Area Riservata

Poesie romane


poesia postata da: FRANCO P., in Poesie (Poesie vernacolari)

La luce della luna

La luc d'la luna

Io t'guard, oh luna piena,
te n'sei miga com"l sol',
c' hai'na luc ' ch'rass. rena,
lù, invec', propi n'vol'

ch's'usservà senza ucchiai
e, si c prov', quell'm'cega,
ma sa te n'succed'mai,
la b. lezza tua n's'nega.

Adè t'ammir'incantat'
e m'par'da ved'ch'l vis'
ch'da sempr'ho immaginat'.

Luna m'argali'n surris'
sa l'illusion'd'ess'stat'
do' s. condi in paradis'.

Traduzione:
La luce della luna

Io ti guardo, oh luna piena,
tu non sei mica come il sole,
hai una luce che rasserena
lui, invece, proprio non vuole

che si osserva senza occhiali
e, se ci provo, quello mi acceca,
ma con te non succede mai,
la bellezza tua non si nega.

Ora ti ammiro incantato
e mi pare di vedere quel viso
che da sempre ho immaginato.

Luna mi regali un sorriso
con l'illusione di essere stato
due secondi in paradiso.
Composta
domenica 7 aprile 2013


poesia postata da: Valerio Agostino Baron, in Poesie (Poesie vernacolari)

Papa "Francesco"

Bergoglio, che ben che te vojo!
Anca da qua semo vegnui la in Argentina,
e da la semo tornai ancora qua!
'na man vien data
a chi che voe jutarse par jutare,
za te ghe fato do passi da gigante
in do giorni che ti si la!
Jente da gnente vegnua par l'oro, ze vissua,
desso ze ora che l'oro serva par i pì poareti...
par poder magnar e laorar
e no' par farse veder co' l'oro e i brianti...
semo tuti gran "Briganti".
"Francesco" sapa come ga sapà ju!

Papa "Francesco": Bergoglio, che bene che ti voglio! / Anche da qui (Italia) siamo venuti in Argentina, / e da li siamo ritornati! / Una mano viene data / a chi desidera aiutarsi per aiutare, / già hai fatto passi da gigante / in due giorni che sei Papa! / Gente da nulla venuta e per l'oro, vissuta, / ora è arrivato il momento che l'oro serva ai poveri... / per mangiare e poter lavorare / e non solamente a farsi vedere ricoperti con ori e brillanti... / siamo tutti dei grandi "Briganti". / "Francesco" rifai i suoi passi!
Composta
domenica 17 marzo 2013

poesia postata da: geppo510, in Poesie (Poesie vernacolari)

Er Papa tifoso

Vivo 'n periferia da 'n po' d'anni
Un po' lontano da la Capitale
Senza problemi e senza tanti affanni
Tutto sommato nun è gnente male...

Però che v'ho da dì, Roma me manca,
me manca tuttavia quell'atmosfera:
quanno te siedi ar Pincio su "na panca
e te godi tutta Roma a tarda sera...

Così quanno me capita ce vado,
camino piano pe" gustalla tutta
giro pe' la città e sto estasiato...
nun ce la faccio mai a vedella brutta!

Un giorno stavo co' la mia consorte
in giro, pe' negozzi, drento Roma
(sapessi che rottura e quante vorte
me so' sentito come fossi 'n coma...! )

così ner mentre ch'era 'ndaffarata
a tira' giù 'n negozzio arricamato
so' uscito fora, l'aria trafelata,
trovànnome ner mezzo de' 'n mercato.

M'era venuto un forte mar de testa...
Ma quanto cazzo strilla certa gente...
nimmanco fosse er giorno de "na festa!
Cercanno de scappà da quer frangente

me so" seduto un poco più lontano...
davanti a me la statua de uno,
vestito che sembrava 'n francescano,
a stento ho letto poi: Giordano Buno

eretico, bruciato vivo 'n piazza...
-che stai a ffa? Annàmo – era mi moje
tutta 'ncazzata, faccia paonazza,
strillava come quanno avea le doje!

