Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Enzo Di Maio
in Poesie (Poesie vernacolari)

Ciao Roma

Ciao Roma, madre mia,
come cazzo t'hanno ridotto,
eri er vanto der monno e mo sei arivata all'olmo.
A giratte intorno me vie' da piagne,
zozza, colma de buche e piena de gente strana,
Africani, zingari, cinesi, marocchini,
nun solo nun gira più un romano
ma nun senti manco più parla' Italiano.
In ogni spiazzo c'è trovi n'accampamento,
te pisciano sui muri, te cachino pe tera,
quasi quasi te sembra da sta in guera.
La chiamino globalizzazione,
la libera circolazione,
sarà pero' mo ade' m'ber po' che c'avete rotto le cojone.
Era mejo quanno se stava sotto er Papato,
si vabbè' magari cascava qualche testa
ma dovunque annavi era sempre festa.
Sarebbe quasi ora da di basta e che ritorni nostra,
l'anima de li mejo mortacci vostra.
Composta sabato 19 settembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ziwanatejo
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Isola d'Ischia

    Na nuvola se posa n'copp a sta muntagna
    che commo ò purp sta a cagnà culore
    nu vient accarezza ò mare, che comma à jatta
    pare che fà e fus
    Pò na pioggia scenne chiano a goccia a goccia,
    comme fossero parole e rumanziere.
    All'intrasatte ò sole arape ò cielo,
    comme s'arapa a porta e casa toia
    scinn a n'cuntrà st'ammore
    è Ischia, culore e fantasia.



    Una nuvola si posa sopra a questa montagna
    che come un polpo sta cambiando colore
    un vento accarezza il mare, che come un gatto sembra faccia le fusa.
    Poi una pioggia scende piano a goccia a goccia
    come fossero parole di romanziere.
    All'improvviso il sole apre il cielo
    come si apre la porta di casa tua
    scendi a incontrare questo amore
    è Ischia, colore e fantasia.
    Composta mercoledì 9 settembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gianluca Cristadoro
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      L'agnolo custode

      All'agnolo custode
      che Iddio me dette 'n dote
      je vorzi dije chiatto
      che stavo a uscinne matto

      cercanno dappertutto
      cor freddo e coll'asciutto,
      pe' mari, monti e anfratti,
      fra sorci, cani e gatti.

      "Andove t'annisconni?"
      Je urlai co' tutto er core.
      "Perché nun ma risponni?
      Me dichi si stai fori?

      O ppuro drento casa
      cercanno quarcheccosa,
      de sotto o nell'armadi
      o stai a gioca' coi dadi?

      C'ho vote le saccocce,
      lavoro nun se trova.
      Mi moje rompe l'ova
      e riempie de fregnacce.

      No scherzo der cervello
      o 'n zogno ad occhio aperto?
      Lo sguardo arzanno sverto
      vedetti capoccello.

      Da nuvola se sporze
      e sbadijanno arquanto
      ste frasi me rivorze:
      "Chi è che strilla tanto?

      Nun vedi che riposo,
      è fermo sindacale.
      E' sciopero che sposo,
      qui stamo tutti male.

      Ner tempo ch'è passato
      de agnoli era zzeppo,
      c'ognuno santo è stato
      ma mo s'è perzo er ceppo!

      Ormai qui er celo è tetro
      semo agnoli ammalati
      e a troppi disgraziati
      dovemo staje dietro.

      Ma tu che te lamenti
      e ggnente da fa' c'hai,
      nun è che te la senti?
      Na mano me la dai?

      Der santo nun c'hai stinco
      nun devi preoccupatte.
      Io l'artri li convinco,
      Tu inizzia a preparatte! ".

      Sentenno st'orazzioni,
      grattati li scongiuri,
      penzai che i tempi duri
      in fondo erano bboni.

      Poi senza fa' rumore
      me misi drento a lletto
      e ar mio piu' dorce amore
      je sussurrai 'n bacetto.

      --------------------------------------------

      All'angelo custode che Dio mi donò
      volli dire chiaramente
      che stavo diventando matto

      cercandolo dovunque
      al freddo e con il caldo
      per mari, monti e luoghi angusti
      fra topi, cani e gatti.

