Virgilio

Poesie romane


Commenti:
3
Scritta da: Elisabetta
in Poesie (Poesie vernacolari)

Er presepio

Ve ringrazio de core, brava gente,
pé 'sti presepi che me preparate,
ma che li fate a fa? Si poi v'odiate,
si de st'amore non capite gnente...

Pé st'amore sò nato e ce sò morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare 'na voce
sperduta ner deserto, senza ascolto.

La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca sempre de fallo più sfarzoso,
però cià er core freddo e indifferente
e nun capisce che senza l'amore
è cianfrusaja che nun cià valore.
Composta venerdì 27 dicembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Faccia come a casa sua

    Povero popolo mio, sei nato rassegnato,
    sò passati secoli, e t'hanno
    sempre dominato.

    Tedeschi, Francesi, Saraceni e Papalini
    qui pe tutti è stata festa
    e mai na vorta sei riuscito
    a arzà la testa.

    Stai sempre ad aspettà che piove
    ma na pianta, se nun jè dai acqua
    prima o poi te more.

    Nun sei mai stato fiero
    e te sei sempre consegnato a lo straniero.
    Nun hai ritegno e dignità
    e manco t'accorgi che te stai a suicidà.

    Te venni er voto ad ogni intruso fanfarone
    che s'arricchisce e t'ammazza,
    de fumo e de carbone.

    Pe te er concittadino
    è sempre stato un gran cretino,
    un deficente che nun sà fà niente,
    ar contrario der forestiero
    che è bello, bravo e intelligente.

    E qui te devo dà pure ragione,
    è vero, ce capisce
    ma t'ha fatto sempre
    er culo a striscie.

    Continua così. me raccommanno,
    e nun te preoccupà, nun c'avè fretta,
    er piatto ormai è voto
    e nun ce poi fà neppure la scarpetta.
    Composta lunedì 23 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Commenti:
      4
      Scritta da: Enzo Di Maio
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Buon Natale, e ricordateve de Oreste!

      Buon Natale, bella gente,
      buon Natale e buone feste.

      Buon Natale ai piccoli e ai piu grandi,
      agli onesti e pure ai disonesti.
      Buon Natale a chi lavora
      e a chi è disoccupato, che è pure fortunato
      perché potrà festeggià senza esse disturbato.

      Buon Natale ai ricchi,
      che festeggeranno con cene,
      botti e gran sollazzo,
      e a tutti i poveracci
      che s'accontenteranno de du palle
      e come ar solito s'attacheranno ar cazzo.

      Buon Natale ai giudici cretini
      che mannino in vacanza l'assassini
      e a chi se fuma no spinello
      lo chiudino dentro
      e buttano via la chiave der cancello.

      Buon Natale ai banchieri
      e a tutti i grandi finanzieri.
      Spero che je tocchi un gran cenone
      ma che sia per loro l'urtimo boccone.

      Buon Natale a chi sto popolo governa
      e jà fatto un culo come na capanna.
      Puro a loro rivolgo un sentimento:
      che jè crolli addosso tutto er Parlamento.

      Buon Natale, e ricordateve de Oreste!

      Chi è Oreste?
      Nun lo sò, pero faceva rima.
      Composta venerdì 20 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lella Frasca
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Natale senza

