Questo sito contribuisce alla audience di
in Poesie (Poesie vernacolari)

l'arbero der libbero pensiero

Te s˛ rimaste poche foje secche.
Sei nato all'ombra de li fescennini,
t'hanno nutrito i garibbardini,
hai pure vinto un impero nero.
E mo che fai? me mori ner giardino?
Ne hai fatte casca'tante de teste
sia coronate che de dittatori,
e mo che fai? T'arrendi a quattro imbonitori,
che se dicono politici e che hanno fatto der libbero pensiero
libbero profitto in latrocinio.
Famme "na foja arberello bello,
damme speranza che quarche cervello
abbia ancora voja de pensa".
E se er popolo torna a pensÓ libberamente,
vedrai che se ricorda d'essŔ sovrano e che Ŕ suo il potere.
Composta giovedý 15 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Dedicata ar core mio

    Ah, si sto core potesse parlÓ.
    Quante cose ve direbbe,
    basterebbe sta a ascortÓ.
    Schernito, carpestato, umiliato, consumato.
    Sto core sempre messo a dura prova,
    sempre a struggese d'amore
    e sempre pronto a perdonÓ.
    PerchÚ ci˛ er core prepotente,
    sfacciato, disubbidiente.

    Sto ber core anche se stanco
    sta sempre a camminÓ,
    a vorte inciampa poveretto,
    ma indovinate lui che fa?
    Se riarza, se pulisce
    e continua a camminÓ
    e se proprio se fa male,
    zoppicando lento va.
    M˛ sto core che porto in petto,
    pesa un paio d'etti e poco pi¨,
    ma quanto peso che s'accolla,
    pure quanno 'n ciÓ fa pi¨.
    Er tempo intanto passa,
    ma der tempo poveretto,
    ormai 'n ie importa manco pi¨.
    Composta venerdý 6 giugno 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      La centrale adŔ na manna

      Ho letto stamatina sur giornale
      na notizia an'do Bersani dice:
      "Nun potemo rinunciÓ ar carbone!"
      E ciÓ raggione!
      Popolo ignorante e disfattista,
      mica potemo ritornÓ a facce luce
      co la cera n'der lampione
      e a rinuncia a sta gran conquista.

      La centrale adŔ Santa e benedetta
      praticamente Ŕ pe tutti na fortuna
      e va protetta.

      Ma io, se sÓ, so sempre stato bbono
      e puro puro n'artruista.
      S˛ pronto a rinuncia
      alla parte che me spetta
      e a regalajela de core
      e de gran fretta.

      Pe fa poi na bella cosa
      me vojo accollÓ puro la rogna
      de portajela pezzo a pezzo
      sotto casa sua,
      lass¨, and˛ stÓ lui, fino a Bologna.

      Che voi, li beni s˛ de tutti
      e da bon Cristiani vanno condivisi.

      Li morti nun e ' che ponno esse
      sempre e solo li mia
      ma anche e soprattutto
      l'anima e la gloria de li mejo morti sua.
      Composta martedý 3 giugno 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ziwanatejo
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Penziere e parole

        Aropp'nÓ seratÓ fatt a vino e jastemme
        me votte rint'˛ lietto a fronna e rosa
        cercÓn e pigliÓ suonno lemme lemme.
        Antrasatta arteteca me n'gappe, me turcea
        me venene a mente penziere e parole
        che mozzecano comme fosse nÓ jattura.
        So ricordo e quanno era guaglione, pare ajere
        nun me mancava salute e pezza argiento
        m˛ che songo viecchie e sulo, chi me crede.
        Qua tiempo, parole e penziere, che m'porta
        piglio a siggiulella e me metto fora a loggia
        tenenn a mente chesta luna rossa.

        Dopo una serata a ubriacarmi di vino e bestemmie
        mi butto dentro al letto come una foglia di rosa
        cercando di prendere sonno piano piano.
        Improvvisamente mi prende un agitazione, mi torce
        mi vengono in mente pensieri e parole
        che mordono come fossero una sciagura.
        Sono ricordi di quando ero giovane, sembra ieri
        non mi mancava salute e biglietti in denaro
        adesso che sono vecchio e solo, chi mi crede.
        Quale tempo, parole e pensieri, che mi importa
        prendo la seggiolina e mi metto fuori al balcone
        tenendo a mente questa luna rossa.
        Composta domenica 25 maggio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gianluca Frangella
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          La gazza ladra e il gatto

          Sur cornicione de "na terazza
          se ne stava sistemata la ladra gazza
          aspettando de vedŔ luccica"
          quarche cosa da potŔ rubbÓ.
          Er vento se mosse d'improvviso
          smovendo l'erba de 'n giardino
          d˛ stava a giocÓ 'n bambino
          che c'aveva sorridente er viso.
          "Ammazza, quanto brillano quell'occhi"
          sospir˛ la gazza ladra assai stupita
          "me vie voja de rubballi, so sbalordita,
          li vojo pŔ me e che nessuno me li tocchi."
          "Si, brillano tanto," je rispose er gatto
          che passava lý quatto quatto
          "se li v˛i scenni... vatteli a prenne,
          ma ce farai ben poco, perchÚ Ŕ l'anima che li fa splenne!"
          Composta giovedý 15 maggio 2014
          Vota la poesia: Commenta