Area Riservata

Poesie romane


poesia postata da: Gino Cesetti, in Poesie (Poesie vernacolari)

la fede

Quanno mi madre me mise ar mondo
pè fà vede e lieto evento misero un coso tondo
infatti ar portone venne messo er fiocco azzuro
mi madre disse leva quer coso che mi fijo è romano puro

ar portone venne levato quer coso da dosso
e venne messo er fiocco giallorosso
quei colori come d'incanto
trasformarono quello che prima era n'pianto

da allora sò segnato nella lista
quella de granne romanista
la Roma è come mamma
a vorte me fà n'cazzà e a vorte m'enfiamma

nun è che io ce l'ho cor laziale
è che solo er pensiero me fà stà male
proprio nun c'ariva la ragione
me sentirei come se stassi in prigione

io rispetto l'ideale
ma nun me dì de diventa laziale
perché te risponnerei ce divento solo se moro e poi...
è mejo che more un laziale che uno de noi.


poesia postata da: Gino Cesetti, in Poesie (Poesie vernacolari)

il cambiamento

La malattia ma’ cambiato
ma il mio spirito non ha mai turbato
ha tirato fuori la mia emozione
e le cose che tenevo in prigione

certamente la sensibilità è innata
però in me è aumentata
la esprimo di cuore
scrivendo poesie d’autore

voglio far capire alla gente
quanto sia inutilmente
essere egoista
perchè la vita in fonno è giusta

nun se po’ pensa che a te nun tocca
e te ritrovi a giudica co’la bocca
perchè all’improvviso quanno meno te l’aspetti
colpisce anche te e ti fà capire i tuoi difetti

però da ciò ne devi trarre forza
e non iniziare una folle corsa
il meglio di te devi dare
come se dovessi farti perdonare

chi ti conosce a malapena
capirà la tua vena
chi ti conosce da lontano
capirà quanto sei diventato umano

poesia postata da: Gino Cesetti, in Poesie (Poesie vernacolari)

Nun è sempre oro ciò che luccica

A na fattoria
vicino casa mia
dentro a un recinto c'è er maiale
e poco più là legato c'è stà er cane

li due se metteno a parla tra loro
sur fattore e su loro decoro
je fà ar cane er maiale
a te er padrone te tratta male

hai visto a me come me ama
invece a te te strilla e te richiama
a me mè dà da magnà a volontà
a te te fa tirà la cinta e nun sà

er cane der discorso è n'pò'ncazzato
e je risponne al maiale co l'occhio sconsolato
sicuramente er padrone me crea quarche affanno
ma tu nun pari quello de l'altr'anno.

poesia postata da: bea-flando, in Poesie (Poesie vernacolari)

Malagenti

M’arricuordu chi dicjenu antichi
“u pisci fete sempe d’a capu”
“u cani muzziche a lu strazzatu”.

Malagenti cangianu i vesti
vecchje ku li novi ma sempe
u curtiellu d’u manicu si trovæ
ku a punta nganna tagliæ puru u jatu.

I. puozza piglià a neglia
M.U. all’istante – iju ntramenti
cu nu diploma formativo in ambito sociale
fazzu a fami ntra neglia i Milano.
Duj cammeri e cucina
quaranta metri quatri cchjù nu cessu
scuru senza sfiato fa quarantunu.
in sette a fine mese
dividiamo le spese
di fitto e condominio:
pulizia delle scale
spazzatura
ascensore
acqua, luce, gas
asfissia totale
c’è da pagare l’i.M.u.
per la seconda casa la mia
affaccia a mare – è un bene di famiglia –
si trova di rimpetto alla Fata Morgana.

Mala gente
(traduzione)
Mi ricordo i detti antichi
“il pesce puzza dalla testa”
“il cane morde sempre lo straccione”.

Mala gente cambia i vestiti
vecchi con i nuovi ma sempre
il coltello dalla parte del manico si trova
la punta nella gola toglie anche il respiro.

lI. possa disperdere la nebbia
M.U. adesso – all’istante
intanto col diploma formativo in ambito sociale
faccio la fame nella nebbia di Milano.
Due camere e cucina
quaranta metri quadri e un cesso scuro
senza sfiato fa quarantuno.
in sette a fine mese
dividiamo le spese
di fitto e condominio:
pulizia delle scale
spazzatura
ascensore
acqua, luce, gas
asfissia totale
c’è da pagare l’i.M.u.
per la seconda casa la mia
affaccia a mare – è un bene di famiglia –
si trova di rimpetto alla Fata Morgana.

poesia postata da: bea-flando, in Poesie (Poesie vernacolari)

Rìspunnimi Signuri – a firma mia è Maria

Rìspunnimi Signuri
kuntàli i chiamate perse
u numero u tiegnu sempe a mente.

Rìspunni a kista
littera chi scrivu
cu na pinna
scippata a n'ala
i l'angelu custode.

A firma mia è Maria
tu sì u patriternu
di lu figliu miu.

Si sì cristianu
fa' testimunianza
venèngi a lu pruciessu
jiè vrigogna
si pedi e mani
doppu nci su cjunki.

Signuri, no sì venutu! allura
ti addummannu: – i sordi
Giuda
à dati a lu diavulu, o a tia?




Rispondimi o Signore
conta tutte le chiamate perse
il numero è sempre nella mente.

Rispondi a questa lettera,
o Signore,
la scrivo con la penna
strappata a un'ala
dell'angelo custode.

La mia firma è Maria
tu sei il padreterno
del figliuolo mio.

Se sei cristiano
fa' da testimone
vieni al processo
è una vergogna
se a mani e piedi poi
mettono i chiodi.

Signore, non sei venuto! allora
ti domando: – i soldi
Giuda
li consegnò a te, o al demonio?