo a lui
noi di nobbile casata imposta

ma io nun facette caso a la taliata
e a loro n'ata vota m'arrivulgette
cu' sta parlata mia nu' poco 'ncacagliata
nzinganno 'o bene 'e Ddio dint' 'a vetrinetta

A-avita sapè-è na cosa mi-iei si-ignori
ch' 'a zep-pola in o-ogni caso si-ia
'o fu-urno o fri-it-ta in olio vero
rignu-uta pur' 'e-e crema da pa-atic-ceria

re-estar-rà se-empe na' deliz-zia
e se-e voi mi-ei si-ignori pre-emet-tete
d'of-frir-vi questo sfiz-zio
vule-esse se ma-acari voi non pote-ete

me guardano strammate cchiù de mò
come si permette - vulessene dì - che affronto
ma po' è cchiù fort' 'a voglia de' pruvà
uno sa piglia fritta e n'ato la chiede al forno.
Composta venerdì 28 marzo 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CCiani1980
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Core malato

    C'avevo un core come na capanna
    me diventato più piccolo de na grotta de marino
    nun posso più beve ne arcolici ne vino.
    Mo da scordà le magnate a li Castelli
    le spigole e li rombi de Bastianelli.
    Me diventata tutta na tristezza
    vedennolo navigà nell'incertezza
    sto povero core mio indaffarato
    sta finenno senza esse stato innamorato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: LUCIANO SOMMA
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      'O bbenè e nu cane

      E' 'o meglio amico, 'o meglio cunfidente,
      me sape fa' na bbona cumpagnia;
      quanno le parlo isso me tene mente
      appizza 'e rrecchie e guarda 'a faccia mia.

      'Stanotte, all'intrasatto, m'ha parlato,
      napulitano cchiu' 'e nu vasciajuolo,
      e i' so' rimasto tanto 'mpressiunato
      che d "a paura sto' tremmanno ancora.

      M'ha ditto: Neh, padro', quanto si fesso
      a nun capi' ca 'o munno e' malamente,
      te lusinghe 'e sta' 'nzieme 'a ggente onesta
      e' invece songhe 'a scumma d" e fetiente.

      Ormaje ha perzo "e lumme d" a raggione
      e va facenno sulo scemita ";
      addo' sta' cchiu' nu pizzeco 'e passione
      nu surzo 'e sentimento, 'e carita'?

      Io so' nu cane 'e razza! Cane 'e caccia!
      Ma nun levo 'o saluto a nu bastardo
      'o dongo l'osse meie e nun 'o scaccio
      me putarria magna' mentr'isso guarda?

      " E vvote tu me vatte e io te perdono
      dimme, che ce vulesse a muzzeca "?
      Vuje uommene 'o tenite chistu dono?
      V" a putite scurda' na 'nfamita'?

      Vall'a truva' 'ncopp'a sta terra n'ommo
      ca se facesse accidere pe' nato;
      invece io te pruteggo pure 'o suonno
      e zompo "ncuollo a chi cu tte" ha sgarrato.

      Padro', pircio' perdoname si 'e vvote
      io faccio cose che n'avessa fa'
      ma si pure me lazzarie 'e mazzate,
      io acalo "a capa e resto sempe cca".

      Ricuordate: Tu staje dint'a stu core,
      nu core ca nun sape maje "nganna",
      e si m'astrigne io 'nfaccia a tte assaporo,
      cu' n'alleccata, ogni felicita'.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: LUCIANO SOMMA
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Cronaca

        E tutt "e juorne 'a stessa tiritera
        Sule disgrazie maie nutizie allere
        Uommene accise spisso a tradimento
        Senza pietà, senz'ombra 'e pentimento.
        'A droga, 'o cuntrabbando, l'estorsione,
        s'allargano pe' tutt" e vvie d "o munno
        pe' tutt" e rrazze e tutt "e religgione,
        st'umanità va sempe cchiù a zeffunno!
        Qua' Pasca, Quà Natale ccà è n'inferno
        Manche dint" e cunviente ce stà pace
        Chisà che sta facenno "o Pataterno
        Vurria saperlo pe" me fa capace.
        Ma forze nun ci'azzecca simme nuie
        C'avimmo perzo 'o bbene d "a cuscienza
        'mpietto tenimmo 'o ffele ca ce struie
        E 'a mmeritammo chesta sufferenza.
        'A vita è dono 'e Dio diceva 'o nonno,
        povero viecchio comme se sbagliava,
        chesti criature d'ogge comme ponno
        campà comme na vota se campava.
        Ogge chesto hadda scrivere" o pueta
        Senza truvà né pace né arricietto
        Si guarda annanze e si s'avota areto
        Nun po "truvà nisciuno atu suggetto.
        'Ncopp" a nu foglio 'e carta 'nfuso 'e chianto
        Mette 'a cronaca d'ogge pecch'è storia
        "e chisti vierze nun se ne fà vanto
        So" sultanto parole senza gloria!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Domenico De Rosa
          in Poesie (Poesie vernacolari, Poesie d'Autore)

          Testamento

          Quanno mor'io, chiagnìteme
          nu quarto d'ora e basta.
          Che m'atterrate all'ùnnice?
          Salute e bbene! 'E ddoie menàte  'a pasta.

