Questo sito contribuisce alla audience di

in Poesie (Poesie vernacolari)

Ì ve sento penziere mieje

Ncielo s'è spase nu lenzuolo niro
chiòve primma nu poco po' assaje
'a stanza s'è fatta scura 'e gelata.

I' ve sento penziere mieje
ca nun parlate, diciteme: addò iate?
Ah sta pucundrìa ca vene a 'ncuità
ca saglie stregne e affoca!

Miette vela e iammo luntano core
scappammo primma ca cchiù s'accoste
e st'ànema ca tutto sente struje.

Addà passà st'ombra, addà passà
s'addà sbruglià stu velo niro!
Vattènne, vattènne aria d'autunno
nun te sta cu me abbracciata!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Agueci
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Unn'è lu me postu?

    Circannu ivi pi li strati e li viuzzi
    di la terra chi nasciri e iucari mi vittiru,
    a cu ncuntrava dumannava:
    "Sapiti vui unn'è lu postu miu?"

    A la me dumanna, tutti
    o finta facianu d'un sentiri,
    o u travagghiu continuavanu a fari,
    li chiù mi dicianu: "Si lu sapissi pi mia!..."

    'Ncuntrai, mentri 'nta un violu caminava,
    un vecchiu curvu chi li so favi siminava
    e a iddu la dumanna fici:
    "Si lu sapissi, figghiu miu, cuntentu fussi puru iu".

    A nna matri c'annacava lu picciriddu so:
    "Vui, c'aviti datu o munnu stu nnuzzenti,
    dicitimi si canusciti un postu sicuru".
    Stringiu li spaddi e a ninnari mesta continuau.

    Un turista 'ncuntrai e ci dumannai:
    "Vui, chi lu munnu girati,
    u locu di la filicità mia unni si trova?"
    "Assai posti vitti ma mai chiddu to 'ncuntrai".

    Sutta 'na culonna di la chiazza,
    un puvireddu li spicciuli addumannava.
    M'avvicinai pi lu me daricci,
    "Lu Signuri ti lu paga", taliannumi, mi rissi.

    Comu un lampu, di l'occhi so partennu,
    capii subitu chi filici iddu era:
    u 'mpostu 'nta la terra u nni l'avia
    ma lu celu, taliannu, m'indicau.


    Dov'è il mio posto?

    Cercando andai per le strade e i vicoli
    della terra che nascere e giocare mi hanno visto,
    a chi incontravo domandavo:
    "Sapete, voi, dov'è il mio posto?"

    Alla mia domanda, tutti
    o finta facevano di non sentire,
    o il lavoro continuavano a fare,
    molti mi dicevano: "Se lo sapessi per me!..."

    Incontrai, mentre per un viottolo camminavo,
    un vecchio curvo che le sue fave seminava
    e a lui la domanda feci:
    "Se lo sapessi, figlio mio, contento sarei anch'io".

    A una madre che cullava il bambino suo:
    "Voi, che avete dato al mondo quest'innocente,
    ditemi se conoscete un posto sicuro".
    Strinse le spalle e a cullare mesta continuò.

    Un turista incontrai e gli domandai:
    "Voi che il mondo avete girato,
    il luogo della felicità mia, dove si trova?"
    "Parecchi ne ho visti ma mai quello tuo incontrai".

    Ai piedi di una colonna della piazza,
    un poverello gli spiccioli chiedeva.
    M'avvicinai per il mio dargli,
    "Il Signore te lo ricompensi", guardandomi, mi disse.

    Come un lampo, dagli occhi suoi partendo,
    capii subito che felice egli era:
    un posto sulla terra non l'aveva
    ma il cielo, guardando, m'indicò.
    Composta sabato 28 novembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      'A zeppola

      Annanza 'a vetrinetta d'a pasticceria
      nce stanne dduje signure allicchettate
      me parene milord decaduti a vossignoria
      è na' mez'ora e niente hanno accattate

      la loro riflessione verte sulle zeppole
      chell' 'e San Giuseppe per capirci
      c'è chi dice ca' son meglio quelle frittole
      e chi del forno ne farebbe dei capricci

      Sai mio caro amico fedelissimo
      le zeppole fritte son la delizia del palato
      ma no amico mio carissimo
      quelle al forno son le prelibate

      E' mez'ora ca senza pruvà discuteno
      io mo' lle rico qual è 'o penziero mio
      ca' si vo capì capisceno
      sinnò mo' levo 'o sfizzio a modo mio

      Scu-usato se m'i-i-introme-e-etto
      senza-a-a chieder' 'o pe-permesso
      m'a-a-annanz' 'a chesta ve-e-etrinet-ta
      rimango amma-ma-malucco e fes-so

      la vo-ostra osse-e-ervazio-one
      è pri-iva di ogni ef-fetto,
      si nun pru-uvato nun teni-ite co-ognizi-ione
      com-me penza-ate d'es-sprimere il co-oncetto

      me guardene comme pe dì chi è costui
      che s'intromette nei pensieri nuosti
      mica gli abbiamo dato canzo a lui
      noi di nobbile casata imposta

      ma io nun facette caso a la taliata
      e a loro n'ata vota m'arrivulgette
      cu' sta parlata mia nu' poco 'ncacagliata
      nzinganno 'o bene 'e Ddio dint' 'a vetrinetta

      A-avita sapè-è na cosa mi-iei si-ignori
      ch' 'a zep-pola in o-ogni caso si-ia
      'o fu-urno o fri-it-ta in olio vero
      rignu-uta pur' 'e-e crema da pa-atic-ceria

      re-estar-rà se-empe na' deliz-zia
      e se-e voi mi-ei si-ignori pre-emet-tete
      d'of-frir-vi questo sfiz-zio
      vule-esse se ma-acari voi non pote-ete

      me guardano strammate cchiù de mò
      come si permette - vulessene dì - che affronto
      ma po' è cchiù fort' 'a voglia de' pruvà
      uno sa piglia fritta e n'ato la chiede al forno.
      Composta venerdì 28 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CCiani1980
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Core malato

        C'avevo un core come na capanna
        me diventato più piccolo de na grotta de marino
        nun posso più beve ne arcolici ne vino.
        Mo da scordà le magnate a li Castelli
        le spigole e li rombi de Bastianelli.
        Me diventata tutta na tristezza
        vedennolo navigà nell'incertezza
        sto povero core mio indaffarato
        sta finenno senza esse stato innamorato.
        Vota la poesia: Commenta