Ner mentre che se ritornava a casa
pensavo sempre più a Giordano Bruno,
bruciato vivo... proprio da la Chiesa...
me riportava 'n mente quarcheduno;

quarcheduno ch'aveo già sentito,
pensa e ripensa e in testa, piano piano,
s'affianca un nome a quello de Lotito...
all'improviso, tié: Bruno Giordano!

Un vecchio centravanti de la Lazio...
Lo penso tra le fiamme e nun resisto...
Che brutta ha fatto, ma che strazio!
Pe' 'sto motivo che nun s'è più visto?

Ce manca solo er Papa romanista,
tifoso fino all'osso pe' 'sto gioco
so' cazzi tua se stai ne la sua lista,
se sei laziale quello te dà foco...!

Spero sortanto che la Roma 'n giorno,
giocanno la trasferta, su a Milano,
se becca nove gol... (sai che scorno!)
e poi ritorna co' le pive 'n mano

Vedemo se 'sti preti sono bboni
De daje foco puro a Berlusconi!
Composta
domenica 17 marzo 2013

poesia postata in Poesie (Poesie vernacolari)

l'orroroscopo

L'orroroscopo
M'ha chiesto: - De quann'è? - Sò der Ventotto -
- Ma impropriamente in quale giorno è nato? -
- Mi' madre me diceva ch'era l'Otto
d'un Ottobbre piovoso e scatarciato:
ha perzo er latte subbito de botto;
come sortito me sò arifreddato;
e prima de potemme dà er pancotto
m'ha dato latte d'asina, m'ha dato. -
- E, d'impreciso, è nato a quale ora? -
- E che ne so! Nun stavo tant'attento...
Pò esse a tarda sera o de primora... -
- co pochi dati, posso dì (me dice)
che, co 'n centone, se ne va contento
d'avé scoperto d'èsse un infelice -

Sonetto N° 166 F. P. nato a Roma l'8.10.1928

versione in italiano L'OROSCOPO (D'ORRORE)
mi ha detto: di quando è? Sono del '28 / ma proprio in quale giorno è nato? / Mia madre mi diceva ch'era l'8 / di un Ottobre piovoso che dava catarro /// (Mamma) ha perso subito il latte / io, appena uscito alla luce, mi sono immediatamente raffreddato; / e prima che potesse darmi il pancotto / mi ha nutrito con latte di asina. /// E precisamente a quale ora é nato? / Non lo so! non stavo molto attento... / Può essere a sera inoltrata o anche di primo mattino... /// con dati insufficienti, (mi dice) posso dirle / che con appena cento Euro lei va via soddisfatto / di avere scoperto d'essere un infelice!
Composta
mercoledì 8 ottobre 1980
Riferimento:
Questo sonetto romanesco è dedicato a tutte le chiromanti che predicono il futuro in base all'oroscopo delle persone che dànno loro fiducia.

poesia postata da: Gino Cesetti, in Poesie (Poesie vernacolari)

il mio matrimonio

Mò va ricconto de quanno me sò sposato
e de come Cristo ma ampiamente illuminato
infatti qua matina mi madre apri le braccia
e me disse a Gi a me pare na fregnaccia

ma io vestito bene assai elegante
je disse a ma e basta naj dette tante
e lei porella senza più fiatare
me accompagnò mogia fino art'artare

da quer momento cominciarono i problemi
robba da diventacce scemi
le luci che erano accese fino a quel momento
de corpo se spensero senza avvertimento

er prete ormai vista la ragione
cominciò de corpo la funzione
tutto ciò che era stato preparato
se ridusse a un canto un po' stonato

ma tutto questo è gnente
e infatti appena uscito tra la gente
na vecchietta me tira li confetti
che me so arrivati in fronte stretti stretti

infatti la poretta
me la tirati co tutta la sacchetta
un po' intontito e in pò'ntronato
ho rivisto l'artare illuminato

partimo e annamo a fà e fotografie
qui artre peripezie
me dicono prenda la sposa in braccio
er vestito je se apre come no straccio

la sposa faccia la modella
e in quer momento a scarpa je se scolla
vestito e scarpe pagate mijoni
me cominciavano a girà un po' li cojoni

ancora nun capivo er segnale
che sto matrimonio sarebbe finito male
ma io pignolo e assai costante
ho mollato dopo avenne viste tante.