          Se sape, 'a vita solita,
          cchiù o meno, su per giù.
          E allora fosse  'a ridere:
          pecché so'  muorto nun magnate cchiù?

          Facìteme n'esequia
          semplice quanto maie:
          'o carro  'o municipio;
          te mmòccano  'int' 'o carro e te ne vaie.

          " Aaaaah, Baccalaaà...! "s'  'o portano
          p' 'e vicule, 'o pueta.
          Meglio accussì! Credìteme,
          ce sparagnate  'a roseca e  'a muneta...

          Pecché, facendo 'annunzio
          ncopp' 'o giurnale, he a fa'
          cinche o sei lire  'a lìnia,
          na ciento lire sempe se ne va.

          E ll'amice intanto  'o llèggeno
          e ognuno legge e penza:
          "E chisto è n'ato esequie!
          Comme nun vaie! nce a j'. Pe' cummenienza!"

          E allora vuie pigliasseve
          nu carro  'e primma classe...
          sciure, carrozze, prièvete...
          cammariere c'  'o tubbo e  'o fracchisciasse...

          E 'o mpiccio 'int'a stu vìcolo?
          E 'a folla ca s'auna?
          E amice ca sfastédiano:
          "Che Ddio! s'è ditto all'ùnnice e mo è ll'ùna!

          E che maniera! È inutile,
          chi è scucciatore, more
          scucciànnote fin'all'urdemo,
          si no t' 'o scuorde ch'era scucciatore!"

          E se un amico, in lacrime,
          sulla composta bara,
          te fa l'elogio funebre?
          Poveri muorte tuoie! chi ll'arrepara?

          E si accummencia a chiovere
          nfromme se move  'o carro?
          Madonna chilli priévete!
          Ggiesù chilli cumpagne c' 'o catarro!

          Quanno mor'ì, ca 'o miedeco
          stendesse ll'atto 'e morte,
          e... nun facite nchiudere
          manco 'o miezo purtone a  'o guardaporte!

          Si me vulite chiagnere
          nu quarto d'ora e basta.
          Che m'atterrate all'ùnnice?
          Salute e bbene! 'e ddoie... menàte  'a pasta.

          Testamento – Traduzione (per quanto possibile, rispettosa del testo in napoletano)

          Quando muoio io, piangetemi
          Un quarto d'ora e basta.
          Che m'atterrate alle undici?
          Salute e bene! Alle due buttate la pasta.

          Si sa, la solita vita...
          più o meno, su per giù.
          E allora, sarebbe da ridere:
          Poiché sono morto, non mangiate più?

          Fatemi delle esequie
          semplici quanto mai:
          il carro del municipio;
          ti imboccano nel carro e te ne vai.

          " Aaaaah, Baccalaaà...! "se lo portano
          per i vicoli, il poeta.
          Meglio così! Credetemi,
          risparmiate" rosicature "e denaro...

          perché, facendo pubblicare l'annuncio
          sul giornale, devi calcolare
          cinque o sei lire ogni riga,
          una cento lire sempre se ne va.

          E gli amici intanto lo leggono
          E ognuno legge e pensa:
          " E questo è un altro funerale!
          Come fai a non andarci! Ci devi andare. Per convenienza! "

          E allora voi pigliereste
          un carro di prima classe...
          fiori, carrozze, preti...
          camerieri con tuba e marsina...

          E l'impiccio in questo vicolo?
          E la folla che si raduna?
          E gli amici che si stufano:
          " Che Dio! Si è detto alle undici e adesso è l'una!

          E che modi! È inutile,
          chi è scocciatore, muore
          scocciandoti fino all'ultimo,
          se no te lo scordi che era scocciatore! "

          E se un amico, in lacrime,
          sulla composta bara,
          ti fa l'elogio funebre?
          Poveri morti tuoi! chi li mette al riparo?

          E se incomincia a piovere
          mentre si muove il carro?
          Madonna quei preti!
          Gesù quei compagni col catarro!

          Quando muoio io, che il medico
          stenda l'atto di morte,
          e... non fate chiudere
          manco il mezzo portone dal portiere!

          Se mi volete piangere,
          un quarto d'ora e basta.
          Che m'atterrate alle undici?
          Salute e bene! Alle due... buttate la pasta.
          Vota la poesia: Commenta