Poesie romane


Scritta da: Enzo Di Maio
in Poesie (Poesie vernacolari)

Me butterei de sotto

'Mortacci come sò ridotto
c'ho na faccia che sembro un morto
e quasi quasi me butterei de sotto.

Sò stato n'inbecille e me ne pento,
pensà che me sentivo puro fortunato,
mo maledico quanno t'ho incontrato.

Er giorno dopo che t'ho sposato
già me sarebbe impiccato.
Prima de di de sì eri na fata,
na donna ricca e de successo,
nemmeno l'hai pronunciato,

mortacci tua,
sei diventata un cesso.

Peserai ducento chili
e pe nun fà sbragà er letto
c'ho messo du bandoni
e l'ho riempiti de mattoni.

"Amò stò a dieta, guarda,
stasera solo na verdurina."
Na verdurina?
ma che me pij per culo?
quella che te stai a magnà
me pare tanto na collina.
Sta attenta quanno vai ar cesso
sennò butti fori na slavina.

E mò che uscimo
nun te mette quer vestito
a strisce rosso e bianco,
ha sentito ieri er ragazzino
che te stava accanto?
"A ma, guarda,
è arrivato er circo.

Nemmeno te posso lascià,
se tu che c'hai er quatrino,
tocca tenemmelo sto magazzino.

Manco posso aspirà a n'eredità,
conoscenno tu madre
sò già che t'avrà detto:
" er tu marito sarà puro
un ber ragazzo ma adè no stronzo,
e s'attacca ar cazzo". (enzo di maio.
Composta venerdì 15 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Mi domandi dispès pari...

    Mi domandi dispès
    pari
    quaal c'al é staat il moment
    chi tu sees muart.
    Ze chi tu podis ve provaat
    in chel ca ti ingrampave la fin.
    Se tu aas sintuut il freet
    di chel ultin flaat.
    O se la glaze e li sgrifadis da l'anime
    no fosin masse
    e i siums no fosin staaz masse votis cravaaz
    ju pa la "corse da la vite"
    par no provà caloor
    tal tiò slontanati.
    E se ducju chei se e chei ma
    no vesin za scrit
    la to fin.
    Se la tò anime
    no fos masse
    strache par
    fermati ancjemò.
    Mi domandi dispès pari
    ze chi tu aas provaat
    intant che la muart
    a ti robave a la vite
    o se la muart no
    ti fos rivade
    ancjemò quant
    chi tu eris in vite.
    Si tu aas vuut poure
    freet o liberazion
    tal moment dal cumiaat.

    Mi chiedo spesso

    babbo

    quale è stato il momento

    in cui sei morto



    Cosa puoi aver provato

    mentre ti abbracciava la fine.

    Se hai sentito il freddo

    di quell'ultimo respiro.



    O se il gelo e i graffi dell'anima

    non fossero troppi

    e i sogni non fossero

    stati troppe volte spezzati

    nella "corsa della vita"

    per non provare calore

    nell'andartene via.



    E se tutti quei se e ma

    non avessero già scritto

    la tua fine.

    Se la tua anima

    non fosse troppo

    stanca

    per fermarti ancora.



    Mi chiedo spesso babbo

    cosa hai provato

    mentre la morte

    ti rubava alla vita

    o se la morte non

    ti fosse giunta

    quando ancora

    eri in vita.



    Se hai provato paura

    freddo o liberazione

    nel momento

    dell'addio.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      La vecchiaia

      Quanno te stai a fa vecchio
      e te senti da fa un sonnecchio
      cerchi un modo pe riuscì a dormì.
      Te piazzi du cuscini sotto a li piedi
      e penzi così de nun soffrì!
      Ma quanno stai lì lì proprio pe sognà
      se sveja la vescica e dice:
      portame a piscià!
      Composta martedì 5 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Domani er monno sarà tuo

        Beato te, fjarello mio,
        domani tutto questo sarà tuo!

        Beato a chi, a Sor Maè,
        me sà che ve sbaiate
        le feste sò passate,
        se mai ce so state.

        Qui nun c'è più un quattrino
        manco pe comprasse un bruscolino.
        E nun sò nemmemo er solo a lamentamme,
        guardateve attorno
        c'è tutto un popolo in mutanne.,

        Di Beati, Sor Maè.
        è pieno er calendario,
        quelli che stanno in terra
        lo sò solo de nome, e con fatica
        sbarcano er lunario...

        L'unico Beato vero di cui abbia notizia,
        sta laggiù, ar Verano,
        vedo sempre la tomba sua
        quando vado a trovà mi zia Letizia.

        Dev'esse stao proprio felice
        grazie a Dio.
        La fine sua la vorrebbe fà puro io.

        Sulla lapide c'hanno scritto:
        "Camminò sempre dritto pe na vita,
        l'unica vorta che cascò ne fù felice
        e morì senza fatica,
        Schioppò de botto mentre
        se trombava na gran fica.".
        Composta sabato 2 novembre 2013
        Vota la poesia: Commenta