Aerei di carta

Pensieri, i miei,

annunciati da aerei di carta
e proiettati in cieli di piombo
da mani immature d'infante
che poco esaltano quei voli,

non ghermiti nell'aria dagli altri
e finiti prontamente in stallo,
crollando su incompresi oceani
dopo i succinti viaggi latenti,

perle,
dentro un cuore sprecato,
fatto di fogli stropicciati
e buttati via, nel biasimo,
in cestini di illusioni disciolte,
avvelenate dall'acido intorno,

mi corrodo dentro
e non sana, la bile,
ma m'interrogo ancora irruente,
se meritano il prodigar parole
di queste utopiche menti.
Composta martedì 12 gennaio 2010
Vota la poesia:10.00 in un voto

Commenti

2
postato da Marco Nuzzo, il 02/02/2010 alle 17:57:47
Marco Nuzzo
Grazie Francesca :)
1
postato da Francesca Zangrandi, il 01/02/2010 alle 22:00:04
Francesca Zangrandi
stupenda veramente

Invia il tuo commento
Vota la frase:10.00 in un voto

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti