Scritta da: Stefano Amoroso
in Poesie (Poesie vernacolari)

A libertà

C'rè chesta libertà se nù tiene padrone
C'rè chesta libertà che p' la cercà t' fà schiav
C'rè chesta libertà se o' ciele cà guard o' 'vire e stà semp là
C' rè stà libertà te f' àscì a piett a voglie e' alluccà
O 'saje, c'rè stà libertà?
E' ca nù tiene o' curaggio e vulà.
Composta sabato 9 gennaio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Natale adera solo ieri

    È già stasera tutto tornerà normale
    ce magneremo l'ultimo biscottino,
    domani apriremo la porta ar solito casino,
    guarderemo dentro er portafojo
    e lo troveremo desolatamente spojo.
    Cazzo come è lontano er prossimo Natale,
    come dicheno li vecchi
    "semo arivati alle lucentine
    e sò finete le feste e le quatrine".
    E che pena me fa sto poro arberello
    a pensà che fino a ieri je dicevamo
    "ammazza quanto è bello"
    Tantò mbrillantato che sembrava sua maestà
    e adesso adè na tristezza vedello là
    buttato e pure in malo modo
    dentro un secchio de monnezza
    senza più gloria e co tanta amarezza.
    Composta domenica 3 gennaio 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carottese
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      N'paraviso - In paradiso

      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stongo aret'o' Rivolo
      abbasc Alimuri, ò Cavaliere.
      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stongo n'capa a ripa
      abbasc Cassano, ò Puorto.
      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stong a via Crawford
      n'copp e coll e funtanell.
      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stongo a piazza Tasso
      n'copp o capo e bagni da regina.
      Caruotto, Meta, Surriento, Santaniell
      i stongo n'paraviso.

      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono dietro a Via Rivolo
      giù Alimuri, al cavaliere.
      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono in capo alla ripa
      giù cassano., al Porto.
      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono a via Crawford
      sopra i colli fontanelle.
      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono a piazza Tasso
      sopra al capo ai bagni della regina.
      Piano di Sorrento, Meta, Sorrento, Sant'Agnello
      io sono in paradiso.
      Composta giovedì 7 gennaio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Ì ve sento penziere mieje

        Ncielo s'è spase nu lenzuolo niro
        chiòve primma nu poco po' assaje
        'a stanza s'è fatta scura 'e gelata.

        I' ve sento penziere mieje
        ca nun parlate, diciteme: addò iate?
        Ah sta pucundrìa ca vene a 'ncuità
        ca saglie stregne e affoca!

        Miette vela e iammo luntano core
        scappammo primma ca cchiù s'accoste
        e st'ànema ca tutto sente struje.

        Addà passà st'ombra, addà passà
        s'addà sbruglià stu velo niro!
        Vattènne, vattènne aria d'autunno
        nun te sta cu me abbracciata!
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di