        Natale senza spred
        e nessuno pensa a te
        Natale senza gioia drento ar core
        perché 'gni cosa te provoca dolore
        Natale sempre più senza lavoro
        che avvilisce e smorza i giovani dei loro sogni d'oro
        Natale dalla Consurta illeggittimato
        perché cor Porcellum cianno rifregato!
        Natale senza Marò e senza li lazziali
        perché semo un Paese senza palle né ideali
        Natale senza sòrdi pe potè campà
        perché cor barzello dell'IMU ce stanno a derubbà!
        Natale senza er pezzetto de cinghiale
        perché tu scenni sempre e quarcuno solo sale
        Natale senza un po' de pace
        perché nun sei gnente quanno tutt'attorno tace!
        Natale senza fji perché ne manca una:
        quella che cor coraggio è annata lontano a cercà fortuna!
        Natale senza forza
        perché te senti schiacciato da na morza,
        Natale colle toppe ar culo
        perché nun arivi più manco se sei un mulo!
        Natale senza coraggio che t'ammazza
        perché te 'ncazzi solo ma ancora nun scenni in piazza!
        Natale senza cambiamenti
        perché te fottono i potenti
        e tu ancora nun te lamenti
        Giovani, studenti, cassaintegrati, lavoratori e pensionati
        disoccupati, licenziati, esodati, carcerati e pure l'immigrati
        so' tutti soli perché nun l'avemo manco 'ncoraggiati!
        Natale senza berlusconi
        ma nun te preoccupà che ancora gira pej cojoni
        Natale senza vergogna
        quanno i malati de SLA davanti ar Parlamento
        l'hanno trattati come la "rogna"
        Natale senza arbero né luci
        perché se c'hai famja li sòrdi nun li bruci
        Natale senza futuro
        perché domani sarà de oggi ancora un po' più duro
        Natale senza Madiba:
        pe l'Africa e per monno esempio de la vita!
        Natale senza pane e senza latte fresco
        eppure stai mejo pure tu, laico, co la benedizione de Francesco!
        Grande! A lui je bastato solo 'ncenno d'entusiasmo senza affanno
        pe' guadagnasse er titolo dar Time: L'Omo dell'anno!
        Natale senza soriso e so' amari li bocconi
        è cominciata ora la protesta dei "forconi"!
        Natale senza Natale: gnente doni e gnente pranzi
        ma fatte coraggio che mo' ce pensa Renzi!
        Vedremo li fatti de tutto sto rinnovamento,
        e che sia pe li poracci, stavorta, er cambiamento!
        Basta! Basta!
        colle tasse de sta "casta"
        semo stufi e nun semo più cojoni
        se nun cambia la politica saremo tutti coi forconi!
        Ar politico, all'assessore
        je damo giusto giusto poche ore
        pe riprennese er Natale e n'antranno un po' migliore!
        Composta venerdì 13 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Di Maio
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          La finestra de Marìca

          Me ricordo, ragazzetto, la domenica matina,
          quanno s'annava a messa,
          e pe fa la comunione
          dovevi sottopotte a confessione.

          Sta cosa, a di la verità,
          mà sempre disturbato.
          Nun m'annava de raccontà
          li cazzi mia ar curato.

          L'imbarazzo poi saliva
          quanno jè dovevì di:
          "me sò toccato."
          Dopo avè finito tutta la litania:
          "Padre, ho solato mille lire a mamma mia,
          me sò fregato un maritozzo e un pasticcino"
          de botto jè dicevo: "e poi, vabbe,
          me sò puro masturbato un pochettino"

          "Nun se fà, è peccato" diceva serio er prelato,
          "ricordate che Dio te vede, la sera, la notte
          e puro la matina e poi, quante vorte
          l'hai fatta sta manfrina?"

          "Padre, de sicuro nun ricordo
          ma, nell'intera settimana, armeno na trentina".
          "Santo Dio, questo nun solo è un gran peccato
          ma rischi puro de rimanè cecato"

          Dopo la dovuta penitenza,
          na cosa me frullava pe la testa:
          "ma co tutto sto casino che c'è in tera
          Dio se dovrebbe dà da fà, eppuro in fretta,
          possibile che stà sempre attento a me
          pe vedè se me sparo na pugnetta?"

          E poi c'avevo puro na scusante,
          na tentazione assai costante.
          La finestra della stanza mia
          era proprio de faccia a quella de Marica
          che, tacci sua, era proprio na gran fica.
          Pe me era na manna,
          stava sempre gnuda
          proprio come l'aveva fatta mamma.

          Tante vorte me dicevo: "ce dò un tajo"
          de profilo sembravo un fojo, lungo lungo
          e fino fino.
          Mi madre la matina me ingozzava d' ovomaltina.

          Ma la serranda mia è sempre stata rotta,
          avoja a di basta, appena arzavi n'occhio, tac,
          s'arzava l'asta.

          Alla fine la famja sé trasferita,
          ar posto suo mo c'era na vecchia,
          poraccia, dormiva cor cappotto
          ed era tutta raggrinzita.

          De sicuro dopo un po' me sò ingrassato
          però è stato proprio una gran peccato
          pe n'ber po' nun me sò manco più affacciato.

          L'ho rivista dopo ott'anni Marica,
          era sempre bòna, sortanto un po' sfiorita.
          L'ho salutata, ma dato un bacio su na guancia
          e all'orecchio mà sussurato:
          "a bello te lo tocchi più er pisello?

          Sò rimasto come un fesso, quasi imbarsamato
          e cor cervello che s'enterrogava:
          " cazzo ma questa me guardava! " (enzo di maio)
          Composta mercoledì 4 dicembre 2013
          Vota la poesia: Commenta