Virgilio

Poesie romane


Scritta da: FRANCO P.
in Poesie (Poesie vernacolari)

Il maiale e Sant'Antonio

"l maial e Sant'Antoni"

Sant'Antoni' b. n. dett'
m' pr. sent' so 'n maial'
e te dici ch' so prutett'
com' 'n antr' animal'.
Nun vurria ditt' gnent',
ma na robba è sigura
m' vol' ben' tutta la gent'
ch' m' tira su e m' cura.
E quant' so impurtant'
nun accada ch' t. l dig,
te guarda ogni tant'
in TV ma Peppa Pig.
Ma duvessi te v. dè
com' invec' so' trattat'
e m' par' già da adè
ch' nun saria furtunat'.
Io machì vien' all. vat'
e ingrassat' a duver'
p. r ess' dop' mac. llat'
e finì da "n salumier".
Dal maial' s' pia anicò,
propi gnent' va distrutt'
e sarò più bon' culmò
da salam' e da prusciutt'.
Si m' pruteggi te va ben',
ma nun m'illud' miga,
ess' bon nun cunvien'
ch' m' sa ch' porta sfiga.

Traduzione:

Il maiale e Sant'Antonio

Sant'Antonio benedetto,
mi presento sono un maiale
e tu dici che sono protetto
come un altro animale.
Non vorrei dirti niente,
ma una cosa è sicura,
mi vuol bene tutta la gente,
che mi tira su e mi cura.
E quanto sono importante
non c'è bisogno che te lo dica,
tu guarda ogni tanto
in TV a Peppa Pig.
Ma dovessi tu vedere,
come invece sono trattato
e mi pare già da adesso
che non sarei fortunato.
Dal maiale si prende tutto,
proprio nulla va distrutto
e sarò più buono così,
da salame e da prosciutto.
Se mi proteggi tu va bene,
ma non m' illudo mica,
essere buono non conviene
che mi sa che porta sfiga.
Composta sabato 11 gennaio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Vincenzo Giusepponi
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    D' antichi eroi

    D'antichi eroi
    emular gloriose gesta

    vorria a volte
    l'alma mia indoma

    per cangiar il Mondo
    che migliori un giorno.

    Ma se l'arcaiche regole
    validità col tempo
    hanno perduto,

    come giustizia
    è diversa oggi,

    per gli eroi e i non eroi
    di oggigiorno,

    riduco il mio sogno
    e non mi sento più antico eroe,

    ma cerco nuove norme
    pè l general progresso.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO P.
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Un augurio particolare per l'anno nuovo

      "L dumilatre finalment" è passat
      e d' sta crisi so' davera stuff',
      si nun m'ha rott', sigura m'ha scucciat'.

      Si st'ann' avem' cumprat' a buff',
      sp. ram' tant' ch' l'ann' appena nat'
      purtass la salut' e i soldi a stuff'.

      Il duemilatre finalmente è passato/e di questa crisi sono davvero stufo, /se non mi ha rotto di sicuro mi ha scocciato. /Se quest'anno abbiamo comprato a debito, /speriamo tanto che l'anno appena nato/ci portasse la salute e i soldi a stufo (fino alla noia).
      Composta martedì 31 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Commenti:
        3
        Scritta da: Elisabetta
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Er presepio

        Ve ringrazio de core, brava gente,
        pé 'sti presepi che me preparate,
        ma che li fate a fa? Si poi v'odiate,
        si de st'amore non capite gnente...

        Pé st'amore sò nato e ce sò morto,
        da secoli lo spargo dalla croce,
        ma la parola mia pare 'na voce
        sperduta ner deserto, senza ascolto.

        La gente fa er presepe e nun me sente;
        cerca sempre de fallo più sfarzoso,
        però cià er core freddo e indifferente
        e nun capisce che senza l'amore
        è cianfrusaja che nun cià valore.
        Composta venerdì 27 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Di Maio
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Faccia come a casa sua

          Povero popolo mio, sei nato rassegnato,
          sò passati secoli, e t'hanno
          sempre dominato.

          Tedeschi, Francesi, Saraceni e Papalini
          qui pe tutti è stata festa
          e mai na vorta sei riuscito
          a arzà la testa.

          Stai sempre ad aspettà che piove
          ma na pianta, se nun jè dai acqua
          prima o poi te more.

          Nun sei mai stato fiero
          e te sei sempre consegnato a lo straniero.
          Nun hai ritegno e dignità
          e manco t'accorgi che te stai a suicidà.

          Te venni er voto ad ogni intruso fanfarone
          che s'arricchisce e t'ammazza,
          de fumo e de carbone.

          Pe te er concittadino
          è sempre stato un gran cretino,
          un deficente che nun sà fà niente,
          ar contrario der forestiero
          che è bello, bravo e intelligente.

          E qui te devo dà pure ragione,
          è vero, ce capisce
          ma t'ha fatto sempre
          er culo a striscie.

          Continua così. me raccommanno,
          e nun te preoccupà, nun c'avè fretta,
          er piatto ormai è voto
          e nun ce poi fà neppure la scarpetta.
          Composta lunedì 23 dicembre 2013
          Vota la poesia: Commenta