Area Riservata

Poesie anonime


poesia postata da: Baobab16, in Poesie (Poesie anonime)
In bilico, tra il ricordo e l'oblio
da una parte la certezza di rivederti, una volta
dall altra viverti come quando non lo è stato mai.
Lunghe spiagge dorate che devote al loro mare
spartiscono il dolore antico di qualcosa incompiuto
dove solo nelle pareti dell'anima
ha il tempo per riposare e riprendere a camminare.
Composta
martedì 5 agosto 2014


poesia postata da: Taurio Luigi soli, in Poesie (Poesie anonime)

L'oceano e la mente

Sussurro alle stelle
Amore perduto
Sussurro alla luna
Gioia infinita

Guardale quelle
Stanno beate
Nel cielo vibrante
Blù scuro e luccicante

L'oceano s'infrange
Gabbiano sparuto
La libertà è la tua fortuna
Vita finita

Guarda che belle
Le meduse striate
Nell'acqua scivolano
in un istante immacolato
Nostalgia costante

Il cuore si spande
Spirito sperduto
L'oppressione, la mia è una
Mente minuta

Osservo le stelle
Di luce abbracciate
Nella mente rattristano
Pensando al passato
Che non tornerà più

Rimarrà per sempre nostalgico
Questo immenso mare blù.
Composta
martedì 15 luglio 2014


poesia postata da: Nicolas P., in Poesie (Poesie anonime, Poesie generazionali)
vorrei essere una sentinella
per poter osservare i sogni della stella più bella
in quella notte che spesso ci ha traditi
in quella notte che ha sbattuto porte
forte quanto il sentimento
del vento che ci soffia dentro
quell'amore,
quella passione che speso ci ha portato delusioni...
in questa notte vorrei solo che la mia stella più bella sia travolta dalla sentinella.

poesia postata da: Buisnessman, in Poesie (Poesie anonime)

Il trionfo della viltà

Che l'amore trionfi sussurrò colui
che era definito il vile,
colui che per le sue colpe era stato trafitto da qualsiasi verbo
che le persone erano un grado
di proferire in base a una sola campana suonante.
Da uomo schernito,
lui si alzò, guardo tutti e disse:
"che il mondo non mi abbia donato la perfezione io lo so,
ma mi ha donato la capacità di capire il mio errore e trasformalo
nel mio vantaggio più grande.
Chi parla è colei che l'amore non sa cos è e lo usa per dare
più corpo alla sua vita priva di evento,
al suo spirito privo di sogni.
Che l'amore trionfi,
ma per chi lo usa per sentirsi meno solo
sia il più grande dolore della sua vita"
questo è l'uomo vile,
che in un battito d'ali e uno sguardo rivolto al cielo,
cancella il suo passato e rivive nel sorriso di quelle persone
per cui lui è il valore non ciò che rappresenta.