Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Fabio Piscicelli
in Poesie (Poesie vernacolari)

Le foje d'autunno

Er fascino delle foje d'autunno nun sta solo
nei colori, che siano gialli sbiaditi,
bruni arrostiti o rossi infocati,
ma forse anche nell'aspirazzione
che pure noartri, come l'arberi,
potemo ogni anno liberacce dalle scorie
e dalle brutte memorie
e fa' così con grazia,
se nun propio malinconica bellezza,
pe' rinverdi' poi a primavera,
crescendo verso er cielo e coi piedi pe' tera.
Vota la poesia: Commenta
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Và, curro, jesce!

    Jesce ogge e dimane, và fòre
    và miezzo 'a via e cammina:
    che ce faje dint'a l'ombra
    'e sta prigione scura
    ca te si fatto su misura?
    'O campà sta là e t'aspetta:
    guarda 'e stelle 'a luna e 'o mare
    piglia sole e calore chiù ca può
    fatto na corsa e nun te fermà
    fino a che nun te manca 'o sciato!

    Chi t'o ddice have ragione!
    Và mmiez'a l'ato,
    tuzzele struscele e parlace
    di' chello ca maje dice
    astrigno na mano, dà nu vaso
    accattàte nu gelato: campa ovèro!
    Lascia stà 'e suonno ca te faje
    e "a fantasia dille puro accussì:
    -Si, amica mia, tu me faje cumpagnìa
    ma sulo cu te nun se po" campà! -

    Mo' vene primavera
    và 'a truvà nu sciòre
    e siento comme addòre!
    Puro 'a vita toje
    e' comm'a nu sciòre
    nun 'a fà seccà e murì
    dint'a nu carcere comme faje tu!
    Nun saje c'acqua 'e sciùmmo
    passa subbeto e po' scumpare
    pe' nun turnà maje cchiù?
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ziwanatejo
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Napule era

      Annanz à na tazzulella e cafè
      sentev a primma vota pe radio a vocia toja
      mettette panne e creature ò sole
      sciugliennese comme neve all'equatore.
      Sta musica comme na femmena
      e tu o saje comme fa ò core
      trasette dint all'anema e int e vene.
      Si state nu mascalzone latino
      e pure all'ato munno, tu sarraje
      ò musicante e chesta terra mia

      Davanti ad una tazza di caffè
      sentivo la prima volta per radio la tua voce
      misi i panni e i bambini al sole
      si sciolsero come la neve all'equatore.
      Questa musica come una femmina
      e tu lo sai come fa il cuore
      mi entrò nell'anima e nelle vene.
      Sei stato un mascalzone latino
      e pure all'altro mondo tu sarai
      il musicante di questa terra mia.
      Composta lunedì 9 febbraio 2015
      Vota la poesia: Commenta