      "Dove ti nascondi?"
      Gli urlai con tutto il cuore.
      "Perché non mi rispondi?
      Mi dici se stai di fuori?

      Oppure dentro casa
      cercando qualche cosa,
      di sotto o negli armadi
      o stai giocando con i dadi?

      Ho le tasche vuote,
      lavoro non si trova.
      Mi moglie è seccante
      e mi riempie la testa di sciocchezze.

      Forse uno scherzo della mente
      o forse un sogno ad occhi aperti?
      Sta di fatto che alzando prontamente lo sguardo
      vidi una testolina.

      Si sporgeva appena da una nuvola
      e sbadigliando non poco
      mi si rivolse dicendo:
      "Chi è che strilla tanto?

      Non vedi che riposo,
      Oggi e' giornata di sciopero sindacale.
      Ed è uno sciopero che condivido.
      Qui da noi c'è un malessere generale.

      Nel tempo che è  passato
      di angeli era pieno,
      anche perché ognuno di loro in terra è stato un vero santo,
      ma ormai sembra che i santi si siano estinti!

      Ormai qui l'ambiente è tetro,
      siamo tutti angeli sofferenti
      e malgrado cio' ci tocca soccorrere
      tanti sventurati come te.

      Ma tu che ti lamenti
      e non hai nulla da fare,
      non è che te la senti
      di darmi una mano?

      Non sei certo uno stinco di santo
      ma di questo non devi preoccuparti.
      Io gli altri posso convincerli.
      Tu pero' intanto inizia a prepararti! ".

      Sentendo questi discorsi,
      fatti i dovuti scongiuri,
      pensai che in fondo i periodi difficili
      non erano poi così male.

      Poi senza far rumore
      mi infilai a letto
      e al mio dolce amore
      sussurrai un bacio.
      Composta venerdì 11 settembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: blackpat
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Dedica romana

        Passeggiando pe'r quartiere a'ndo so nata,
        io me sento sempre un po' emozionata.
        E si che è 'n quartiere rinomato
        che tanti poeti illustri ci ha lasciato.
        e puro si nun è come 'na vorta
        Trastevere l'onor de Roma ancora porta.
        Così, camminando pe 'na via,
        me torni in mente te, nonnetta mia,
        che c'eri nata e che me raccontavi
        de tutto quanto quello che facevi.
        Tant'è che oggi, nu me serve da chiede
        potrei conosce piazze, chiese e pietre.
        E quanno m'appare quella piazza
        che c'ha quer nome tanto nominato,
        me torna come un flash ner costato
        come facessi un sarto ner passato;
        se chiama PIAZZA SAN COSIMATO
        e come a un cane, me se risverglia un fiuto
        ce fossi te nonnetta, ad esseme d'aiuto!
        Ched'è st'odor che m'è salito?
        che, sto ricordo un po' sopito,
        che tutti 'an tratto me lascia sgomentato?
        Senza sapello giro pe' na via,
        GIACOMO VENEZIAN, l'insegna porta,
        ma qui ce stava la casetta mia!
        Sotto ar GIANICOLO, a tiro de cannone,
        quer lampo de 'n'aiola co ' n cancello
        c'aveo solo tre anni e questo è er bello,
        der ricordo d'un poro topolino
        che sotto a li carzoni a mi fratello
        lo fece core come un lancio de martello.
        Ma quella casa oggi "n ce sta più
        me lo dicesti tu nonna: "L'hanno demolita"
        eppure io continuo a guarda su,
        verso le mura come inebedita.
        Quanto vorei ce stassi ancora tu
        pe raccontatte com'è cambiata a vita,
        ma forse ce sei, me guardi da lassù
        e te sei accorta che me sò invecchiata,
        che me sento un pò, com'eri tu,
        quasi se in me, tu te fossi rincarnata.
        Però me resta dentro quarcosa che un me spiego,
        che so 'na rabbia, na frustazione,
        de nun poté torna un pezzetto indietro
        pe' raccontattela tutta st'emozione.
        Cos' te pio pe mano cor pensiero
        e te riporto co' me ndo semo nate,
        fa piano nonna, nun coremo
        a core c'ha pensato er tempo, che c'ha buggerate.
        Composta lunedì 24 agosto 2015
        Vota la poesia: Commenta